Resta sintonizzato

Editoriale

CAIVANO Terra di Camorra amministrata da una politica connivente, incapace e ignorante

Pubblicato

il

CAIVANO – Era da parecchio che non mi dedicavo alla mia città, quest’eterna sconfitta, una landa desolata in provincia di lamiera, una città che non ha più nulla da offrire perché sventrata, stuprata e abbandonata prima dalla politica e poi dai suoi abitanti.

Oggi è terra di nessuno, proprietà di una camorra divisa tra narcotraffico e racket appena riesumato da pluripregiudicati fermi agli anni ’70 che nella loro vita da criminale, quella è l’unica cosa che gli riesce meglio, oltre a quello di piazzare qua e là qualche parente nel mondo del lavoro grazie alla connivenza della politica locale e mentre si ammazzano ragazzini cresciuti a pane e lupara, mentre quegli stessi ragazzini si mettono in testa di creare il proprio impero per sovvertire lo stato di cose in un mondo parallelo dove vige la legge sovversiva, qui i politici continuano a fare passerelle.

Addirittura si scambia un regolamento di conti come un fenomeno straordinario pur di strumentalizzare e immolarsi a soggetti anticamorra. Un tempo i veri uomini, i veri politici, quelli che non avevano paura di nulla, figuriamoci di un pagliaccio vestito da mafiosone, a questi politicucci da strapazzo e a questi nuovi santoni li avrebbe etichettati come i galli sull’immondizia. Ma sono consapevole che indietro non si torna e lo spettacolo che oggi mostrano le istituzioni è davvero raccapricciante.

Vi avevo lasciato come i dilettanti allo sbaraglio e vi ho trovato come i professionisti dell’improvvisazione. La classe dirigente caivanese fa acqua da tutte le parti e mentre davanti alle nostre telecamere abbiamo ascoltato in silenzio il Sindaco ammonirci dicendo che i bilanci si fanno alla fine dell’anno, abbiamo aspettato ansiosi di poter commentare qualcos’altro.

L’anno è passato ma dal punto di vista di azioni politiche, programmazioni e figurarsi i fatti, da quest’Amministrazione nulla è stato fatto. Questo esecutivo, sempre in piena crisi, ha prodotto il nulla cosmico. Per non parlare dei continui litigi e degli equilibri ancora da perfezionare.

Italia Viva che essendosi ritrovata con cinque consiglieri, mentre accusava Noi Campani di essere dei cambiacasacca, adesso recrimina l’Assessore e vorrebbe far tornare Pasquale Mennillo. Il prezzo lo pagherà, almeno stando alle ultime indiscrezioni, Pasquale Penza assessore del M5S e “genio assoluto dell’ecologia moderna” mentre Maria Donesi risulta essere tutelata dalla voglia di mantenerla in esecutivo del primo cittadino, nonostante la foto della stessa questa mattina campeggi sulla prima pagina di “Cronache di Napoli” insieme a quella del Consigliere Giamante Alibrico e l’ex assessore per 5 giorni Claudio Castaldo perché indagati poiché da evasori fiscali verso il Comune di Caivano, al momento dell’investitura della propria carica, hanno dichiarato il falso.

Quindi, giusto per non farsi mancare nulla, quest’Amministrazione oltre a non aver prodotto nulla, all’interno del suo esecutivo e legislativo presenta anche elementi con profili di incompatibilità e da alcuni giorni anche indagati dalla magistratura e il Sindaco cosa fa? Consapevole della propria incapacità e della sua amministrazione nonché di quella della macchina burocratica nel recepire fondi sovracomunali, cerca di deviare l’attenzione mettendo le mani avanti e commiserandosi del fatto che il governo, le leggi o chissà quale complotto impedisce alla sua amministrazione di dotarsi di forze lavoro in grado di poter fare progetti atti al recepimento dei famosi fondi del PNRR o del Recovery Fund.

Già attraverso un suo post di alcune settimane fa come fatto anche attraverso un suo editoriale pubblicato su Repubblica il primo cittadino corre ai ripari, comunicando ai suoi concittadini che laddove non arrivasse tutta quella pioggia di milioni sulla quale ha fondato la sua campagna elettorale la colpa non è della sua incompetenza manageriale ma del fatto che il governo non permette al Comune di Caivano di assumere personale.

Così, da furbo, pone le basi per dare due risposte sul territorio a quanti hanno votato lui o qualche consigliere destinatario di “paccheri alla caivanese”. Da un lato sta dicendo che non arriveranno fondi e dall’altro lato sta comunicando che non si possono assumere nuove figure all’interno del Comune: hai visto mai che qualche suo eletto avesse da pagare qualche “cambiale” ancora sospesa dall’ultima campagna elettorale?

E per non finire qui, l’ignoranza – sempre politica – non ammette suggerimenti. Inutile anche lo sforzo delle opposizioni che ieri e oggi hanno protocollato due mozioni, dove la prima riguarda un bando di finanziamento per un importo massimo di € 30 mila per rimpinguare il corpo di Polizia Locale di mezzi mobili (auto, bici elettriche, motocicli) o di strumenti tecnologici (body cam, droni, dash cam) e la seconda riguarda il fondo promosso dal Mite (Ministero della Transizione Ecologica) e che prevede risorse pari a 27 milioni di euro per dare il via un programma di investimenti per l’installazione di eco compattatori nei Comuni italiani.

Anche qui sono sicuro che non si farà nulla, perché oltre all’ingnoranza – sempre politica – c’è anche la presunzione del personalismo che non vuole far “appuntare”, come si dice in gergo, la medaglia al petto all’opposizione e di questo passo non ci resta altro da fare che rassegnarci all’idea che Caivano sia destinata a finire sempre più nel baratro e sempre più nelle mani della criminalità organizzata.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caivano

CAIVANO non è un paese per bandi di gara pubblici

Pubblicato

il

CAIVANO – Duro lavoro quello del cronista politico sul territorio gialloverde. Chiunque si appresti a fare seriamente questo lavoro e deve raccontare i fatti dell’Amministrazione Enzo Falco deve guardarsi bene dal non essere accusato come stalker mediatico e ottenere l’effetto opposto, tante sono le “opportunità” che questa amministrazione sprovveduta e dilettante offre a chi si fregia di essere l’occhio vigile sul territorio.

Allora tanto vale non accanirsi e di tanto in tanto tracciare una “playlist” di strafalcioni collezionati da quest’amministrazione ignorante in materia di diritto amministrativo e partiamo dalla legislazione creativa adottata in merito al servizio di igiene urbana che si può trovare sulla delibera di giunta n°102 del 29 Aprile 2022, dove si legge testualmente: “Che a seguito di interlocuzioni con la medesima – Green Line ditta che già opera sul territorio per la raccolta rifiuti – si è addivenuto ad un accordo per le vie brevi che prevede:” Ovviamente subito dopo fa tutta una serie di elenchi previsti dal servizio di raccolta rifiuti.

In poche parole i geni dell’esecutivo, compreso il Sindaco Enzo Falco, così come riportato in delibera, credendo di essere nel giusto, visto che la Green Line s.r.l. è una ditta di proprietà demaniale, confiscata alla camorra e in gestione dell’Agenzia per i beni confiscati l’ANBSC, e per ciò priva di lucro e che finora ha svolto il servizio con soddisfazione dell’Ente, si può benissimo “raggirare” la questione bando di gara europea, così come promesso dal Sindaco in campagna elettorale e affidare il Servizio di raccolta rifiuti, falcio d’erba, spazzamento, diserbo, lavaggio e disinfezione strade, gestione dell’isola ecologica comprese le campagne di sensibilizzazioni alla differenziata e riassetti per un ammontare di 425.088, 30 euro oltre Iva al mese, in assenza di manifestazione di interesse, affidando direttamente il servizio alla ditta che già espleta sul territorio e che già, in perfetta linea con richieste pervenute da alcuni consiglieri comunali, ha effettuato qualche assunzione a dir poco discutibile.

Senza dilungarci troppo sull’argomento visto che la cosa grave è la scelta di non ricorrere ad un mezzo democratico come quello dell’indizione di un bando di interesse pubblico, possiamo proiettarci anche su un altro argomento annoso e dannoso per la comunità gialloverde, ossia quello delle manutenzioni ordinarie e straordinarie.

L’argomento, in quel di Caivano, ha sempre rappresentato linfa vitale per chi è abituato a fare politica avendo le mani nella marmellata approfittando dell’enorme emorragia di denaro che il settore rappresenta. Infatti ad oggi sul territorio caivanese, sempre in assenza di un bando di interesse pubblico che possa assegnare un servizio di manutenzione ordinaria ad una ditta al minor costo possibile, si preferisce affidare in maniera diretta attraverso appalti sotto soglia e somme urgenze, deframmentando così illegittimamente e contravvenendo al codice degli appalti, servizi di manutenzione su strade ed edifici comunali.

In tutto questo cosa fa l’assessore al ramo Carmine Peluso? Noi di Minformo non dimentichiamo mai la determinazione n.223 del 25 febbraio 2021 dove si impegnava la spesa di € 30.176,90 per la manutenzione stradale e dei sottoservizi alla Società Della Gatta Edilizia srl. riportando esplicitamente la scritta: Tutto ciò premesso e considerato di concerto con l’Assessore alle Manutenzioni Dott. Carmine Peluso, è stata interpellata, per le vie brevi, dopo breve indagine di mercato, la Società Della Gatta Edilizia srl…” e in virtù di questo “strano” ma consolidato modus operandi che si chiede all’assessore al ramo se è a conoscenza che in un anno i caivanesi hanno già speso due milioni di euro per manutenzioni ordinarie e straordinarie di strade, le stesse strade che ad occhio nudo appaiono proprio prive di manutenzione. Se l’Assessore è a conoscenza che la maggior parte delle ditte affidatarie gravitano nell’orbita commerciale e professionale di alcuni suoi parenti prossimi generando così un enorme conflitto di interessi per lo stesso assessore. L’Assessore sa che sulla S.S. Sannitica insiste un fabbricato – da lui molto ben conosciuto – che sversa illegalmente liquame fognario direttamente sul manto stradale? E oltre all’Assessore, il Sindaco, in tutto questo cosa fa? Mette la testa sotto il terreno come gli struzzi? Ma passiamo oltre, perché le anomalie non finiscono qui.

Restando in tema di emorragia di denaro legato al consolidato metodo di deframmentazione degli appalti in termini di manutenzione ordinaria c’è da registrare anche la determinazione n.624 del 28 Aprile 2022 dove si parla di impegno di spesa per lavori di manutenzione e messa in sicurezza della villa comunale di Pascarola in via Semonella. Sicuramente tali lavori riguardano l’edificio dove insiste la biblioteca comunale e non la villa in sé, visto che da indiscrezioni pare che la stessa sarà affidata, anche in questo caso in maniera diretta, ad un’associazione molto nota del territorio. Saremo proprio curiosi di sapere nelle tasche di chi andranno gli € 38.813,91 – guarda caso solo € 1186,10 in meno alla soglia consentita – previsti da quest’appalto e aggiunti ai due milioni già spesi per poi porre qualche altra domanda all’Assessore Carmine Peluso.

Se a tutto questo aggiungiamo pure che i “puritani” attualmente al governo cittadino, rappresentati da quel partito tanto caro a tutti gli “anti” possibili e immaginabili, gli stessi che all’ex Sindaco Simone Monopoli lo accusavano di qualsiasi nefandezza, salvo poi ripetere loro gli stessi provvedimenti, come quello dell’aumento dello stipendio del 40% del Segretario Generale, allora davvero siamo alla frutta. Vuol dire che in quest’amministrazione è vivo e tangibile il sentimento di impunità dettato dal senso di appartenenza politica.

In ultima analisi si può asserire con certezza e senza tema di smentita che l’Amministrazione Enzo Falco non solo fa acqua da tutte le parti, visto che in diciotto mesi non ha prodotto né programmato nulla, ma non riesce neanche a fare i conti della serva come prometteva il buon Enzo Falco in Campagna elettorale. Tanto è vero che, a quanto pare, l’ente caivanese sia uscito finalmente fuori dal dissesto – infatti si attende solo il rendiconto di gestione dell’OSL – ma di abbassare le imposte e riportarle ai valori normali di amministrazione manco a parlarne. In poche parole, se tutto va bene, con quest’amministrazione, i caivanesi se la vedranno brutta.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Nespoli fa asso pigliatutto e i consiglieri giocano a fare gli “statisti”

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Un Consiglio Comunale per far contenta l’opposizione che in assenza di vere idee per contrastare l’azione solista e solitaria del vero dominus afragolese si diverte a protocollare interrogazioni consiliari che non portano nessun risultato e che non ostacolano la corsa sfrenata alla lottizzazione politica delle ultime poltrone in quel di piazza Municipio. Esempio lampante quella di Gennaro Giustino inerente le delucidazioni richieste, in maniera strumentale, circa il mancato rispetto del capitolato del PRU Salicelle, visto che, fino a prima delle elezioni, il consigliere di “A Viso Aperto” è stato un buon compagno di merenda del gestore dell’appalto, con tanto di cene e pranzi luculliani in quel di via Lautrec.

Dal punto di vista gestionale invece è innegabile quanto l’ex senatore Nespoli, colui che autonomamente e illegittimamente si è dichiarato unico e reale vincitore delle ultime elezioni, stia facendo asso pigliatutto nella casa comunale, lottizzando e gestendo tutto quello che c’è da gestire, a partire dal PUC delegato nelle mani della nipote consigliera, passando per lo staff monopolizzato, come da indiscrezioni raccolte da Minformo, con le figure della dott.ssa Picardi e il Dott. Crocetto, anche quest’ultimo già capo staff ai tempi del Sindaco Enzo Nespoli, per poi finire col bilancio commissariando totalmente l’assessore dimissionario dott. Michele Sibilio.

Cosa rimane al resto del legislativo? Briciole, solo briciole. Le stesse che mantengono in piedi la maggioranza di un primo cittadino che assume sempre più le sembianze di un sindaco di rappresentanza, uno yes man con la fascia privo di potere decisionale, un uomo che fornisce risposte per interposta persona e che ai propri interlocutori dona tempi di risposte in ordini di settimane se tutto va bene e nella peggiore delle ipotesi lascia anche appesi discorsi e progetti utili per la comunità e meno utili per chi muove le fila del gioco volendo mantenere gli equilibri immutati.

E tra una monopolizzazione e l’altra i consiglieri comunali, per lo più alla loro prima esperienza, giocano a fare gli statisti muovendo le proprie pedine da un gruppo politico ad un altro come i consiglieri Sara Tralice e Francesco Castaldo che passano a Fratelli d’Italia dopo aver sfaldato la lista del Sindaco buttando fuori Giuseppe Migliore, quest’ultimo passato a “Pensiero Comune” insieme a Benito Zanfardino. Insomma il quadro è chiaro. I formanti la lista del Sindaco erano destinati ad essere gli emarginati della maggioranza raccogliendo zero e impossibilitati a dare risposte al proprio elettorato, così ognuno di loro, pur di non mettersi contro il deus ex machina, tenta di muovere le proprie pedine da alfierino cercando di incutere timore, un po’ come il topo gioca a fare il gradasso con l’elefante.

I primi due, a dire il vero, scelgono la strada più ostica per mettere in difficoltà la fascia tricolore che, è bene ricordarlo, non avrà lui l’incombenza di sbrogliare la matassa legata alla nomina dell’assessore che dovrà sostituire il Sibilio. Infatti Tralice e Castaldo aggregandosi a Fratelli d’Italia non si sono resi conto di essere finiti in un gruppo politico già in accredito di posizioni, conservandone due in rappresentanza di tre consiglieri e quindi molto probabilmente le nuove due adesioni cadranno nel vuoto rispetto ad eventuali pretese che potrà accampare “Pensiero Comune” che si va a rinforzare con la presenza di Giuseppe Migliore.

Ovviamente questo è un nodo da sciogliere per l’ex Senatore Nespoli che ancora una volta è chiamato a mantenere intatti gli equilibri, ovviamente siamo sicuri che la migliore tattica è quella di sempre: non muoversi per non guastarli e chi sta zitto, ovviamente, ha sempre qualche interesse da tutelare. Ecco perché allo stato attuale nel comune normanno è facile fare politica, perché la maggior parte del legislativo si accontenta di poco, anche delle briciole che cadono dal tavolo di chi comanda.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Attacco alla democrazia in Aula e Nespoli commissaria il Sindaco sul PUC

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Le elezioni che hanno sancito l’ascesa di Antonio Pannone sullo scranno più alto della città si sono svolte cinque mesi fa, sono passati circa 150 giorni e a 100 giorni il professore afragolese non ha avuto il coraggio di indire una conferenza stampa per fare il resoconto del suo operato alla soglia del primo traguardo che di consuetudine la politica si pone come obiettivo.

Oggettivamente c’era poco da dire, anzi, quasi nulla da dire, perché quest’Amministrazione, così come la scorsa di Grillo che ha avuto la stessa matrice, preferisce più ingessare la città per mantenere gli equilibri raggiunti in campagna elettorale che rischiare di guastarli nella volontà di fare qualcosa di buono per la città. Vedi la questione irrisolta del Direttore Generale dell’Azienda Consortile delle Politiche Sociali. Ma veniamo ai fatti di ieri.

Ieri mattina si è svolto il Consiglio Comunale che aveva come punti all’Ordine del Giorno alcune interrogazioni consiliari protocollate da alcuni Consiglieri di opposizione e mentre si doveva discutere di una interrogazione presentata dal Consigliere Gennaro Giustino in merito ad alcuni decreti sindacali, tra cui quello della scelta di confermare Marco Chiauzzi dirigente all’economia dopo che la Commissaria Prefettizia che Amministrava l’ente prima di Pannone l’avesse spostato per consentire la rotazione prevista dall’ANAC, anche in virtù delle vicende giudiziarie che hanno riguardato lo stesso dirigente.

Appena si arriva alla risposta che l’Amministrazione doveva dare alla domanda sollevata da Giustino sul perché non si è rispettato il tempo dei sei mesi previsti dalla rotazione e rimesso al proprio posto Chiauzzi nonostante i suoi guai giudiziari siano ancora in atto, si è deciso inspiegabilmente di rendere la seduta segreta, invitando i pochi presenti – giornalisti e appassionati – ad abbandonare l’aula e oscurando la diretta streaming.

In poche parole un vero attacco alla democrazia. Un Consiglio svolto nella piena illegittimità e inosservanza delle regole visto che l’ art. 38, comma 7, Tuel, pone il principio della pubblicità delle sedute consiliari, stabilendo che “le sedute del Consiglio comunale devono essere pubbliche, salvo i casi previsti dal Regolamento”. Se andiamo a vedere il Regolamento Comunale, esso prevede all’ art. 15 comma 1 che le “sedute del Consiglio comunale devono essere pubbliche” precisando al comma 2 che “su richiesta motivata di un consigliere” si può procedere in seduta segreta ma il comma 3 dell’ art. 15 ribadisce l’ipotesi residuale della seduta segreta, ammissibile solo quando “si discute in merito alle qualità morali delle persone” e la motivazione per la quale si è voluto Chiauzzi di nuovo al suo posto è di interesse pubblico e non certamente si andava a discutere di questione morale, visto che anche i suoi guai giudiziari sono inerenti a fatti riguardanti la sua attività di funzionario pubblico e cioè di interesse collettivo. Quindi cosa si è voluto realmente nascondere alla cittadinanza tutta?

Appare un po’ paradossale il fatto che in campagna elettorale si declama tanto la casa di vetro e poi ci si comporta quasi alla stregua di un dittatore come Putin al quale, solo pochi giorni fa, si è indetta, proprio sul territorio afragolese promossa dall’Amministrazione stessa, una manifestazione a favore della libertà degli ucraini e contro le angherie del nuovo Zar russo.

Oramai il Comune di Afragola appare sempre più “Cosa Loro”. Si fa e disfa a piacimento dell’ex Senatore Enzo Nespoli e questo lo si è sempre saputo. Nessuno ha mai negato che questa vittoria di Pannone sia stata l’ennesima medaglia al petto che si è appuntato l’ex Sindaco, ma da un politico esperto e scafato come l’ex senatore ci si aspetta un cambio di rotta dovuto dall’insegnamento degli errori commessi nel passato e invece… Stiamo assistendo alla copia, forse la brutta copia dell’Amministrazione Grillo, dove tutto si teneva fermo per paura di far cadere il castello di sabbia che si è creato nei mesi antecedenti le elezioni.

Ma quel castello di sabbia comicia già a sgretolarsi, infatti la famiglia Nespoli gioca ad Asso pigliatutto, dove si è avuto anche l’ardire di far diventare la nipote dell’ex senatore, Consigliera ed Assessora allo stesso tempo, il che ha fatto storcere il naso a più di un consigliere non “federato”.

Nespoli commissaria il Sindaco sul PUC che fino ad ora conservava per sé la delega all’Urbanistica e dove nessuno riusciva a spiegarsi questa decisione di non nominare un assessore competente ad un documento così delicato e determinante per la città. Oggi il quadro appare più chiaro: attraverso la nipote, Consigliera appassionata seppur brava e volenterosa ma pur sempre alla sua prima esperienza politica e per questo poco idonea agli occhi dei più esperti colleghi, l’ex Senatore mette le mani sul PUC per stabilire cosa, dove e come dovrà sorgere la nuova Afragola.

Con la speranza, almeno, di vedere completata da questa Amministrazione una cosa importante come il Piano Urbanistico.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante