Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

Spettacolo: il Teatro San Carlo riapre con La Bohème di Puccini

Pubblicato

il

NAPOLI – Il Teatro San Carlo riparte con La Bohème di Puccini per la regia di Emma Dante, una novità assoluta per il Massimo partenopeo, il 12 ottobre (ore 20) , il giorno dopo il ritorno della massima capienza nelle sale italiane in zona bianca. ”Una bella notizia, per noi fondamentale, un inizio di normalità‘ annuncia il sovrintendente Stéphane Lissner, con un pensiero ad artisti e tecnici e alle difficolta dei ‘mesi orribili’ alle spalle.

E Napoli sembra proprio avere voglia di tornare all’opera: i biglietti per le cinque recite, con lo sblocco delle ‘liste d’attesa’, in poche ore sono quasi esauriti.

Per la prima è annunciata la presenza del ministro della Cultura Dario Franceschini. ‘Sarà un allestimento onirico sia dal punto di vista del tempo che dello spazio’, anticipa la regista che ha portato i suoi quattro amici bohèmien sui tetti, a cercare il calore dei comignoli.

”La loro storia si svolge all’aperto, non nella soffitta. Incontreranno la gente, anche prostitute e trans. Adoro quest’opera, è una fiaba d’amore, un giocattolo musicale che non si può rompere, ma è anche una tragedia’.

“Il debutto di Emma Dante al San Carlo rappresenta per me un momento speciale – racconta Lissner – tengo molto a questa produzione perché segna una fase importante nella vita del nostro teatro, e perché l’esordio di Emna nella regia lirica avvenne proprio con me alla Scala di Milano il 7 dicembre 2009 con Carmen di Bizet“. Il 21 novembre seconda inaugurazione al San Carlo con Otello di Verdi regia di Martone, protagonista Jonas Kaufmann.

Cultura e spettacolo

Napoli, inaugurata la Mostra “Anime perse – Donne, madri nelle carceri italiane”

Pubblicato

il

NAPOLI – E’ stata inaugurata oggi, sabato 21 maggio 2022 a Napoli la mostra del fotoreporter Giampiero Corelli in esposizione al Complesso Monumentale di San Severo. La galleria mostrerà 45 scatti dai principali penitenziari femminili italiani.

Si tratta di un evento organizzato in collaborazione con la sartoria sociale e sostenibile Palingen per sensibilizzare sull’importanza dei progetti di inclusione sociale per i detenuti e le detenute.

L’Assessore alle Politiche Sociali Luca Trapanese ha spiegato i motivi di tale scelta: “La mostra raccoglie 45 immagini che fanno parte di un grande lavoro di fotoreportage realizzato da Corelli in numerose carceri italiane dal 2008 a oggi. Un progetto focalizzato sulle sezioni e carceri femminili, per cogliere la vita delle donne detenute ma anche delle addette di polizia penitenziaria, includendo anche chi le carceri le dirige. Un affondo in un mondo fatto di sofferenza, ma anche di tanta voglia di riscatto. Le donne colte dallo sguardo del fotografo ravennate sono spesso anche madri che si sono volute fare riprendere per dare una testimonianza forte della loro vita da recluse.

L’obiettivo della mostra – spiega Trapanese – è proprio quello di dare visibilità al lavoro svolto dalle donne detenute e di sensibilizzare circa l’importanza dell’inclusione sociale e della tutela dell’ambiente. L’importanza di generare impatto sociale in questo contesto si evince dall’analisi di alcuni dati. Si stima infatti che siano solo il 10% i casi di recidiva nei detenuti che hanno partecipato ad un programma lavorativo o di reinserimento.”

Il reportage di Giampiero Corelli si basa su fotoreportage realizzati in tempi diversi in quasi tutte le carceri femminili italiane: un lavoro che si concluderà ad inizio estate 2022. Per il mese di settembre è già prevista una mostra a Ravenna che sarà la sintesi di un lungo percorso e che in seguito viaggerà in altre città italiane. 

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Torre del Greco, grande successo del concorso “Legalità è…cultura”

Pubblicato

il

TORRE DELO GRECO – Successo e grande partecipazione al concorso “Legalità è… cultura”, iniziativa promossa nelle scuole di ogni ordine e grado di Torre del Greco dall’istituto comprensivo Falcone-Scauda e del Comune-assessorato alla Pubblica Istruzione. Bandito all’inizio di aprile, il concorso ha visto il coinvolgimento di numerosi alunni, che hanno fatto pervenire i loro lavori (due le sezioni in gara: grafica e audio-video).

Nei giorni scorsi la commissione chiamata a valutare i lavori si è espressa, assegnando non uno ma ben tre primi premi: i riconoscimenti sonno andati all’Angioletti per il collage “L’ombrello della legalità”, alla Falcone-Scauda con il prodotto grafico intitolato “Le farfalle della legalità” e alla Giampietro-Romano, che ha realizzato il video “Illegalità… noi no!”. Secondo classificato il comprensivo Sauro-Morelli con il video “Se pensassimo… al futuro che costruiremo”, terzo il Degni con il power point “Tutela, speranza, futuro”.

“Sono molto soddisfatta e gratificata dall’ampia partecipazione – afferma la dirigente scolastica Maria Josè Abilitato – La scelta di premiare tre elaborati testimonia come, a giudizio della commissione, le proposte pervenute alla nostra attenzione era valide e ben strutturare, segno dell’importante lavoro compiuto dai ragazzi e ovviamente dai loro docenti”.

“Da quando il nostro istituto è stata intitolato all’indimenticato magistrato siciliano – prosegue Maria Josè Abilitato – è stata sempre nostra intenzione avviare un percorso che coinvolgesse la fondazione presieduta da Maria Falcone. Abbiamo dunque accolto con estremo piacere l’invito giunto dal Comune, che ci permette di spiegare ai ragazzi della nostra e delle altre scuole cittadine quanto fondamentale sia stato per la lotta alle mafie il lavoro compiuto da Falcone e Paolo Borsellino”.

Continua a leggere

Cultura e spettacolo

Massimo Ranieri ringrazia i medici del Cardarelli: “Svolgono un grande lavoro quotidianamente”

Pubblicato

il

Massimo Ranieri ringrazia i medici del Cardarelli e torna a parlare dopo la caduta al Teatro Diana che aveva preoccupato tantissimo i fan. Il cantante ha rivolto il suo pensiero a tutto il personale medico con un post su facebook:

“Dopo i fumi del dolore al braccio e alla costola rotta, sono qui per ringraziare la Direzione Generale del Cardarelli, tutti gli infermieri, i barellieri, dottori e i primari per essermi stati vicino con tutta la loro grande professionalità, affetto, dedizione e per il grande lavoro che svolgono quotidianamente con tutti i pazienti. Grazie ancora dal profondo del mio cuore”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante