Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

Castel dell’Ovo: visite gratuite nelle Giornate Europee del Patrimonio (GEP)

Pubblicato

il

Sabato 25 e domenica 26 settembre tornano le Giornate Europee del Patrimonio (GEP). “Patrimonio culturale: TUTTI inclusi!”: questo lo slogan di carattere inclusivo assegnato alle giornate culturali deciso dai gestori.

Per quest’anno il Segretariato regionale del Ministero della Cultura per la Campania aderisce alle GEP ed offre la possibilità di scoprire i magnifici scorci di Castel dell’Ovo, luogo di straordinaria rilevanza non solo storico-artistica, ma anche paesaggistica.

Con la collaborazione del Comune di Napoli e del SAAD (Servizio di Ateneo per le Attività degli studenti con Disabilità e DSA) dell’Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa, verrà attivato un percorso di visita multisensoriale che consentirà la partecipazione di visitatori iscritti all’Unione Ciechi e Ipovedenti della regione Campania. Infatti, durante questa esperienza, si potranno assaporare sensazioni uditive, olfattive e tattili, oltre ovviamente alla narrazione: il tutto coinvolgerà la persona nella sua totalità.

Sono previste visite guidate tramite cui sarà possibile conoscere la storia del sito e le sue trasformazioni. Sarà, inoltre, possibile accedere ad alcuni spazi solitamente sottratti alla visita, quali la Sala dell’Arco Maggiore, il Bastione del Principale e la Chiesa del Salvatore.

L’ingresso è gratuito. Le visite avranno durata di 90 minuti. L’accesso sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2, del D.L. 52/2021.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura e spettacolo

“Quanno torna Vierno”. Intervista al cantautore ArSal

Pubblicato

il

Ha scelto di cantare in napoletano: ma il suo stile non è quel neomelodico mass-mediatico né la Trap dei nuovi cliché di tendenza, generi che vanno per la maggiore. E non propone alcunché di innovativo sotto il profilo musicale: possiamo affermare serenamente che Il suo è un insuccesso annunciato?

Beh sì, ad essere ottimisti… Definirei la mia scelta una ricerca introspettiva, tra emozioni sopite che riaffiorano con forza, dubbi angoscianti e intimi dolori. Musica cantautoriale? Lascio che siano gli altri ad esprimere dei giudizi sul mio conto: nel bene e soprattutto nel male. 

“Quanno torna vierno” è il titolo del primo estratto dal suo album d’esordio: Tiempo (a breve disponibile sulle principali piattaforme digitali, ndr) : nove brani, più due edit version.

Ed un unico filo conduttore, il tempo, che sottende una riflessione profonda sulla vita. Un concept album, si direbbe. Il tempo esteriore, categoria della precarietà e delle umane fragilità, delle contraddizioni feroci di una società cinica ed ipocrita, e quello interiore, metro della consapevolezza sulla fugacità e l’incertezza della nostra condizione che genera sgomento, ma anche ri-elaborazione del dolore, resilienza.  E poi l’amore, che non ha tempo, cantato in tutte le sue accezioni.

Le mie sensazioni, dopo una prima visione: gli arrangiamenti risultano molti curati, una buona scrittura in un napoletano molto forbito, (che qualcuno potrebbe però considerare antiquato) interpretazione molto intensa (che in qualche misura ripaga di tanta imperfezione canora) ed un video davvero ben girato, montato con un taglio estremamente professionale, delicato e a tratti lirico, in grado di donare qualche sprazzo gradevole di originalità. A primo impatto suggerisce una canzone d’amore, ma nel finale si comprende che il messaggio sia altro: quello di uno struggente commiato, di un sofferto e malinconico addio.

La si intenda comunque come una canzone d’amore, di un amore inteso in senso più ampio: è volontà di riconciliazione, catarsi dal dolore, desiderio commosso di riabbracciare chi ci manca in questa vita

Da dove nasce l’ispirazione?

L’idea prende forma nell’Aprile del 2020 durante la catastrofica primavera del picco pandemico: fui particolarmente colpito dalla condizione dei degenti, costretti, per le rigorose normative sanitarie, all’isolamento ospedaliero (e talora domestico) forzato: una pratica senz’altro scientifica, ma incredibilmente disumana, che ha condannato moltissimi ammalati, anche non-covid, ( e la cosa avviene ancora tutt’oggi), a trascorrere gli ultimi giorni della propria vita senza alcun conforto morale e ristoro amorevole: donne, uomini, spesso anziani, totalmente abbandonati alla propria sofferenza fisica e psicologica. Una condizione straziante non solo per i pazienti, ma anche per i loro congiunti, privati del diritto di vegliare e accudire chi amassero. Questa canzone è dunque non solo l’elaborazione di un lutto, ma anche l’intima necessità di liberarsi da quel senso di colpa che nasce dall’abbandono, seppur non volontario. Giorni angoscianti di un tempo sospeso, tra silenzi iniqui e logorante sconforto, il cui epilogo era spesso la comunicazione telefonica del sopraggiunto decesso. Ho steso i primi versi in italiano: quando ho poi deciso di trasporre in musica, le note sulla chitarra, che erano lì ad attendermi, “hanno preteso” una traduzione e rielaborazione in napoletano, lingua che avverto più efficace nella resa semantica, per musicalità ed intensità emotiva.

Vorrei concludere questa intervista con un ultimo riferimento al brano, per fornire una chiave di lettura all’ascoltatore.

Scelgo alcuni dei versi più emblematici- “Affido al vento primaverile il profumo del fiore, che per te non ho raccolto; e lascio che sia una pioggia gentile a bagnare le tue labbra, con la stessa premura che avrei, se ora io fossi al tuo capezzale. Chiudi i tuoi occhi, amore mio, e scivola via dolcemente; il frastuono insopportabile di un Mondo caotico, che confonde, atterrisce, come il baccano spaventoso dei macchinari di sala, sparirà, come d’incanto. E con esso il dolore, ed ogni tua paura.”

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Cetara tra le mete di maggior successo dell’estate 2021

Pubblicato

il

SALERNO – Cetara è un borgo piccolo situato in Costiera Amalfitana ma ha forti legami con le tradizioni e le attività economiche come la pesca e la colatura delle alici. Un autentico e fascinoso borgo marinaro.

Una volta erano sparuti agglomerati di case oggi se ne contano alcuni di più. Arroccate su un lieve promontorio che s’affaccia su un’insenatura che incanta. Le case sembrano essere guardate dalla Torre Saracena che risalta per tipicità e collocazione.

Marina di Cetara è invece lo sguardo del centro sul mare che ha acque chiare come acqua sorgiva. Un borgo di pescatori reso particolare dalle sue case scavate nella roccia prospiciente il mare e per le tante barche colorate che caratterizzano l’essenza non solo
storica del borgo.

Al di là del porto, l’arenile artificiale della Spiaggia del Porto risalente agli anni 80. Un’altra spiaggia meno conosciuta ma non meno bella, alla quale si può accedere solo a piedi attraverso una rampa di scale, è quella di Lannio.

Oltre la sua posizione geografia, il mare cristallino, le case scavate nella roccia, che ne caratterizzano l’aspetto, Cetara è famosa per la colatura delle alici e la pesca del tonno. Infatti il nome del borgo deriva da Cetaria ossia tonnara.

La colatura delle alici, attrae ogni anno, molti turisti e non tutti i Campani sanno di questa particolare salsa ottenuta dalla maturazione delle alici sotto sale, realizzata con una tecnica antica e del tutto locale.

Quest’anno Cetara è stata una delle mete della Costiera Amalfitana più visitate e apprezzate ma questo non ci meraviglia affatto.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Grande successo per la Certosa di San Lorenzo di Padula

Pubblicato

il

SALERNO – La più bella e grande certosa d’Italia è la Certosa San Lorenzo di Padula in provincia di Salerno. La sua bellezza è riconosciuta universalmente, al punto da ricevere nel 1988, il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Meta importante di turismo religioso e non solo. Famoso è il suo chiostro, il più grande d’Italia, ben 12.000 metri quadri, anch’esso inserito nel patrimonio Unesco dell’Umanità. Fondata nel 1306, per volontà di Tommaso Sanseverino, conte di Marsico e signore di Vallo di Diano.

I lavori proseguiti fino al XIX secolo per i vari ampliamenti e ristrutturazioni resi necessari da cause diverse. Oggi la Certosa di Padula ospita il Museo Archeologico provinciale della Lucania occidentale. Raccoglie ed espone reperti provenienti dagli scavi della necropoli di Sala Consilina e Padula.

Lo stile architettonico è prevalentemente barocco in quanto questo stile ha quasi completamente ricoperto quelli precedenti, di cui si conservano poche tracce. Il complesso è formato da 350 stanze per un’area di 51.500 metri quadrati compresi i 12.000 metri quadrati del chiostro.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante