Resta sintonizzato

Attualità

Alessandra Clemente: un piano trasporti per i cittadini.

Pubblicato

il

NAPOLI“ABBIAMO LE SOLUZIONI, VOGLIAMO ATTUARLE LAVORANDO CON REGIONE E GOVERNO”

LE CRITICITÀ

Dal 2009 al 2012, a livello nazionale, il Fondo Nazionale Trasporti è stato tagliato di circa il 20%. Nel 2013 con legge di stabilità il Ministero dei Trasporti ha istituito un Fondo Nazionale TPL trasporto pubblico locale da allocare alle Regioni che a loro volta distribuiscono i fondi necessari ad espletare il servizio minimo ai singoli comuni.

Nella suddivisione dei fondi la Campania ha una fetta di 650 milioni l’anno che ripartisce tra le varie aziende pubbliche locali. Ad ANM che si occupa di linea della Metro 1 e 6, tram, filobus e servizio bus attribuisce 73 milioni. Il Comune di Napoli è l’unico in Italia a contribuire con oltre il 50% dei fondi all’espletazione del servizio, mentre gli altri comuni Italiani partecipano alla spesa solo per un 10%. Ad integrazione dei corrispettivi erogati dalla Regione, aggiunge infatti una somma addizionale per l’espletamento del servizio di 50/60 milioni l’anno.

Un budget di gestione quindi di 130 – 120 milioni, insufficiente alle attuali esigenze della cittàBasti pensare che la Regione Lombardia riceve fondi per 1,6 miliardi di euro dal Fondo Nazionale Trasporti e destina il 45% di queste risorse alla città di Milano, 730 milioni circa. La Campania dei 730 milioni ricevuti ne impiega per Napoli solo il 10%, 73 milioni: i cittadini di Napoli dispongono di un decimo delle risorse per il trasporto pubblico rispetto a quelli di Milano. 

La mancanza di fondi per la gestione determina anche il ritardo nell’apertura della Metro 6, i cui lavori sono di fatto terminati. 

Effettuando una proiezione del costo standard sulla base dei volumi di attività realizzati nel 2017, si calcola che ci sono circa 60/70 milioni di risorse mancanti per poter far funzionare il servizio come si deve. E nel 2017 non erano considerate la linea M6 e le nuove stazioni aperte in seguito. 

La gestione del trasporto metropolitano da parte di più enti ANM, CTP e EAV non integrati comporta poi l’impossibilità di creare biglietti unici e una gestione ottimale del servizio di trasporto.

LE SOLUZIONI

Per questo nel mio programma di candidata sindaco prevedo l’istituzione di una cabina di regia inter-istituzionale “Trasporto pubblico Napoli” per pianificare in sinergia con le istituzioni regionali e nazionali:

  • il ricalcolo la divisione del TPL campano per Napoli in base alle reali esigenze del servizio adeguato, alle nuove stazioni, a nuove linee e ad una frequenza di corse ogni 4 minuti sugli standard europei; 
  • il ricollocamento di concerto con la Regione dei fondi per il servizio minimo su progetti di miglioramento, come le corse notturne;
  • il reperimento di risorse, non più solo con il sovvenzionamento pubblico, ma anche creando parcheggi, pubblicità e servizi di micromobilità al cittadino. 

COSA É STATO FATTO

Molto è stato fatto in questi anni. Con l’apertura della Stazione DUOMO la Metropolitana 1 di Napoli arriva 12 stazioni d’arte, tra le 19 aperte.  Il Comune di Napoli ha impiegato circa 250 milioni di euro per 24 nuovi treni della metropolitana più performanti e veloci. La pandemia ne ha rallentato la produzione e il collaudo, ma grazie ai nuovi treni riusciremo ad avere una frequenza delle corse ogni 4 minuti e le corse notturne fino alle 2 di notte. 

Nel 2023 apriranno le stazioni Tribunale, Poggioreale e Capodichino: si va verso la creazione di un anello con la congiunzione Scampia – Capodichino che permetterà un grande risparmio di tempo.

É stata rinnovata la flotta di autobus acquistandone di nuovi, più efficienti, confortevoli ed ecologici. Sono state anche ottimizzata le linee, garantendo il servizio sulle direttrici a forte domanda. 

IL MIO PIANO PER I TRASPORTI

Non basta risanare i bilanci delle partecipate comunali per avre un miglior trasporto urbano. Abbiamo bisogno di una visione che porti Napoli in breve tempo ad essere al pari con le principali città europee per efficienza. Ecco come intendiamo realizzarlo:

  • Grazie ai 750 milioni di euro dedicati ai trasporti per Napoli nel PNRR implementare e migliorare il sistema dei trasporti ecologici e il BRT (bus rapid transit) con un occhio di riguardo alle metropolitane, incluso un ulteriore potenziamento della flotta di elettrotreni e l’estensione della linea 6 fino a Nisida. 
  • Creare una partnership tra le aziende oggi esistenti ANM, EAV, CTP per tutti i trasporti della città così da velocizzare le procedure e avere servizio più efficace ed efficiente nonché la possibilità di un biglietto unico e biglietti turistici di 3,5,7 giorni come tutte le grandi metropoli. 
  • Digitalizzare i ticket con app e QR code da cellulare con credito per pagare singole corse anche in stazione.
  • Dotare le stazioni e l’intera linea metropolitana di rete telefonica mobile e wi-fi. 
  • Consentire l’interscambio tra linee metropolitane e le altre forme di trasporto. Creare quindi connessioni tra la cumana e la circumflegrea con le linee 1, 2 e 6 della metropolitana e raggiungere Afragola grazie al collegamento con le linee 1 e 2. 
  • Portare  la frequenza delle corse della metropolitana a 4 minuti e renderla attiva fino alle 2 di notte. 
  • Reistituire il tram che collegava San Giovanni a Mergellina: un tram del mare ché unirà i vari lungomare della città.
  • Un sistema di trasporti capillare ed ecologico, con l’acquisto di mezzi elettrici e ad idrogeno, così da svuotare i centri storici dalle auto e rendere Napoli più sana e accessibile. 
  • La Napoli che abbiamo l’ambizione di costruire è una Napoli dei 15 minuti. Faremo in modo che i cittadini e le cittadine possano raggiungere i servizi fondamentali nei loro quartieri in 15 minuti, sviluppando i servizi di prossimità.
Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli: “impossibile utilizzare i mezzi”. La denuncia di un cittadino

Pubblicato

il

NAPOLI – “I mezzi di Napoli? Inesistenti!”. Così denuncia un ragazzo al programma radiofonico La Radiazza al conduttore Gianni Simioli, dopo aver narrato la sua epopea sul canali social.

Sul tavolo degli imputati si trova ancora una volta l’apparato dei mezzi di trasporto napoletani che soprattutto negli ultimi tempi, lasciano poche speranze ai cittadini.

Dopo la ripresa delle attività commerciali e delle aperture scolastiche ed universitari il peso della inefficienza del sistema si fa sentire maggiormente sul piatto della bilancia e non mancano testimonianze che altro non fanno che confermare quanto già riconosciuto dalla collettività.

Ciao Gianni , buonasera , ti scrivo per raccontarti quello che ho vissuto stasera (sabato sera, ndr) in prima persona, qualcosa che per molti potrebbe sembrare ‘na fesseria ma che per me ha significato toccare con mano un enorme problema si di inciviltà che di organizzazione della città: rimanere letteralmente a piedi a causa degli orari della metro e della maleducazione di ragazzini di 14/15 anni” così scrive il ragazzo al radiofonico Simioli.

Giovanni racconta di essere salito sul treno alla stazione Toledo, un treno strabordante di persone. Elemento che senz’altro lascia a desiderare considerando la non debellazione del virus Covid-19.

Quando si sono chiuse le porte, però, il convoglio non è partito e allora un gruppo di ragazzini ha danneggiato una porta e alcuni finestrini di un vagone.

Il risultato: la corsa, l’ultima della Linea 1, è stata cancellata e i passeggeri hanno dovuto lasciare il treno cercando altri mezzi di fortuna o proseguendo a piedi per raggiungere le proprie destinazioni.

“Una volta che siano riusciti a scendere – conclude il suo racconto Giovanni – io ho dovuto farmela a piedi da via Toledo al Vomero (che poi non fa male) perché non è concepibile non avere un alternativa alla metro, soprattutto di sabato sera, quando la città è più viva che mai”.

Continua a leggere

Attualità

ZTL a Marechiaro: il Comune revoca la proroga e si scatena il caos

Pubblicato

il

NAPOLI – Il Comune di Napoli nella settimana appena trascorsa aveva prorogato fino al 30 di ottobre la Ztl a Marechiaro.

Esigenza dovuta all’importante caos registrato negli ultimi tempi dovuto non solo alla viabilità dei residenti, ma di tutti coloro siano intenzionati ad accedere alle spiagge della zona posillipina.

Nonostante i primi risultati positivi, la proroga è stata ritirata ed appena le telecamere dei varchi elettronici sono state spente (normalmente tale azione sarebbe stata effettuata il 20 del mese di settembre) i passaggi sono stati presi di mira dai cittadini che si sono recati nella zona in numerosi.

Tale è stata la calca che la Questura di Napoli la scorsa settimana ha chiesto al Comune di riattivare la Ztl nel weekend e prorogarla fino al mese prossimo, precisamente al 30 ottobre. Data giustificata anche dalle previsioni meteo che si registrano favorevoli sino a tale giorno.

Il Municipio, però, come detto, prima ha pubblicato l’ordinanza per riattivare la Ztl a partire da sabato 25 settembre, poi, dopo 4 giorni, l’ha revocata, perché la segnaletica e i cartelli che sono presenti in zona non sono stati aggiornati con le nuove date e avrebbero potuto trarre in inganno gli automobilisti e perché vanno riprogrammate anche le telecamere del varco elettronico.

Non si contano i tentativi dei napoletani di aggirare le telecamere, ad agosto sono stati ripresi addirittura con le mascherine anti-Covid sulle targhe degli scooter.

“Problematiche di rilevante congestione da traffico veicolare e sovraffollamenti nel tratto di Via Marechiaro connessi al considerevole flusso di persone e veicoli privati durante il decorso fine settimana che ha determinato ripercussioni sulla viabilità dell’intera zona”.

Questo quanto espresso dal Comune di Napoli, intenzionato ad adottare provvedimenti importanti per multare gli inosservanti delle regole.

Continua a leggere

Attualità

“Sei sangue e corpo di Napoli”: gli auguri di De Magistris a Sophia Loren

Pubblicato

il

NAPOLI – Oggi corre il compleanno di Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, in arte Sofia Loren. Considerata una delle più grandi attrici della storia del cinema, è, senza alcun dubbio, la diva del cinema italiano.

Inimitabile, sorprendente, talentuosa, affascinante. Sono solo alcuni degli aggettivi che potrebbero esserle attribuiti. Nata a Roma il 20 settembre del 1934, oggi compie 87 anni. Compleanno che, nonostante la sua fama sia immortale, scandisce il tempo di una donna cui dobbiamo il nostro augurio ed il nostro pensiero.

Nata e cresciuta a Pozzuoli, di cui era originaria la famiglia, è stata ricordata dal Sindaco di Napoli in un post pubblicato sui sociale network con le seguenti parole:

“Anche se per noi sei senza età, ti facciamo tantissimi auguri per il tuo compleanno. Cara Sophia, sangue e corpo di questa città, Napoli ti stringe in un forte abbraccio. Diva del cinema internazionale, è un’icona anche di Napoli nel mondo.”

Parole condivise dalla cittadinanza napoletana che sempre la ricorda con grande affetto e premura.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante