Resta sintonizzato

Cronaca

Bambina racconta le molestie subite dallo zio. Arrestato.

Pubblicato

il

«Mamma, lo zio è tornato a farmi le cose che mi faceva quando ero piccola». Una 14enne ha confessato così a sua mamma le molestie nuovamente subite dallo zio, uscito dal carcere dopo 4 anni, rinchiuso per le stesse accuse che lo hanno portato all’arresto dei giorni scorso. All’epoca , come riportato da Il Messaggero, la nipotina aveva 4 anni. L’uomo, ecuadoriano difeso dagli avvocati Matteo Carpi e Luca Ciurlo, è stato interrogato dal gip Angela Nutini ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo avrebbe iniziato a molestare la nipote in maniera sempre più insistente e volgare. Nelle scorse settimane la giovane è crollata e ha confessato tutto alla madre. «Mamma, lo zio è tornato a farmi le cose che mi faceva quando ero piccola», ha detto. E così la donna, cognata dell’uomo, lo ha denunciato.

Sono scattate le indagini coordinate dal pm Valentina Grosso, del pool Fasce deboli, che nei giorni scorsi hanno portato all’arresto. L’uomo era finito in carcere nel 2012 dopo la condanna definitiva a quattro anni per gli abusi sulla piccola ed era uscito nel 2016. La nipote era stata tenuta lontana ma negli ultimi mesi l’uomo l’aveva incontrata di nuovo ricominciando le molestie.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Impatto quasi fatale per un 14enne: grave in ospedale

Pubblicato

il

Violento scontro tra auto avvenuto nel pomeriggio di ieri nel quartiere di Secondigliano a Napoli. In particolare, un 14enne, è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Cardarelli. Secondo le prime informazioni, l’impatto, ha avuto luogo tra il giovane, che era a bordo di uno scooter e un’auto di grossa cilindrata, guidata da una 27enne.

Sul posto, sono intervenuti gli uomini della Municipale e i sanitari del 118. Tuttavia, resta da chiarire la dinamica dell’incidente. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere

Cronaca

Partecipò al programma “4 Ristoranti”: trovato morto davanti al suo locale

Pubblicato

il

Dramma avvenuto nel Sud della Sardegna, dove Alessio Madeddu, 51enne cuoco di Teulada, il cui cadavere, è stato ritrovato davanti al suo locale a Porto Budello. La vittima, era diventato famoso per aver partecipato al programma “4 Ristoranti” con Alessandro Borghese, balzando alle cronache anche per aver aggredito con una ruspa i carabinieri, la sera del 2 novembre 2020, gesto per il quale era stato condannato per tentato omicidio.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo, sarebbe stato colpito ripetutamente da un’arma da taglio. Indagano i carabinieri del Comando Provinciale di Cagliari e della Compagnia di Carbonia.

Continua a leggere

Cronaca

Rapina in un bar, arrestato per il coraggio del titolare: è caccia al complice

Pubblicato

il

I carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Caserta, hanno tratto in arresto nella serata di ieri, un 54enne di Marcianise per rapina aggravata in concorso. L’episodio, è avvenuto all’interno di un bar a San Nicola La Strada, dove un uomo dal volto parzialmente coperto e armato di pistola, ha fatto irruzione insieme ad un altro complice, nell’esercizio commerciale sito in sulla via Appia. Poi, sotto minaccia, si è fatto consegnare l’incasso, anche se il titolare ha reagito, ingaggiando una colluttazione con il malvivente, il quale per intimidirlo, ha esploso alcuni colpi di pistola a scopo intimidatorio.

Pertanto, il titolare, è rimasto lievemente ferito alla mano e il rapinatore, è stato poi bloccato dagli agenti accorsi sul posto. Sequestrati un cappello, una pistola a salve e tre bossoli. Tuttavia, il complice, è riuscito a scappare con il bottino ed è ora ricercato dai carabinieri. Invece, l’arrestato, è stato tradotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante