Resta sintonizzato

Attualità

Facebook, Instagram e Whatsapp in down: una storia già sentita. Parlano i complottisti

Pubblicato

il

USA – Facebook e le sue app Instagram e WhatsApp hanno lentamente ripreso a funzionare dopo un blackout di circa sette ore in Europa e negli Stati Uniti. Lo riportano il New York Times e altri media Usa. Si tratta della peggiore interruzione di servizio del colosso dei social media dal 2008.

“Scusate per l’interruzione, sappiamo quante persone fanno affidamento sui nostri servizi per restare connesse“: sono le scuse ufficiali che Mark Zuckerberg posta sul suo profilo Facebook dopo le sei ore di down delle sue app.

Scrive su Twitter anche il capo di Whatsapp, Will Cathcart: “Sono grato a tutti coloro che hanno lavorato duramente per riportare il nostro servizio all’affidabilità che ci si aspetta, è stato un promemoria per ricordarci quante persone e organizzazioni si affidano alla nostra app ogni giorno. Impareremo e cresceremo da questo“.

In precedenza si era scusato  Mike Schroepfer, Chief Technology Officer di Facebook, su Twitter: “Sincere scuse a tutti coloro che sono stati colpiti dalle interruzioni dei servizi alimentati da Facebook in questo momento. Stiamo riscontrando problemi di rete e i team stanno lavorando il più velocemente possibile per eseguire il debug e ripristinare il tutto il più velocemente possibile“.

“Questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri centri dati, bloccando i nostri servizi“, ha detto Janardhan, vicepresidente delle infrastrutture di Facebook.

Il down mondiale è partito dalle 17:30 ora italiana. Sul sito downdetector.com, che tiene conto dei guasti di diverse piattaforme, gli utenti hanno segnalato problemi di accesso alle app, connessione al server e di caricamento dei contenuti.

Non è la prima volta che i servizi dell’ecosistema Facebook non funzionano all’unisono. L’ultimo blackout mondiale che aveva mandato in tilt WhatsApp, Instagram e Facebook si era registrato lo scorso 19 marzo ed era durato circa un’ora; ma quello più lungo si è verificato il 13 marzo 2019, un record di 14 ore di stop per le applicazioni.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Berlusconi incontra Napoli alla Mostra d’Oltremare: “Il referendum è una tappa fondamentale del percorso riformatore”

Pubblicato

il

Ha chiuso come meglio non si poteva la convention di Forza Italia a Napoli, presso la Mostra d’Oltremare, dove come suo solito ha monopolizzato l’attenzione dei presenti.

Silvio Berlusconi, accompagnato da Marta Fascina, è stato accolto al suo arrivo da Licia Ronzulli e ha salutato i militanti che lo attendevano, affrontando diversi temi e rispondendo alle domande dei giornalisti presenti. Ecco le sue dichiarazioni:

“Grazie per l’accoglienza affettuosa, Napoli è una città che amo, ho scritto più di 100 canzoni napoletane. Nel 1948, ero già in campo per difendere la libertà e cosa facevo? Attaccavo manifesti… E uno di questi manifesti recitava: ‘Nella cabina elettorale Dio ti vede, Stalin no’. Naturalmente, li attaccavo sui manifesti del partito comunista, perché loro li attaccavano sui nostri…” . Parlando poi della ‘discesa in campo’ nel ’94, ha raccontato in particolare il colloquio con mamma Rosa: “Mia madre, mi disse che era pericoloso fare un partito, ma anche che se questo era il mio desiderio, dovevo andare avanti…”.

Poi continua, parlando della guerra in Ucraina:

“Siamo sempre stati dalla parte dell’Europa e dell’Occidente, siamo i soli che non devono chiedere scusa del proprio passato.. Possiamo davvero essere orgogliosi di noi stessi e della nostra storia. Siamo i soli ad avere sempre sostenuto, in ogni occasione, dal governo e dall’opposizione, le nostre truppe impegnate all’estero nelle missioni di pace, schierandoci senza esitazione con la nostra bandiera, con le donne e gli uomini delle nostre Forze Armate“.

Sulla pace: “Non possiamo che condividere quindi, gli appelli di quanti invocano di fare ogni sforzo per giungere alla pace al più presto. Per porre fine all’orrore della guerra e al tempo stesso, per garantire al popolo ucraino il suo legittimo diritto all’indipendenza e alla libertà. L’Ucraina è il paese aggredito e noi dobbiamo aiutarlo a difendersi. Forza Italia è dalla parte dell’Europa, dalla parte dell’Alleanza Atlantica, dalla parte dell’Occidente, dalla parte degli Stati Uniti”. 

Sul governo Draghi: “Fi ha voluto il governo di unità nazionale e lo sostiene con convinzione. Questa al governo è una maggioranza composita, lo sappiamo, una maggioranza in qualche modo innaturale, ma necessaria per fronteggiare l’emergenza; è una maggioranza della quale fanno parte forze politiche, con le quali torneremo presto a confrontarci da avversari. L’ho detto a Roma qualche settimana fa e lo ripeto oggi: Forza Italia non fa parte del centro-destra, ma Forza Italia è il centro-destra. Lo è nel senso del Partito Popolare europeo, di cui siamo componente fondamentale e che siamo orgogliosi di rappresentare in Italia. Siamo un centro alternativo alla sinistra e distinto dalla destra, con la quale siamo leali alleati”.

Referendum sulla Giustizia: “Di questi referendum sulla giustizia si parla poco o nulla, incredibilmente si è deciso di votare in un giorno soltanto, il 12 giugno. Evidentemente, c’è qualcuno che non vuole che gli italiani si pronuncino, su un tema che da trent’anni almeno dilania il Paese. Un tema che riguarda i rapporti fra stato e cittadino, la terzietà del giudice, la neutralità politica della magistratura. Io rivolgo un appello accorato a tutti gli italiani, perché vadano a votare e diano il loro voto su un argomento che, prima o poi, potrebbe riguardarli tutti personalmente. Il referendum è una tappa, ma una tappa importante, di un percorso riformatore che in parte è già avviato e che starà al nostro futuro governo di centro-destra portare a termine. Un percorso riformatore al quale, questo governo, ha dato il via approvando una riforma, la riforma Cartabia, che certamente non è la nostra riforma. Però, è una riforma che introduce finalmente la separazione delle funzioni tra giudici e Pm, e che chiude definitivamente le ‘porte girevoli’ fra magistratura e politica. Ripeto, non è la nostra riforma, ma è l’inizio di un processo riformatore che dovremo continuare, un processo che non vuole essere punitivo per la magistratura, anzi, vuole valorizzare i tanti giudici onesti e corretti, messi nell’angolo da minoranze ideologizzate e da gruppi di potere”.

Continua a leggere

Attualità

Blitz della Polizia a Sant’Antimo: arrestato 41enne in libertà vigilata

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato di Frattamaggiore, sono intervenuti nella serata di ieri in via Giuseppe Di Vittorio a Sant’Antimo, dove hanno sorpreso un uomo in possesso di un involucro contenente 0,50 grammi di cocaina e una pistola Tanfoglio rubata nel 2015.

Pertanto, F.M., 41enne napoletano attualmente sottoposto alla libertà vigilata, è stato tratto in arresto per porto abusivo d’arma comune da sparo e ricettazione, venendo sanzionato per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

Continua a leggere

Attualità

Alternanza scuola-lavoro: studente si ustiona in officina

Pubblicato

il

Brutta disavventura occorsa ad un 17enne di Merano, in provincia di Bolzano, che nel pomeriggio di ieri è rimasto gravemente ferito in una carrozzeria. In particolare, il giovane stava svolgendo un percorso di alternanza scuola-lavoro, quando si è ustionato a causa di un ritorno di fiamma. Inoltre, è rimasto ferito anche un operaio di 36 anni.

Pertanto, l’Unione degli studenti ha così dichiarato:

“Non staremo a guardare, ci saranno scioperi e mobilitazioni studentesche in tutto il paese”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante