Resta sintonizzato

Cronaca

Intercettati gli 63 “spicciatori”, gestori del tesoro casalese

Pubblicato

il

NAPOLI – Dall’alba i finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria in collaborazione con i Comandi Provinciali della Guardia di finanza di Napoli, Caserta e Salerno, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli D.D.A., hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure coercitive, emessa dal GIP presso il Tribunale campano, nei confronti di 63 persone, di cui 48 tratte in arresto, domiciliate nelle provincie di Napoli, Caserta e Salerno. Sono gravemente indiziate, a vario titolo, per il reato di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio a vantaggio del clan dei Casalesi.

L’operazione Evolution si focalizza su una serie di soggetti che hanno posto in essere, nell’arco di almeno quattro anni, molteplici e rilevanti movimentazioni finanziarie finalizzate a far confluire su conti correnti postali o carte Postepay ingenti somme di denaro. Le stesse venivano prelevate in contanti da soggetti appositamente incaricati e remunerati.

I significativi flussi finanziari ricostruiti dai finanzieri trovavano la loro origine in fatture false emesse e utilizzate da ben 51 società di comodo, operanti in vari settori di attività sia italiane (con sedi nelle province di Napoli, Roma e Salerno) che di diritto ungherese.

Le somme prelevate sono pari complessivamente a circa 80 milioni di euro nel periodo 2016-2020. Giuseppe Guarino sarebbe tra i promotori dell’organizzazione criminale messa in piedi per reinvestire i soldi della camorra.

I NOMI DEGLI INDAGATI

Oltre Guarino sono stati raggiunti dall’ordinanza cautelare la sorella Luisa, 61enne di San MarcellinoArmando Della Corte, 43 anni di AversaSalvatore Prato, 57 anni di Trentola DucentaGiovanni Rosano, 67 anni di AversaGiuseppe Belviso, 51 anni di Aversa. Massimo Magelli, 54 anni. Paola Di Grazia, 47 anni. Federico Di Giacomo, 30 anni. Antonietta Di Giacomo, 40 anni.

Francesco Tortora, 38 anni. Rosario Davide, 53 anni. Khaled Mezni, 58 anni. Giovanni Biondi, 57 anni. Domenico Rispoli, 54 anni di Aversa. Antonio Gravano, 58 anni di Mondragone. Domenico Agorini, 59 anni. Antonio Termano, 31 anni. Rosa Santoro, 30 anni. Stefano Piscopo, 50 anni. Giuseppe Piscopo, 50 anni. Vincenzo Avino, 36 anni. Pasquale Donnarumma, 53 anni. Sebastiano Carmine Donnarumma, 23 anni. Antonio Donnarumma, 22 anni. Maria Perfetto, 39 anni. Pasquale Casaburi, 42 anni. Rosaria De Rosa, 52 anni. Gennaro Savanelli, 30 anni. Nunzia Moccia, 27 anni. Amalia Giacchetta, 36 anni. Domenico Bassolino, 43 anni di Caserta. Carmine Savanelli, 39 anni. Anna Teresa Capasso, 23 anni. Andreina Esposito, 24 anni di Maddaloni. Gelsomina Casaburi, 47 anni. Almerinda Casaburi, 49 anni. Giovanni Riscetti, 45 anni;

Daniele Ragnano, 27 anni. Fiorello Fraianna, 26 anni di Aversa. Veronica Savanelli, 34 anni. Maria Mocerino, 25 anni. Mario Vastola, 64 anni. Alessio Savanelli, 21 anni. Luana Di Fabio, 29 anni. Rosa Conte, 57 anni. Nicola D’Alessandro, 38 anni. Paolo Giacchetta, 47 anni.  Ruggiero Guarino, 54 anni. Maria Bassolino, 44 anni di Caserta- Carmine D’Angelo, 39 anni.  Angelo Liberto, 34 anni di Aversa. Laura Brunella Marika Odierna, 51 anni. Angela Odesco, 35 anni di Caserta. Gennaro Esposito, 48 anni. Emilia Mussolino, 34 anni. Antonio Aruta, 42 anni. Luigi Esposito, 34 anni. Gennaro Puolo, 58 anni.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Impatto quasi fatale per un 14enne: grave in ospedale

Pubblicato

il

Violento scontro tra auto avvenuto nel pomeriggio di ieri nel quartiere di Secondigliano a Napoli. In particolare, un 14enne, è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Cardarelli. Secondo le prime informazioni, l’impatto, ha avuto luogo tra il giovane, che era a bordo di uno scooter e un’auto di grossa cilindrata, guidata da una 27enne.

Sul posto, sono intervenuti gli uomini della Municipale e i sanitari del 118. Tuttavia, resta da chiarire la dinamica dell’incidente. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere

Cronaca

Partecipò al programma “4 Ristoranti”: trovato morto davanti al suo locale

Pubblicato

il

Dramma avvenuto nel Sud della Sardegna, dove Alessio Madeddu, 51enne cuoco di Teulada, il cui cadavere, è stato ritrovato davanti al suo locale a Porto Budello. La vittima, era diventato famoso per aver partecipato al programma “4 Ristoranti” con Alessandro Borghese, balzando alle cronache anche per aver aggredito con una ruspa i carabinieri, la sera del 2 novembre 2020, gesto per il quale era stato condannato per tentato omicidio.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo, sarebbe stato colpito ripetutamente da un’arma da taglio. Indagano i carabinieri del Comando Provinciale di Cagliari e della Compagnia di Carbonia.

Continua a leggere

Cronaca

Rapina in un bar, arrestato per il coraggio del titolare: è caccia al complice

Pubblicato

il

I carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Caserta, hanno tratto in arresto nella serata di ieri, un 54enne di Marcianise per rapina aggravata in concorso. L’episodio, è avvenuto all’interno di un bar a San Nicola La Strada, dove un uomo dal volto parzialmente coperto e armato di pistola, ha fatto irruzione insieme ad un altro complice, nell’esercizio commerciale sito in sulla via Appia. Poi, sotto minaccia, si è fatto consegnare l’incasso, anche se il titolare ha reagito, ingaggiando una colluttazione con il malvivente, il quale per intimidirlo, ha esploso alcuni colpi di pistola a scopo intimidatorio.

Pertanto, il titolare, è rimasto lievemente ferito alla mano e il rapinatore, è stato poi bloccato dagli agenti accorsi sul posto. Sequestrati un cappello, una pistola a salve e tre bossoli. Tuttavia, il complice, è riuscito a scappare con il bottino ed è ora ricercato dai carabinieri. Invece, l’arrestato, è stato tradotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante