Resta sintonizzato

Meteo

Meteo. Venerdì 23 luglio sole e caldo in aumento

Pubblicato

il

Venerdì 23 luglio avremo prevalenza di sole e caldo in aumento: si conferma in questa ultima parte della settimana l’avvio della terza ondata di calore sul nostro Paese.

Una nuova estensione dell’anticiclone nord-africano favorirà infatti l’afflusso di aria molto calda, specie in direzione delle regioni centro-meridionali e dell’Emilia Romagna dove si prevedono numerose punte oltre i 35 gradi e picchi localmente fino alla soglia dei 40 gradi, specie in Sardegna.

Il Nord, posizionato nell’area marginale dell’alta pressione, vivrà sabato la sua giornata più calda.

In Campania, come indica Meteo.it, venerdì 23 luglio, al mattino il tempo sarà soleggiato. Temperature minime quasi stazionarie. Nel pomeriggio cielo in prevalenza poco nuvoloso, salvo per locale addensamento di nubi a ridosso delle aree montuose, senza precipitazioni di rilievo. Temperature massime con poche variazioni. Venti deboli. Mari calmi o poco mossi.

campania

Maltempo, Pederzolli (Federbim): profondo cordoglio per i territori marchigiani colpiti dall’alluvione

Pubblicato

il

“Voglio manifestare a tutti i cittadini alle famiglie e alle imprese marchigiane colpite dall’alluvione, la più sincera solidarietà e vicinanza a nome mio e di tutta la Federazione.” Così Gianfranco Pederzolli, Presidente della Federbim, la Federazione Nazionale dei Consorzi di Bacino Imbrifero Montano, a seguito del violentissimo temporale che ha colpito i territori delle marche lo scorso giovedì.

“All’enorme dolore di queste ore e di questi giorni, si accosta l’ennesimo appello a potenziare le infrastrutture di messa in sicurezza del territorio, con lo scopo di arginare gli effetti di questi fenomeni atmosferici ai quali, purtroppo, sempre più frequentemente siamo costretti ad assistere – continua Pederzolli che conclude infine – lo storico impegno dei Consorzi BIM a investire i sovracanoni idroelettrici in tal senso non è evidentemente sufficiente.

Ma i Consorzi e la Federazione stessa sono pronti a raccogliere la sfida per un grande programma di investimenti che tenga conto della necessità di integrare le esigenze idriche, ambientali ed energetiche del Paese, tutte emerse con tale prepotenza in questo scorcio di secolo.”

Continua a leggere

campania

Allerta meteo in tutta la regione in arrivo anche dei venti forti

Pubblicato

il

È attualmente in atto sulla Campania una allerta meteo per piogge e temporali che per molte zone 3,5,6,8 (Penisola Sorrentino-Amalfitana,Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele, Piana Sele e Alto Cilento, Basso Cilento) è di livello Arancione e sulle restanti aree Giallo. Permane però un rischio idrogeologico localizzato di livello giallo (su tutta la Campania ad esclusione delle zone 1, 2 e 4: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Alto Volturno e Matese, Alta Irpinia e Sannio) dove potranno ancora verificarsi frane, caduta massi e smottamenti per effetto della saturazione dei suoli oltre che fenomeni come inondazioni e innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Continua a leggere

Meteo

Napoli, allerta meteo arancione dalle ore 21 di oggi, 15 settembre, per le successive 24 ore

Pubblicato

il

NAPOLI – La Protezione Civile ha diramato un comunicato riguardante la situazione meteorologica che caratterizzerà il clima della città dalle ore 21 di oggi 15 settembre alle ore 21 di domani 16 settembre. L’allerta di colore arancione è motivata dalle precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio e temporale che si abbatteranno sulla zona e che saranno localmente di moderata a forte intensità.
Questo quanto comunicato sul suto del Comune di Napoli:

Livello di ALLERTA:
ARANCIONE (moderata)

Tipologia di rischio:
Idrogeologico diffuso e idraulico localizzato

Principali scenari di evento ed effetti al suolo:
– Instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; 
– Significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; 
– Allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; 
– Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni); 
– Scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; 
– Occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, per la saturazione dei suoli.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante