Resta sintonizzato

Cronaca

MELITO. Candidato M5S diffama a mezzo Facebook Nunzio Marrone. Denunciato in Procura per diffamazione.

Pubblicato

il

MELITO DI NAPOLI – Si fa sempre più incandescente la campagna elettorale nella città del melo al punto tale che volano serie azioni diffamatorie, forse anche dolose, nei confronti dei candidati a Sindaco o intere coalizioni, per non parlare dei tentativi di voti di scambio perpetrati da alcuni candidati che si spacciano per operatori comunali in ambito di elargizioni di favori istituzionali, come sbrigare pratiche per il reddito di cittadinanza fino all’otturazione delle buche con asfalto e tanto di camion spacciato per mezzo comunale.

Ovviamente queste due pratiche sono state subito denunciate dai due candidati a Sindaco Nunzio Marrone e Dominique Pellecchia e dove gli inquirenti stanno facendo luce sulla matrice e sulla veridicità delle volontà di mettere in atto alcune azioni politiche degne di un’altra era. Ma veniamo ai fatti attuali.

In questi giorni non è passato inosservato un commento fatto a mezzo Facebook di un candidato al Consiglio comunale per il Movimento 5 Stelle ai danni del candidato a Sindaco Nunzio Marrone che non solo era lesivo della sua onorabilità in quanto accusato di voto di scambio aggravato dal metodo politico mafioso ma che alla lettura del post, la voce ha cominciato anche a diffondersi rapidamente sul territorio.

Il commento in risposta ad un’altra utente Facebook recitava: Tag all’utente – …hai la verità in tasca? Allora indaga su tutta la camorra che si agita nelle palazzine per comprare i voti per Marrone”

Indubbiamente un gesto vile per portare vantaggio elettorale alla sua coalizione in maniera illecita e diffamatoria e un’affermazione priva di prove come lo dimostrano alcuni audio whatsapp di scuse intercorsi tra il candidato pentastellato e il leader del centrodestra con conseguente rimozione del commento.

Un commento lasciato li e poi rimosso dopo svariate ore atto solo a denigrare e diffamare l’operato politico di una fazione avversaria del quale, a tal riguardo, non si sono sentite o lette prese di distanze o condanne da parte della sua candidata a Sindaco Dominique Pellecchia a cui sicuramente gioverà questo tipo di comportamento da parte dei suoi.

Una dimostrazione delle conseguenze di questo pensiero instillato sui social dal candidato pentastellato è anche un articolo apparso su una testata giornalistica locale – più conosciuta per le querele di diffamazione che riceve il suo direttore che per le inchieste che crede di condurre – che lascia intendere che la legalità sia insita solo nelle file di Dominique Pellecchia e di Luciano Mottola che non hanno perso tempo a denunciare il voto di scambio politico mafioso sul territorio.

Così, nonostante le scuse private – che non bastano ndr – fatte in privato al candidato Sindaco Nunzio Marrone, lo stesso si è visto costretto a recarsi dai Carabinieri per denunciare il fatto e dimostrare alla città intera la sua estraneità ai fatti a lui accusati e la sua totale innocenza. E speriamo che quanto prima giustizia venga fatta.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Ponticelli: trovato giovane rom deceduto per arma da fuoco in un bagagliaio

Pubblicato

il

NAPOLI – Omicidio nella notte a Ponticelli. Un giovane di 32 anni, di etnia rom, è giunto al nomoscopio del quartiere orientale privo di vita.

Secondo le testimonianze raccolte, il trentaduenne era già deceduto al momento dell’avvenuto intervento dei sanitari del 118. Tuttavia. alcuni residenti avrebbero sollecitato, quasi in un atto costrittivo. gli operatori a trasportare il corpo in ambulanza verso il pronto soccorso.

Il corpo del giovane è stato trovato nel bagagliaio di una vettura: aveva un ferita da colpo di arma da fuoco alla testa che gli è stata fatale. Gli agenti della questura hanno dovuto lavorare per arginare una rivolta con la rabbia esplosa prima al campo rom e poi al nosocomio.

Sono dovuti arrivare anche finanzieri e carabinieri per contenere la furia di circa 150 persone, disperate dopo il drammatico ritrovamento a cui hanno collaborato all’Ospedale del mare le guardie giurate della Security Service.

Sull’ennesima aggressione negli ospedali di Napoli interviene come di consueto l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate che lancia una provocazione: “Napoli è peggio di Kabul ed ora abbiamo le prove! E ora di militarizzare gli ospedali. La nostra provocazione: Rifiutarsi di andare su un intervento non è più “omissione di soccorso “ bensì “legittima difesa”.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli: uomo nascondeva revolver negli slip. Arrestato

Pubblicato

il

NAPOLI – Uomo arrestato dai Falchi della squadra mobile: aveva un revolver nascosto negli slip.

Nella serata di ieri, gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, hanno notato un uomo che, alla loro vista, si è allontanato furtivamente per eludere il loro occhio indiscreto.

Raggiunto e bloccato, è stato trovato in possesso di una pistola revolver Smith & Wesson cal.357 Magnum caricata con 6 cartucce e 1480 euro di cui non ha saputo giustificare la provenienza.


Umberto Galiero, 43enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per porto abusivo di arma clandestina e ricettazione.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, movida: 3 aggressioni durante la notte, 2 i minorenni feriti

Pubblicato

il

NAPOLI –   Ancora violenza durante la movida napoletana. Sono 3 le aggressioni avvenute durante la notte.

Dopo la mezzanotte, al Pronto Soccorso dell’ospedale Pellegrini è arrivato un 16enne con ferita da arma da taglio alla coscia destra. 

Secondo quanto dichiarato, sarebbe stato ferito da uno sconosciuto in maniera del tutto gratuita, in Largo San Giovanni Maggiore. Dieci i giorni di prognosi prescritti. In corso le indagini dei Carabinieri.

A distanza di qualche minuto dal primo arrivo si è presentato un secondo minore, di 14 anni. Secondo quanto dichiarato, sarebbe stato aggredito da alcune persone davanti ad un bar in via dei Carrozzieri a Monteoliveto e, colpito al volto e alla testa con schiaffi e pugni, si sarebbe recato d’urgenza in ospedale.

Ignote le motivazioni. Ventuno i giorni di prognosi. Anche su quest’episodio indagano i carabinieri della compagnia Napoli Centro.

Situazione piu’ preoccupante per un nigeriano di 40 anni ferito in piu’ parti del corpo con arma bianca. E’ tuttora ricoverato in prognosi riservata. Non risulta essere in pericolo di vita.

Sarebbe stato aggredito intorno alla mezzanotte da un altro extracomunitario, all’interno di uno shop nel quartiere Vasto, a ridosso della stazione metro di Piazza Garibaldi. Ancora poco chiare le motivazioni e la dinamica. Indagini sono in corso per identificare il responsabile a cura dei carabinieri della Compagnia Stella.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante