Resta sintonizzato

POLITICA

Elezioni Benevento. riconfermato Mastella: «Ho vinto solo contro tutti, come Mario contro Silla»

Pubblicato

il

Clemente Mastella, sindaco uscente di Benevento, si riconferma primo cittadino del capoluogo della provincia in Campania. Si va infatti consolidando il trend a favore dell’ex guardasigilli che distanzia il candidato del centrosinistra Luigi Diego Perifano di oltre 4 punti quando mancano ancora 13 sezioni su 72 da scrutinare. Mastella, a capo di dieci liste civiche, è accreditato del 52% delle preferenze. Mentre il suo avversario di centrosinistra si ferma al 47,9% dei suffragi.

«Ho vinto solo contro tutti, come Mario contro Silla» commenta a caldo Mastella. «E stata campagna elettorale come mai si era verificata in vita mia, una campagna elettorale dai toni forti, con tante bugie, e una morale perfida. È stata un’Arca di Noè, di destra e sinistra, contro di me. Ma io dalla mia parte ho avuto il popolo di Benevento e, soprattutto, il voto della gente umile delle contrade».

«Abbiamo lottato fino alle fine, siamo riusciti a raccogliere consenso di chi voleva il cambiamento. Ma la volontà del popolo è sovrana. Faremo opposizione corretta e incentrata sulle questioni della città. Il mio compito sarà aiutare a crescere il gruppo di opposizione e il progetto alternativo. Cosa non ha funzionato? Non so, fatto sforzo massimo ma è prevalsa la voglia di continuità». Questo il commento del candidato del centrosinistra Luigi Diego Perifano. «Resto convinto che per parte nostra si è fatto buon lavoro. Siamo partiti con gli sfavori del pronostico. Farò il consigliere di opposizione – ha aggiunto – e partiremo dal lavoro enorme svolto in questi mesi».

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POLITICA

Proroga fino al 2022 dei contratti a tempo determinato per il personale sanitario

Pubblicato

il

NAPOLI – La notizia è stata resa nota dal Presidente della Regione Campania, Vicenzo De Luca. “Ho dato mandato alla Direzione Generale per la Tutela della Salute e il Coordinamento del Sistema Sanitario Regionale di procedere ad emanare una circolare che preveda la proroga di tutti i contratti a tempo determinato ed i rapporti di collaborazione stipulati dalle Aziende Sanitarie della Campania, per il contrasto all’emergenza COVID 19, fino al 31/12/2022.”

“La proroga – prosegue – riguarderà circa 6000 unità di personale medico, infermieristico, operatori socio sanitari e altro personale che è stato reclutato con contratti a tempo determinato e collaborazioni (non rientranti nel fabbisogno ordinario) per l’emergenza covid dal mese di febbraio 2020”, conclude il governatore.

Continua a leggere

POLITICA

Covid, De Luca: “Bisogna essere rigorosi, in Campania più che nelle altre regioni d’Italia”

Pubblicato

il

In Italia intere regioni sono a rischio zona gialla. Come era prevedibile e inevitabile, l’onda lunga del contagio, che si è verificata nelle scorse settimane in altri paesi europei, è arrivata anche in Italia. Per questo il Governo ha inteso prendere delle decisioni. Nel frattempo verifichiamo l’emergere di una nuova variante, particolarmente aggressiva, come quella sudafricana, che se penetra in Europa e nel nostro Paese, determinerà un ulteriore aumento del contagio.

Il Governo ha preso misure restrittive per salvaguardare il nostro Paese. Sarebbe davvero una tragedia se dovessimo richiudere nuovamente l’Italia proprio nel periodo delle feste. Sarebbe davvero un colpo pesante all’economia e al lavoro nei nostri territori. Le persone che hanno scelto di non vaccinarsi determinano un incremento enormemente più alto della diffusione del contagio e dell’occupazione degli ospedali rispetto ai vaccinati. Il 90% di quelli che si contagiano da vaccinati non finiscono in ospedale e la stragrande maggioranza sono asintomatici.

Ora giustamente il Governo ha preso delle misure restrittive per chi non si è vaccinato, che avrà dei limiti nella vita sociale. Questo è il minimo che si potesse fare se vogliamo evitare di chiudere l’intero Paese. Queste misure del Governo arrivano in ritardo: c’è bisogno di aspettare il 6 dicembre?“. Così Vincenzo De Luca, nel suo consueto appuntamento di aggiornamento sulla situazione sull’emergenza Covid-19 in Campania in diretta social, ha parlato delle recenti decisioni prese dal Governo.

Per il Governatore campano, per far sì che le misure vengano rispettate, serve un rigoroso piano di controlli: “Dobbiamo convincerci che se non mettiamo in atto un piano di controlli rigorosissimi, queste misure restano solo su carta. Altrimenti rischiamo di verificare fra 10 giorni che nessuno rispetta queste misure, per poi essere costretti a chiudere tutto. Ho proposto anche sanzioni pecuniarie per chi non indossa la mascherina nei luoghi di assembramento o chi non è vaccinato ed entra in un luogo dove non deve entrare. Chi si preoccupa di incappare in queste sanzioni, probabilmente ci pensa due volte a non rispettare queste misure. Abbiamo ancora la possibilità di non chiudere l’Italia e dobbiamo fare di tutto. 20mila agenti, per due settimane, devono essere dedicati a controlli rigorosi sulle norme anti-Covid. E’ possibile farlo“.

De Luca ha parlato poi, in maniera dettagliata, della situazione nella nostra regione: “In Campania la situazione è questa: ieri abbiamo avuto 900 positivi, con un tasso di contagiosità del 5.7% e 28mila vaccinazioni, per le quali c’è finalmente una ripresa. La gran parte dei positivi ieri in Campania sono asintomatici. Altri sono pausintomatici, soltanto i non vaccinati hanno problemi seri quando vengono ricoverati. Non abbiamo registrato ieri un aumento rilevante dei ricoveri. Tutto sommato, se la situazione rimane questa, reggiamo. Ma per riuscirci, bisogna essere rigorosi, in Campania più che nelle altre regioni d’Italia. Abbiamo ad oggi circa 270 classi chiuse per focolai. 67 classi sul territorio dell’Asl Napoli 2, con 179 alunni positivi e 2100 persone in isolamento. 37 classi, invece, si trovano sul territorio dell’Asl Napoli 1, 64 sul territorio dell’Asl Napoli 3.

Gli obiettivi fondamentali in Campania sono due: non chiudere l’economia della nostra regione, non chiudere di nuovo attività commerciali e aziende. L’altro obiettivo è tenere aperte le scuole, evitando di chiuderle. Pensare di tornare in dad sarebbe una tragedia. Dobbiamo essere tutti responsabili. Ora si apre un altro capitolo molto delicato: la vaccinazione per i bambini tra i 5 e gli 11 anni, dopo l’autorizzazione alla somministrazione in questa fascia di età. Sarà decisivo il ruolo dei pediatri. Il clima che è stato creato in Italia è talmente pesante che si è diffusa una preoccupazione nelle famiglie.

Chiusura sulle festività natalizie in arrivo: “Dobbiamo essere prudenti, evitando feste, festini e contro feste. E mettersi queste benedette mascherine, anche all’aperto. Nel periodo natalizio vanno evitate feste al chiuso senza mascherine. Non so se con questi chiari di luna si potranno fare feste di fine anno in piazza. Bisogna riflettere con molta attenzione. Io, sinceramente, le eviterei. Non possiamo bruciare risultati importanti raggiunti, con assembramenti di decine di migliaia di persone. Per quest’anno mi manterrei prudente. Non bisogna perdere quello che abbiamo conquistato per la fretta“. 

Continua a leggere

POLITICA

Covid, De Luca: “Il governo arriva sempre con due mesi di ritardo”

Pubblicato

il

CAMPANIA – A Città della Scienza, accanto al presidente Riccardo Villari, per l’inaugurazione di Futuro Remoto, il governatore Vincenzo De Luca ancora una volta non ha nascosto la sua insoddisfazione per quanto disposto per la situazione pandemica.

Il governo – dice De Luca – arriva sempre con due mesi di ritardo – sono state le parole del presidente della Regione – Perché ancora non è stato approvato l’obbligo della terza dose almeno per il personale sanitario?

Siamo qui in un posto dove si trasmette scienza e sapere – ha aggiunto ancora De Luca – e assistiamo ad un movimento neomedievale come i no vax, stiamo arrivando alla stregoneria, alla negazione di ogni verità scientifica e questo rischia di determinare degli eventi davvero drammatici“. 

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante