Resta sintonizzato

Lavoro

Caso Whirpool: intervengono i sindacati. Nuovo appuntamento per mercoledì mattina

Pubblicato

il

NAPOLI – Mercoledì mattina le organizzazioni sindacali Fiom, Fim e Uilm si riuniranno in assemblea con i lavoratori della Whirlpool per decidere le iniziative a supporto della vertenza. Il primo argomento del dibattito sarà inerente il coinvolgimento delle istituzioni locali “che, in questa fase, devono supportare più di prima le istanze sindacali per evitare la conseguente drammatizzazione della vicenda a seguito dei licenziamenti”.

“Visti gli impegni assunti direttamente dal presidente del Consiglio Mario Draghi e dai massimi livelli di tutte le forze politiche anche in Parlamento – spiegano al termine di un incontro in videoconferenza con l’azienda – richiediamo un coinvolgimento diretto del ministero del Lavoro, nella persona del ministro Orlando, e del ministero dello Sviluppo Economico nella persona del ministro Giorgetti, per i propri ambiti di competenza e l’attivazione della cabina di regia a Palazzo Chigi per la mancata attivazione delle 13 settimane Covid, come previsto dall’avviso comune sullo sbocco dei licenziamenti”.

“Dopo più di due anni la vertenza Whirlpool deve trovare una soluzione all’altezza degli impegni sottoscritti e ribaditi più volte da tutti gli attori istituzionali”, concludono. (ANSA).

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lavoro

Draghi firma il Dpcm: dal 15 ottobre il ritorno in ufficio dei dipendenti pubblici

Pubblicato

il

ROMA – Tornano in ufficio i tre milioni e duecentomila dipendenti pubblici

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato il Dpcm. Dal 15 ottobre ritorna la “modalità ordinaria” di lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Sarà in presenza e spetterà alla pubblica amministrazione assicurare che questo avvenga in condizioni di sicurezza e nel rispetto delle misure anti Covid previste per la ripresa.

Si apre l’era della nuova normalità e si completa il quadro avviato con l’estensione dell’obbligo del green pass al mondo del lavoro“. Lo ha detto il ministro della pubblica amministrazione Renato Brunetta, che da settimane insiste per riportare in ufficio impiegati e dirigenti.

Una vittoria dopo 2 anni di chiusure degli uffici che segna il ritorno ad una normalità a cui non siamo più abituati. Il 15 del prossimo mese, tralatro, è proprio il giorno in cui la certificazione verde sarà indispensabile per lavorare.

In attesa che la Consulta si pronunci sul ricorso degli oltre 27mila sottoscrittori della petizione contro il green pass nella scuola – la maggioranza dei ministeriali, del personale delle agenzie fiscali, dei dipendenti degli enti locali e degli enti pubblici non economici, dovrà abbandonare lo smart working in vigore da oltre un anno e tornale alla scrivania.

Nell’attuale fase storica ed economica che il Paese sta vivendo, occorre sostenere cittadini e imprese nelle attività connesse allo sviluppo delle attività produttive e all’attuazione del Pnrr” Così si conclude la relazione illustrativa che accompagna il Dpcm.

Continua a leggere

Attualità

Green Pass obbligatorio per insegnanti e personale non docente, ma 1 su 10 non si è ancora vaccinato

Pubblicato

il

ROMA – Dal primo settembre insegnanti e personale non docente devono esibire il Green Pass per entrare a scuola: secondo il decreto legge del 6 agosto scorso, il certificato è il presupposto per ricominciare la scuola in presenza.

Tuttavia, sono ancora in molti a non aver rispettato le misure richieste. Si stima, secondo l’ultimo aggiornamento del 27 agosto, che la popolazione del personale scolastico cui non siamo stato somministrato il vaccino sia del 9,55%. Dunque 1 su 10 dipendenti non è dotato di Green Pass.

La mancata dotazione del certificato verde, e dunque l’inosservanza delle regole, sarà seguita da un provvedimento piuttosto gravoso. Il dipendente sarà infatti considerato assente ingiustificato e dopo cinque giorni di assenza verrà sospeso. Ma la nota più amara è la manca retribuzione.

Il Ministero dell’istruzione ha emanato delle circolari per spiegare le novità previste. Ieri si è svolta una conferenza con i presidi che, secondo la legge, saranno tenuti al controllo della normativa sul Green Pass obbligatorio, ma potranno anche delegare ad altri membri del personale scolastico. Le modalità non sono ancora chiare.

Le misure sono state inserite anche per evitare la didattica a distanza, che aveva portato a un grave calo di rendimento, visibile nelle prove Invalsi del 2021: la quota degli studenti che non ha raggiunto il livello minimo nell’apprendimento della lingua italiana è passata da 34% del 2018 al 39% del 2021, e in matematica la quota degli studenti che non ha raggiunto il livello minimo è passata dal 40% del 2018 al 44% del 2021.

dani.zoncu05Oddio comunque solo 1/10 mi sembra un gran risultatoPiace a 105 personeRispondi

_a.m.photo_È tipo i 9 dentisti su 10 della mentadent. C’è sempre lo stronzo in disaccordo.

Continua a leggere

Casalnuovo

Casalnuovo di Napoli: apre il bando per 22 posti da Istruttore di Vigilanza

Pubblicato

il

NAPOLI – A Casalnuovo di Napoli apre il bando per titolo ed esami per la copertura di 22 posti di Istruttore di Vigilanza – Agenti di P.M. (Categoria C).

Sul Sito del Comune è stato pubblicato l’avviso per i candidati ammessi, che hanno superato le prove preselettive.

E’ richiesto il diploma di maturità, quale titolo di studi, ed il possesso della patente di guida ed una serie di requisiti psico-fisici visionabili leggendo l’articolo 2 del bando di concorso.

La domanda di partecipazione deve essere redatta su carta semplice, utilizzando il modulo presente nelle ultime pagine del bando, e seguendo le indicazioni riportate nel bando stesso presso il sito del Comune di Casalnuovo di Napoli.

La prova scritta si svolgerà il giorno 13 Settembre 2021 alle ore 09:00 presso la sede “Istituto Comprensivo – Raffaele Viviani” Via Zi’ Carlo n.16 – 80013 Casalnuovo di Napoli.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante