Resta sintonizzato

Castel Volturno

Tragedia in spiaggia: papà annega per salvare il figlio

Pubblicato

il

Tragedia sul litorale di Castel Volturno dove un papà è morto dopo aver messo in salvo il figlio che stava annegando.

Per salvare il figlio che stava annegando non ha fatto caso che il suo corpo non era in grado di reggere allo sforzo: è così che un uomo è morto a causa di un infarto fulminante.

E’ finita così la vita di Michele, 62enne di Parete che è morto in spiaggia ad Ischitella davanti a migliaia di bagnanti.

Gli uomini del 118 sono subito giunti sul posto dopo la richiesta di aiuto ma purtroppo sono riusciti solo a constatare il decesso, nonostante i soccorsi siano arrivati subito.

Gli uomini del 118 dell’Asl Napoli 2 Nord sono intervenuti sul ‘Lido California’ e sul ‘Lido la Siesta’ e in tutti e due i casi non c’è stato nulla da fare.

Il 62enne di Parete, che aveva già problemi cardiaci, è morto a causa dell’ennesimo attacco di cuore.

Castel Volturno

Napoli: Ecco il nome del salvatore dei due bambini

Pubblicato

il

Rahnal Amarri è l’uomo che ha salvato la vita alle due creature che stavano annegando nel mare di Castel Volturno. Aveva 42 anni ed era di origine marocchina residente già nel Casertano era residente del Lido dei Gambiani e viveva nell’abitazione dei proprietari dello stabilimento balneare.

I fatti: ieri mattina, verso le 10, due bimbi di 6-7 anni, uno con i braccioli e l’altro senza, si sono tuffati e sono stati trascinati dalle correnti. I bambini hanno gridato per richiamare l’attenzione; Amarri e un’altra persona che stava raccogliendo frutti di mare si sono subito buttati in acqua. L’uomo è miracolosamente riuscito a trarli in salvo, ma a riva è arrivato cadavere, stroncato probabilmente da un malore. I bimbi salvati si sono letteralmente dileguati loro e i genitori.

Chi conosceva l’uomo lo descriveva come un grande lavoratore aveva una moglie e tre figli poi aveva un fratello residente a Firenze Rahnal gestiva da tempo lo stabilimento. Ora la salma è presso l’istituto di medicina legale, dopo i primi accertamenti compiuti sul posto dal pm di turno della Procura di Santa Maria Capua Vetere, dalla Guardia Costiera di Castel Volturno e dai sanitari del 118, il fatto è stato catalogato come un tragico incidente.

Il presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, è stato il primo politico a capire l’entità del gesto: “Rahhal Amarri non ha esitato un istante per salvare due bambini in difficoltà fra le onde sul litorale di Castel Volturno. Con coraggio si è tuffato in mare e li ha riportati a riva. Subito dopo però ha avuto un malore e non è stato possibile rianimarlo. Un gesto di eroismo e di enorme altruismo. Un gesto che non possiamo dimenticare. Alla sua famiglia e ai suoi cari va la mia piena vicinanza.”

Continua a leggere

Calcio

Castel Volturno, uomo sfonda i cancelli del centro allenamenti di Napoli

Pubblicato

il

Un uomo è ricercato dalle forze dell’ordine per aver questo pomeriggio sfondato i cancelli del centro di allenamento del Napoli a Castel Volturno. Per fortuna non ci sono conseguenze perché i giocatori, quelli rimasti in città e non convocati dalle rispettive Nazionali, non si trovavano ancora sui tre campi ma negli spogliatoi.

A raccontare l’episodio è Sky Sport che spiega come un uomo alla guida di un’utilitaria di colore scuro avrebbe forzato nel pomeriggio di oggi i cancelli di ingresso. Ma non si sarebbe fermato all’entrata, il conducente avrebbe percorso a tutta velocità i tre campi da calcio lasciando poi la vettura in prossimità del campo da golf. L’uomo poi sarebbe scappato a piedi ed è ancora ricercato dalle forze dell’ordine giunte sul posto dopo la chiamata dello staff azzurro. Solo tanto spavento quindi per i giocatori di Spalletti chiamati dopo la pausa per le Nazionali ad affrontare il 3 aprile l’Atalanta.

Continua a leggere

Castel Volturno

Castel Volturno, venditore di mimose aggredisce i vigili dopo una multa

Pubblicato

il

Momenti di panico a Castel Volturno, dove un venditore ambulante di mimose è stato multato ed ha reagito sfondato la vetrata dell’ufficio della Polizia Municipale. Accade nella mattinata di oggi, quando il 37enne D.M., del posto, è stato denunciato con le accuse di danneggiamento, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Gli agenti hanno sequestrato il materiale non conforme e mimose in occasione della ricorrenza dell’8 marzo. In totale, hanno elevato multe per un totale di 15mila euro.

Tra i sanzionati anche il 37enne, che ha reagito male dopo aver ricevuto il verbale. Prima si è recato presso il comando insultando gli agenti, poi con un pugno ha sfondato la vetrata. Le schegge sono finite anche addosso ad una vigilesse che, per fortuna, non ha riportato lesioni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante