Resta sintonizzato

Politica

Conte a Salerno: “Col Pd dialogo privilegiato, ma qui con liste civiche”

Pubblicato

il

“Con il Pd noi abbiamo un dialogo privilegiato e anche con Liberi e Uguali perché abbiamo lavorato anche a livello nazionale e, in particolare con il Conte due.
    Quindi abbiamo un’area ampia di centrosinistra che ci consente di sperimentare soluzioni”.

Lo ha detto a Salerno il presidente del M5s, Giuseppe Conte parlando delle alleanze in vista delle elezioni amministrative. “In alcune competizioni territoriali questo dialogo ha dato dei frutti – ha aggiunto – In altre invece come qui a Salerno c’è una proposta che vede il Movimento con una serie di liste civiche e con una candidata che io credo abbia tutte le qualità per far bene e interpretare questo progetto”.
    Riguardo la scelta fatta dalla ‘base’ di allestire un progetto alternativo rispetto ai parlamentari, Conte ha spiegato: “Dovunque giro nel Movimento 5 Stelle, la ‘base’ è tutta entusiasta di questo nuovo corso, una nota dissenziente ci sta in un sistema democratico”. (ANSA)

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Alessandra Clemente: “Non accettabile politica in istituzione pubblica come l’Università”

Pubblicato

il

Napoli – “Leggo che tra le liste a sostegno di Gaetano Manfredi c’è chi utilizza mezzi, canali e risorse dell’Università di Napoli Federico II per fare campagna elettorale all’ex rettore: questo non è accettabile”. Lo dichiara la candidata sindaco di Napoli Alessandra Clemente. “Il professor Bruno Amato – aggiunge Clemente – sostiene di essere incappato in un errore dettato dall’inesperienza politica, nonostante già candidato nel 2011 nelle liste del Pdl a sostegno di Gianni Lettieri. Un dato non trascurabile che getta ulteriori ombre su una candidatura, quella di Manfredi, finora caratterizzatasi per eterogeneità e incompatibilità politica tra le liste a suo sostegno.
É grave – continua la candidata – che una istituzione pubblica come l’Università, che dovrebbe essere lasciata fuori dagli interessi politici particolari, venga utilizzata come una cassa dalla quale pescare voti come se fosse un potentato personale. 

Che senso ha creare un fascicolo da consegnare a Manfredi, entro il quale segnalare i professori della Federico II che lo sostengono, le loro posizioni accademiche e quanti voti sono disposti a portare alla sua candidatura? Questa – conclude – ha tutta l’aria di essere una schedatura da fare tra i sostenitori di Manfredi all’interno dell’Università, una lista di “eletti” da far valere per una finalità di cui onestamente, mossi da buonafede o forse da ingenuità, ci sfugge il senso”.

Continua a leggere

Politica

Scontro M5S-Fdi, Santillo replica a Meloni: “Da lei non accettiamo lezioni”

Pubblicato

il

Caserta, 21 settembre 2021. Agostino Santillo, vicepresidente del Gruppo M5S al Senato della Repubblica, è intervenuto sullo scontro tra Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia, replicando alla Meloni:

In merito alle dichiarazioni fatte da Giorgia Meloni riguardo la posizione del Movimento 5 Stelle a Caserta, voglio dire chiaramente che noi casertani non prendiamo lezioni da chi definisce il reddito di cittadinanza come metadone e quindi i percettori come dei tossici. Una persona che offende chi si trova in condizioni di difficoltà nella vita e utilizza legittimamente uno strumento messo a disposizione dallo Stato, non merita alcuna risposta.

La Meloni si preoccupi dei suoi problemi, il Movimento è in ottime mani ed è forte di una solida identità, a differenza di chi la propria identità l’ha costruita sui danni del berlusconismo“.

Continua a leggere

Attualità

Schinas su migrazione: “L’Europa resterà al fianco dell’Italia, ma servono regole ferme”

Pubblicato

il

“Un piacere discutere con Luciana Lamorgese al Viminale oggi a Roma. Questa settimana ricorre un anno dalla presentazione del Patto Ue su migrazione e asilo. L’Europa starà al fianco dell’Italia e l’assisterà finanziariamente e operativamente, ma ora abbiamo bisogno di regole ferme ed eque per tutti gli Stati membri, per il futuro”. Sono state queste le parole proferite da Margaritis Schinas, vicepresidente della Comissione europea, nella giornata di oggi a Roma.

Secondo quanto ha spiegato Schinas in un’intervista esclusiva al portale di informazione Euractiv, potrebbe essere raggiunto un accordo finale sul nuovo patto migratorio europeo subito dopo le elezioni presidenziali francesi dell’aprile 2022.

“Siamo molto prossimi alle elezioni tedesche, subito dopo avremo un processo di mesi per formare un governo che coinciderà essenzialmente con la campagna elettorale per le elezioni presidenziali francesi”, ha riferito il vicepresidente. “Capisco che i prossimi mesi saranno molto difficili per un accordo definitivo, ma credo, e sono ottimista, che subito dopo le elezioni francesi entreremo in un rapidissimo processo di convergenza e di accordo definitivo”, ha concluso il commissario.

“Il ministro Lamorgese ha lanciato un messaggio molto forte, che l’Italia ha bisogno e merita il sostegno europeo sulla migrazione ed ha ragione. Il ministro sta facendo un ottimo lavoro per il suo Paese“.

“Per anni abbiamo avuto lo stesso problema in Europa e cioè che tutti pensano che la migrazione sia il problema di qualcun altro. Non è così. Le sfide della Lituania al confine con la Bielorussia sono sfide per tutta l’Unione europea. Così come gli arrivi in Italia sono gli arrivi in Europa. Abbiamo bisogno di un approccio europeo comune alla migrazione. Un approccio che tenga conto della situazione specifica dell’Italia”.

“Nel breve termine continueremo ad assistere l’Italia dal punto di vista operativo e finanziario e con ricollocamenti ad hoc, ma per affrontare adeguatamente le sfide a lungo termine abbiamo bisogno di un sistema sostenibile con la solidarietà incorporata nel diritto dell’Ue. Questo è ciò che può fornire il nuovo Patto sulla migrazione e l’asilo ed è per questo che dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi collettivi” per attuarlo.

Su twitter, Schinas aggiunge: “Grato a sua Eminenza il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato del Vaticano, per la calorosa accoglienza nella Santa Sede. Scambio cordiale sull’azione dell’Ue in materia di migrazione, risposta alla pandemia, dialogo con la Chiesa e protezione della libertà dei religione e fede in tutto il mondo”.

“Il 2020 ha segnato il 50mo anniversario della cooperazione tra la Santa Sede e le istituzioni europee. Oggi restiamo forti alleati nelle sfide globali come la migrazione, la salute pubblica e la risposta alla pandemia e la protezione della libertà di religione e credo in tutto il mondo”.

Così Schinas ha riferio al termine del suo incontro col cardinale Pietro Parolin. “È stato un grande onore essere ricevuto dal cardinale Parolin. In qualità di vicepresidente responsabile del dialogo della Commissione con le religioni, tale impegno è essenziale per contrastare le voci di divisione e di odio in Europa e nel mondo e sono grato alla Santa Sede per il loro spirito di cooperazione”, ha affermato Schinas.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante