Resta sintonizzato

Cronaca

Ruba soldi, pc e gioielli ad un paziente morto di Covid: nei guai infermiere del Monaldi

Pubblicato

il

Avrebbe dovuto assistere con senso del dovere e umanità i pazienti ricoverati in ospedale per Covid, d’altronde anche gli infermieri, così come i medici sono sottoposti al Giuramento di Ippocrate ma ad uno dei suoi assistiti, rubò oggetti preziosi dopo la sua morte.

Questo il capo d’accusa che porterà in tribunale il caporeparto dell’ospedale Monaldi di Napoli, che dovrà rispondere di appropriazione indebita.

Secondo gli inquirenti l’uomo, 61 anni, fece sparire gli oggetti personali di Bartolomeo Sorrentino, architetto morto proprio a causa delle complicanze del contagio. Nello specifico 150 euro, una collanina d’oro, un rosario, un cristallo e un computer.

A denunciare l’accaduto erano stati i figli del professionista che ora si confronteranno con il caporeparto del nosocomio partenopeo dinnanzi al giudice per l’udienza preliminare nel settembre prossimo.

I due, presumibilmente, si costituiranno parte civile in giudizio. Al di là di quelle che saranno le conseguenze del processo, resta una vicenda triste che ha colpito una famiglia già profondamente provata dalla morte di un loro caro. E resta l’incredibile accaduto, un furto a tutti gli effetti tra quelle stanze in cui un paziente dovrebbe sentirsi protetto e accudito anziché in pericolo.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Dramma nella notte, turista americano muore cadendo dall’hotel

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta questa notte a Paraggi, vicino Portofino, dove un 43enne turista americano, è precipitato dal balcone di un albergo. L’uomo, che stava trascorrendo le vacanze con la moglie, è rimasto bloccato sul terrazzo e ha provato a calarsi a terra, ma è morto sul colpo dopo un volo di tre metri. Sul posto, sono intervenuti i carabinieri e i sanitari del 118.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, era rientrato ieri in albergo dopo una gita e stava trascorrendo la serata sul balconcino dell’hotel con la moglie. Ad un certo punto, i due, hanno deciso di rientrare nella stanza, quando hanno constatato che la porta finestra non si riapriva. Così, il marito, ha provato a scavalcare un parapetto per calarsi da un’altezza di circa 3 metri. Tuttavia, pare che una mattonella su cui era appoggiato abbia ceduto, facendogli perdere l’equilibrio e facendolo precipitare.


   

Continua a leggere

Cronaca

Anziana picchiata dal compagno 37enne, lui inventa una storia assurda per giustificarsi

Pubblicato

il

Blitz all’alba degli agenti della Polizia di Stato, che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di Attilio Iodice, 44enne originario del casertano. Il provvedimento, è stato emesso a seguito delle indagini, che hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo, per il delitto commesso nel luglio 2017 ai danni della sua allora compagna 75enne. In particolare, nell’agosto di quell’anno la donna, venne ricoverata presso un ospedale umbro, poiché colta da convulsioni durante un viaggio dalla Campania a Varese. Tuttavia, i medici, si resero subito conto che l’anziana, presentava una serie di ecchimosi al volto e lesioni interne molto gravi, a causa delle quali non ha potuto più parlare.

Pertanto, le successive indagini, hanno permesso di sconfessare quanto dichiarato dall’uomo, portando alla conclusione che la donna, era rimasta vittima di un aggressione da parte del compagno, probabilmente scaturita da una lite. Infatti, dalle fonti raccolte, emergeva il ritratto di un uomo, che tendeva a stringere rapporti con donne molto più grandi di lui e particolarmente facoltose, verso le quali manifestava una ‘violenta’ gelosia. Una volta rintracciato, lo Iodice, è stato arrestato e associato presso la casa circondariale competente.

Continua a leggere

Cronaca

Ventenne perde la vita per aver ricordato ad un cliente l’obbligo di mascherina

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta a Idar-Oberstein, in Germania, dove un ventenne, è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa. Secondo una prima ricostruzione, la vittima, avrebbe fatto notare al cliente della stazione di benzina dove lavora, l’obbligo di portare la mascherina. Tuttavia, l’uomo, sarebbe tornato a casa per prendere una pistola che teneva nascosta, per poi tornare alla stazione: qui, la seconda richiesta da parte del giovane, che a quel punto, è stato sparato ed è morto sul colpo. Pertanto, il responsabile, ha subito ammesso l’omicidio e si è giustificato dicendo che, tutto ciò, è scaturito dal forte stress che la situazione pandemica gli ha procurato. Inoltre, ha poi affermato che, si era visto alle strette e doveva dare un segnale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante