Resta sintonizzato

Sport

Vesuvio Cup, la coppia composta da Bortolotti e Martos Gornes trionfa in doppio

Pubblicato

il

I vincitori: “Giocato un grande tennis, è stata una settimana fantastica”Il presidente regionale del Coni Roncelli: “La provincia merita di ospitare il grande sport”

È servito il super tie-break per decretare il successo nella finale di doppio alla Vesuvio Cup, il challanger Atp 80 in corso di svolgimento sui campi in terra rossa dello Sporting Poseidon di Ercolano. Alla fine l’hanno spuntata Marco Bortolotti e lo spagnolo Sergio Martos Gornes 64 36 107, contro la coppia formata da Andrea Vavassori e dal giamaicano naturalizzato tedesco Dustin Brown, reduci da due vittorie consecutive in altrettanti tornei, tra le quali quella al challenger di Napoli. A raccontare la sfida sono proprio gli atleti che hanno iscritto il loro nome nell’albo d’oro della prima edizione della Vesuvio Cup: “È stata una finale incredibile – sottolinea Vavassori – Non partivamo certo con i favori del pronostico, visto che i nostri avversari venivano da due tornei vinti di fila. Abbiamo giocato a braccio sciolto, poi sull’8-1 nel set decisivo loro si sono salvati più volte. C’è stata in quel momento un po’ di tensione ma per fortuna abbiamo messo dentro due prime di servizio”. “L’energia di Marco è stata incredibile – gli fa eco Martos Gornes – abbiamo iniziato il primo set in maniera incredibile. Poi il break nel secondo parziale sul mio servizio ci ha costretti al terzo”. E ancora: “Noi ci sentivano bene – prosegue l’italiano – abbiamo giocato bene tutta la settimana. Sergio ha disputato la migliore partita del torneo”. “Avevamo parlato prima del match – conclude lo spagnolo – avevamo detto di giocare aggressivo. Marco ha servito benissimo”. Alla cerimonia di premiazione ha preso parte il presidente del Coni Campania, Sergio Roncelli. A margine della consegna dei riconoscimenti, Roncelli ha sottolineato come “lo Sporting Poseidon sia una struttura bellissima. Sono stato felice di essere venuto qui, non solo per la splendida giornata di sole, ma perché da qui parte un messaggio forte: le grandi manifestazioni sportive non devono essere solo appannaggio di grandi città. Il torneo Atp di Ercolano, che segue quello di Napoli, è la prova, con la sua ampia partecipazione in termini di pubblico, di come sia giusto privilegiare la provincia e le periferie. Qui poi, è giusto ricordarlo, gioca l’unica squadra campana che milita nella serie A1 di tennis”.

Calcio

Pac 5 con Toto e Mimmo Malfitano: “Insigne è un buon giocatore. Il suo addio non rende il Napoli meno forte”

Pubblicato

il

Come ogni lunedì negli studi di Minformotv si è tenuto PAC5 – La Casa del Calcio, il format calcistico condotto da Virginia Casillo insieme al Vicedirettore Giuseppe Libertino.

Nella prima parte della trasmissione in collegamento è intervenuto Toto Malfitano che ha affermato “Il Milan ha meritato lo scudetto, in città stanotte ci sono stati grandi festeggiamenti. Pioli merita 10 in pagella per la grande stagione, il Milan non partiva da favorita e ha fatto un campionato pazzesco. “

In seguito interviene dicendo “Ibrahimovic non conosce ancora il suo futuro, tutto dipende da un possibile intervento: se si sentirà ancora pronto a fare la differenza, rinnoverà con il Milan.”

Al termine della prima parte Toto afferma “L’Inter è stata poco continua nel corso del campionato e la svolta per lo scudetto rossonero è stata il derby di Febbraio con la doppietta di Giroud.

Nella seconda parte in collegamento era presente Mimmo Malfitano che è intervenuto dicendo “Il Milan ha meritato la vittoria finale del campionato. Ci sono tanti rimpianti per Inzaghi: con la squadra e l’organico aveva il dovere di ripetersi. Per il Napoli c’è la delusione per aver fatto un buon campionato ed essere venuto meno nel momento decisivo: non dimentico le brutte figure con Fiorentina, Roma e Empoli e soprattutto quelle in Europa League.”

In seguito Malfitano afferma “Insigne non è un fuoriclasse, è un buon giocatore. Il suo addio non rende il Napoli meno forte. Punterei tutto su cinque giocatori: Ospina, Di Lorenzo, Koulibaly, Anguissa e Osimhen. Questi calciatori dovrebbero formare l’asse del Napoli del futuro.”

Dopo ha dichiarato “Spalletti vuole restare a Napoli, dove ha la possibilità di vincere lo scudetto. Se non lo vincesse a Napoli, la sua carriera potrebbe anche concludere.

Quasi al termine ha affermato “Allegri ha dalla sua parte un contratto abbastanza lungo, ma i suoi rapporti con Nedved sono tesi da tempo: la società bianconera dovrà progettare il futuro e ripartire dai giovani. Credo che la Juve l’anno prossimo tornerà a lottare per lo Scudetto.”

Al termine della trasmissione sostiene “La Salernitana si è salvata per meriti suoi: ha fatto una grande cavalcata da gennaio a maggio.”

Continua a leggere

Calcio

MFC, ospiti Morello e Gozzini: “Sono molto deluso dal Napoli, bisognava puntare allo Scudetto”

Pubblicato

il

Come ogni martedì negli studi di Minformotv si è tenuto Malfitano Football Club, il format calcistico condotto da Mimmo Malfitano, firma storica de La Gazzetta dello Sport, insieme al vicedirettore Giuseppe Libertino.
Nella prima parte della trasmissione in studio era presente Tullio Morello, Presidente Coordinatore Penale del Tribunale di Napoli che ha affermato “Sono molto deluso dal Napoli, il livello del campionato era basso quest’anno e bisognava puntare allo Scudetto.”

In seguito afferma “La società azzurra ha perso una grossa occasione, doveva intervenire sul mercato di riparazione per acquistare giocatori pronti a sostituire i titolari. Il Napoli ha avuto paura nelle partite decisive, ricordo la partita contro la Roma.”

Dopo Morello interviene dicendo “Spalletti ha trasmesso ansia e preoccupazione ai suoi giocatori. Il Napoli non ha una società, il Presidente non può essere a Ischia quando la sua squadra entra in campo a Empoli.”

Al termine della prima parte afferma “Zielinski non va ceduto ora, bisogna recuperarlo e credere in lui. Fabian Ruiz è un giocatore giovane e forte, non si può continuare a cedere questi calciatori. Inoltre non è possibile che il Napoli non punti mai su giocatori esperti e di personalità: darebbero una grande mano ai più giovani.

Nella seconda parte in collegamento Alessandra Gozzini, Giornalista della Gazzetta dello Sport, che ha affermato “C’è grande attesa per Sassuolo-Milan. I tifosi sono in delirio. A Reggio Emilia si giocherà in un piccolo San Siro.

In seguito sostiene ” Sarebbe uno Scudetto inaspettato ed è per questo motivo che i tifosi sono così uniti e attaccati alla squadra. Milan e Inter hanno temuto il Napoli: i rossoneri hanno iniziato ad acquisire consapevolezza dopo le vittorie al Maradona e nel derby di ritorno.

Al termine della trasmissione Gozzini dichiara “Darei voto 10 a Pioli, che è stato l’uomo decisivo.”

Continua a leggere

Calcio

Pac 5, ospiti Chiacchio e Avino: “Insigne si porterà per sempre dentro di sè il rimpianto dello Scudetto non conquistato”

Pubblicato

il

Come ogni lunedì negli studi di Minformotv si è tenuto PAC5 – La Casa del Calcio, il format calcistico condotto da Virginia Casillo insieme al Vicedirettore Giuseppe Libertino.

Nella prima parte della trasmissione in collegamento era presente l’ Avvocato Eduardo Chiacchio che ha affermato “Non sono favorevole al Var, sopprime le emozioni dei calciatori. De Laurentiis è un grande imprenditore, la società ha sempre il bilancio positivo e sono tredici anni che si qualifica in Europa, ma questo era l’anno giusto per vincere lo Scudetto. “

In seguito afferma “Il Milan ha speso il giusto in questi anni e ha puntato sui giovani, sta vincendo il campionato con una rosa inferiore a quella degli avversari.

Al termine della prima parte Chiacchio interviene dicendo “Tifo per la Salernitana e spero riesca a salvarsi. In questi anni il rapporto tra Insigne e i tifosi non è stato idilliaco, ma credo sia stato giusto rendere un grande omaggio a questo grande campione.

Nella seconda parte della trasmissione in collegamento era presente Giuseppe Avino, Capitano del Team Tennis Avino, che ha affermato “Il tennis è uno sport di grande sacrificio. Alcuni ragazzi del nostro team si stanno preparando per il Roland Garros.”

In seguito Avino afferma “Siamo stati bravi e fortunati nella nostra scalata. Insigne si porterà per sempre dentro di sè il rimpianto di questo scudetto non conquistato. Fino a qualche mese fa i tifosi del Napoli sognavano di tornare in Champions. Ovviamente l’appetito viene mangiando e resta il rammarico per lo scudetto.”

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante