Resta sintonizzato

Cronaca

Negoziante viene picchiato ripetutamente da una comitiva. Aveva chiesto di indossare la mascherina nel negozio

Pubblicato

il

ROMA – Il 23 giugno scorso, un gruppo di uomini entra in un esercizio commerciale sprovvisti di mascherina. Alle sollecitazioni del negoziante di origini cinesi, essi rispondono con toni alterati sino ad usare le mani sferrando colpi e calci al commerciante. Nel locale erano presenti anche la moglie ed i figli di 3 e 7 anni.

Dopo pochi minuti, termina la rissa e la comitiva si allontana dal locale varcando l’uscita della porta. Tuttavia, all’orario di chiusura dell’esercizio affrontano nuovamente il commerciante 33enne mentre la famigliola era intenta recuperare l’auto in piazzale Flavio Biondo.

Così l’uomo di origini asiatiche viene prima picchiato dalla donna, la quale denuncia una offesa nei suoi confronti all’atto di chiederle la mascherina, e poi dal restante gruppo. Nel mentre la moglie fa salire i bambini terrorizzati nell’auto.

Accorti della messa in salvo dei piccoli, alcuni di loro si avvicinano alla macchina colpendo la carrozzeria ripetutamente e generando delle urla di paura nei bambini.

Il negoziante è stato minacciato con un taglierino ed è stato costretto dal branco a consegnare uno smartwatch e gli auricolari del telefono dopo essere stato picchiato, riportando la frattura delle ossa nasali con una prognosi di 30 giorni.

La vicenda è stata subito denunciata ai Carabinieri della Stazione Roma Porta Portese che, grazie ad una certosina attività di indagine, corroborata dall’escussione di testimoni e dall’acquisizione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona, sono riusciti a ricostruire tutte le fasi dell’efferata aggressione e a dare un nome ed un volto ai presunti colpevoli.

I Carabinieri, individuati i responsabili, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 3 persone – un romano di 44 anni, una donna originaria della provincia di Avellino, nella Capitale senza fissa dimora, di 30 anni, e un cittadino afghano di 30 anni, tutti con precedenti – accusati, a vario titolo, dei reati di rapina aggravata in concorso, lesioni personali aggravate in concorso e porto abusivo di armi. Un quarto soggetto, loro complice, è ancora ricercato.

La Procura della Repubblica di Roma, concordando con le risultanze investigative dei Carabinieri, ha richiesto ed ottenuto dal Gip del Tribunale di Roma un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti degli indagati, tre dei quali sono stati associati in carcere, mentre uno, nel frattempo fuggito all’estero, è tuttora attivamente ricercato.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Donna picchiata per non aver ricambiato un saluto: 31enne in manette

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di San Gennaro Vesuviano, hanno tratto in arresto per lesioni personali e violazione di domicilio, un 31enne ucraino. Secondo le prime informazioni, l’uomo è entrato nell’abitazione di una sua connazionale, con l’obiettivo di picchiarla brutalmente. Infatti, pare che la donna, fosse colpevole di non aver ricambiato il saluto del 31enne, quando si sono incrociati nell’androne. A quel punto, sono intervenuti gli agenti, che hanno bloccato e arrestato l’uomo, che è ora in carcere in attesa di giudizio. La donna invece, con il volto tumefatto, ha subito lesioni guaribili in 15 giorni.

Continua a leggere

Cronaca

Follia in casa, tenta di uccidere il padre cospargendo le sue coperte di alcol: arrestato

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia, hanno tratto in arresto un 58enne del posto per maltrattamenti in famiglia e tentato omicidio. In particolare, l’uomo ha picchiato il padre 89enne, affetto da problemi di deambulazione e costretto a letto, colpendolo più volte con la sua stessa stampella, per poi tentare di strozzarlo. Tuttavia, l’anziano, con le ultime energie rimastegli, è riuscito ad evitare il peggio. Ma il figlio, non contento, ha cosparso di alcol etilico le coperte del padre, per dargli fuoco con l’accendino, salvo poi fermarsi per l’appello disperato della madre.

Pertanto, l’altro figlio della coppia, una volta rientrato a casa, ha subito allertato i carabinieri, i quali hanno arrestato il 58enne, trasportandolo in carcere in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Cronaca

Lacrime e dolore per la morte di Raffaella, scomparsa a soli 3 anni

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta nel pomeriggio di ieri a San Cipriano d’Aversa, nel Casertano, dove Raffaella, bimba di soli 3 anni, è morta all’improvviso. In particolare, la piccola, già nelle scorse settimane, aveva accusato problemi di salute che sembravano risolti. Poi, nella mattinata di ieri, il trasporto presso l’ospedale Santobono di Napoli, laddove è deceduta.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante