Resta sintonizzato

Napoli

Comunali Napoli. “Grave che non sia stata fissata ancora data elezioni!”: il punto di vista di Alessandra Clemente

Pubblicato

il

In questo momento ci sono le forze politiche dietro a Manfredi, sostenuto da Mastella, De Mita, De Luca, da espressioni della destra come il consigliere Stanislao Lanzotti, che attualmente ancora siede nei banchi di centrodestra, e Cesaro. Io, dall’altro lato, rivendico una politica che non fa del trasformismo lo strumento per ingannare gli elettori, ma che crede in se stessa, nei suoi valori, nella sua appartenenza e che fa della città e delle persone il vero obiettivo” ha spiegato all‘Agenzia Dire la candidata sindaca di Napoli Alessandra Clemente parlando dello sfidante di centrosinistra e M5s Gaetano Manfredi.

Riguardo alle Comunali la Clemente ha anche affermato che sia grave che non ci sia ancora una data: “Noi dovevamo votare a maggio. A dicembre l’esperienza amministrativa aveva concluso la sua esperienza con l’approvazione del bilancio. Poi c’è stata la cattiva gestione del governo della pandemia e, quindi, la necessità di dover spostare il voto. E ancora oggi, per la paura di una cattiva gestione della pandemia, c’è incertezza sul voto”.

La candidata sindaca ha poi affermato “Le città hanno bisogno del rinnovo democratico. Io non posso far altro che ribadire che come eravamo pronti a maggio lo siamo anche ora. Chi lavora ogni giorno nelle città è sempre pronto, non sta seduto nelle stanze romane, ma vive quotidianamente le strade di Napoli“.

Affermando poi “Vedo tanti ministri in questo momento venire a Napoli. Mi piacerebbe averli visti durante questi anni, non soltanto ora per la campagna elettorale. Ma sono certa che con me sindaco saranno presenti sempre nella vita dei napoletani e nelle risposte che insieme dobbiamo dare al nostro territorio“.

Riguardo alla campagna elettorale la Clemente ha poi affermato anche quanto essa sia troppo distante dai bisogni reali della città “C’è una campagna elettorale che al momento sento distante dall’anima della città, dal corpo della città e anche dalle sue ferite. Io vado avanti e continuo con la determinazione e la forza delle idee che vengono dall’esperienza, la forza anche di un senso di riscatto che viene dalla consapevolezza della ricchezza di questa città, ma anche dalle tante sofferenze che ci sono“.

Sottolineando “Si parla di numeri, di liste. Io ai numeri e alle liste preferisco la serietà e la verità di un impegno e soprattutto le persone di questa città, le vere protagoniste non solo della campagna elettorale ma di un progetto per il nostro presente e per il nostro futuro, un futuro che sia forte e dedicato soprattutto alla giustizia sociale e ai diritti delle persone in tutti i quartieri di Napoli“.

Ho pensato sin dal primo momento che Sergio D’Angelo si sarebbe ritirato e ciò è accaduto. Credo che il primo elemento della scelta di un sindaco o di una sindaca sia quello della fiducia: bisogna fare ciò che si dice. È su questo valore importante che io sono certa di avere al mio fianco non soltanto chi è stato elemento importante in questi anni, ma soprattutto chi come me vuole partire dalle cose che bisogna ancora fare perché non c’erano i fondi a disposizione” ha poi spiegato Alessandra Clemente.

Concludendo “Ora i fondi ci sono. Penso ai 240 milioni del decreto Sostegni bis, che ancora non sono sufficienti ma sono il segno di nuovi mesi ad esempio di assunzioni per la città di
Napoli, e penso ai fondi del Recovery. Credo che Napoli possa lanciare un messaggio anche a tutto il Paese. Ma serve chi in questi anni ha maturato l’esperienza per realizzare quel cambiamento e quel miglioramento che desideriamo, chi ha anche il progetto politico più ambizioso, forte e coerente
“.

Campania

Colpo al clan Cesarano in carcere di nuovo il ras Vincenzo D’Apice

Pubblicato

il

Vincenzo D’Apice, ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco del clan Cesarano, torna in carcere. I carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia lo hanno arrestato in esecuzione di un provvedimento emesso dalla procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli.

l’autorità giudiziaria ha revocato la detenzione domiciliare alla quale era precedentemente sottoposto per motivi salute. D’Apice si trova ora nel carcere di Secondigliano a Napoli.

Continua a leggere

Campania

Lotta all’inquinamento ambientale: denunciato il titolare

Pubblicato

il

Continua la task force dei Carabinieri volti a controllare gli sversamenti illegali di rifiuti liquidi nel fiume Sarno e nei suoi affluenti. I militari appartenenti al Nucleo Investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale di Napoli del Gruppo Carabinieri forestale di Napoli hanno fatto un controllo di un azienda conserviera operante nel comune di Sant’Antonio Abate.

I militari hanno riscontrato molte irregolarità denunciando il proprietario per smaltimento illecito di rifiuti. I fori una volta individuati sono stati riempiti con cemento al fine di interrompere il deflusso dei fanghi di lavorazione.  Il personale ARPAC intervenuto ha proceduto ad effettuare il campionamento delle acque reflue. Il valore economico dei beni sequestrati ammonta a circa 200mila euro.

Continua a leggere

Campania

50 enne ubriaco picchia la moglie

Pubblicato

il

Nel corso della notte scorsa a Bellona  i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Capua hanno trattato un arresto di un uomo di 50 anni per violenze in famiglia. L uomo è stato colto in flagranza di reati e lesioni personali. L equipaggio radiomobile che è giunto sul posto ha accertato che costui era sotto l’effetto di sostanze alcoliche, poco prima del loro arrivo aveva inseguito e schiaffeggiato al volto la 45enne moglie. La vittima è dovuta andare all pronto soccorso per le cure mediche ospedale civile di Santa Maria Capua Vetere. L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante