Resta sintonizzato

Attualità

Il Gruppo Di Palo riceve il premio “Industria Felix” per performance gestionale ed affidabilità finanziaria

Pubblicato

il

Lunedì 18 ottobre 2021, in occasione della XXXVI edizione del Premio Industria Felix tenutasi presso la Città della Scienza a Napoli durante l’evento “Industria Felix – La Campania che compete”, la B&G Di Palo Distribuzione Alimentare srl ha ricevuto il prestigioso premio per performance gestionale ed affidabilità finanziaria. La IV edizione de “La Campania che compete” ha presentato l’inchiesta sui bilanci di 70mila società di capitali con sede legale nell’area campana e tra queste ha selezionato 62 imprese, distinte per provincie, tra le più competitive ed affidabili a livello finanziario. La B&G Di Palo Distribuzione Alimentare srl è stata individuata tra le 34 napoletane.

«In questo lungo pomeriggio ho ascoltato le storie di impegno, di passione, di sacrificio, di ricordi familiari, di senso di comunità: queste cose meriterebbero una grande attenzione, un grande incoraggiamento e non la stupidità che esprimono tanti settori della vita pubblica e in qualche caso del mondo culturale e della comunicazione». Lo ha dichiarato durante il suo intervento il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in occasione del 36° evento Industria Felix.

«Il premio Industria Felix – dice Giuseppe Di Palo, Presidente della B&G Di Palo Distribuzione Alimentare srl – va ai miei genitori: Biagio Di Palo ed Emilia Cappuccio. Dedico a loro questo importante riconoscimento, frutto del duro lavoro, della dedizione, della passione e della mentalità imprenditoriale dei miei cari. Io ho avuto l’onore, insieme alle mie sorelle, di prendere le redini di un progetto avviato con la nascita della B&G Di Palo Commercio Carni nel 1958 che ha dato vita a tutto questo. Oggi il Gruppo Di Palo conta tante realtà aziendali al suo interno: le carni, il Cash&Carry, i centri commerciali, i supermercati diretti ed affiliati sia ad insegna CRAI che Ottimo. Il progetto è andato avanti grazie al contributo dei miei familiari, di mia moglie, dei miei cognati e cugini e grazie al lavoro dei miei collaboratori perché solo con il lavoro di squadra si possono ottenere questi risultati e riconoscimenti. Abbiamo tanti progetti in cantiere che a breve avranno vita, uno in particolare dedicato interamente a mio padre, affinchè il suo ricordo rimanga sempre impresso nella mente di chi ha avuto l’onore di conoscerlo».

Il premio, giunto alla sua XXXVI edizione, è organizzato da Industria Felix Magazine in co-organizzazione con l’assessorato alle attività Produttive Lavorative, Lavoro, Demanio e Patrimonio della Regione Campania, in collaborazione con Cerved, Università Luiss Guido Carli, Associazione culturale Industria Felix, con il patrocinio di Confindustria, Confindustria Campania, Simest (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti), le media partnership de Il Sole 24 Ore e Askanews, con le partnership di Banca Mediolanum, Mediolanum Private Banking, Grant Thornton, Lidl Italia, Sustainable Development. Presentato dai giornalisti Angelo Mellone e Maria Soave, durante il quale sono intervenuti l’assessore regionale alle Attività produttive e al Lavoro Antonio Marchiello, il presidente di Confindustria Campania Gianluigi Traettino, il componente del Gruppo tecnico Credito e Finanza di Confindustria Filippo Liverini, il chief commercial officer di Cerved Roberto Mancini, il senior manager dell’Investment Banking di Banca Mediolanum Marco Gabbiani e il private banker Michele Orlando, il chief business officer di Simest Massimo Bianchi, il vicepresidente del Sistema Moda Italia e presidente del Gruppo Moda di Assolombarda Carlo Palmieri e l’amministratore unico della Sustainable development Michele Chieffi.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Centro storico di Napoli: Natale a numero chiuso, l’ordinanza di Manfredi

Pubblicato

il

NAPOLI – A seguito dell’aumentare dei casi positivi da Covid-19, il sindaco di Napoli ha emanato la prima ordinanza in funzione del periodo natalizio. “Non sarà facile – spiega Manfredi -, ma chiederemo uno sforzo a polizia municipale e protezione civile“.

Natale 2021 sarà una festività a numero chiuso nel centro storico di Napoli. Si tratta di una misura “doverosa” secondo quanto espresso dal sindaco di Napoli, il quale ha emanato un’ordinanza del Comune di Napoli per ridurre gli assembramenti durante le feste.

“Sappiamo che non sarà facile – spiega Manfredi – soprattutto in una città come la nostra. La pandemia, però, non è passata e noi proveremo a limitare gli affollamenti“. 

Non è prevista l’installazione di un contapersone, l’accesso sarà contingentato dal personale della polizia municipale e dai volontari della protezione civile, che valuteranno momento dopo momento il numero orientativo di persone in strada. Attenzione soprattutto ai Decumani e a strada come via Tribunali, via San Gregorio Armeno, via San Biagio dei Librai, via Benedetto Croce, che durante le festività natalizie diventano un tappeto umano impercorribile. 

Per attuare l’ordinanza, però, servirebbe quel personale che al Comune manca da tempo: “Sappiamo di essere sottodimensionati – afferma Manfredi – per il livello di servizi che vorremmo garantire. Dal 1 dicembre potremo assumere i vincitori del concorso regionale, tra i quali ci sono 40 vigili urbani. Non è molto, ma ce lo faremo bastare”.  

Continua a leggere

Attualità

Clan dei Casalesi. Si pente anche Walter Schiavone, secondogenito di Sandokan

Pubblicato

il

C’è un nuovo pentito nel clan dei Casalesi. Si tratta di Walter Schiavone, secondogenito del boss Francesco Sandokan, il quale ha iniziato a collaborare con la giustizia. L’uomo, segue la strada tracciata dal fratello Nicola, che iniziò a collaborare nell’estate 2018. In particolare, ai magistrati della DDA di Napoli, sta raccontando il ruolo che ha avuto nella cosca, i business illeciti portati avanti in nome della famiglia mafiosa e le nuove leve su cui sta puntando il clan.

Inoltre, Schiavone, ha riferito che la distribuzione di prodotti caseari, avveniva con meccanismi di concorrenza sleale: “Sapevano che eravamo del clan e ci agevolavano sui prezzi“. Poi, replicando ad una domanda del suo difensore, ha confermato l’inizio della sua collaborazione con gli organi inquirenti: “Sto parlando anche di altro“.

Continua a leggere

Attualità

Dopo essere stato lasciato, diffonde le foto hard della sua ex: 54enne denunciato

Pubblicato

il

Non si è mai rassegnato all’idea di essere stato lasciato e per questo, ha perseguitato per mesi l’ex compagna e il suo nuovo convivente, con appostamenti ed esplicite minacce di morte. Poi, non contento, ha anche postato, tramite un servizio di messaggistica istantanea, alcune immagini a contenuto sessuale della donna, vantandosi di aver avuto una relazione con lei.

Il protagonista della vicenda, è un 54enne di Ariano Irpino, in provincia di Avellino, che è stato denunciato per atti persecutori e diffusione di immagini e video sessualmente espliciti. Inoltre, nei suoi confronti, è stata applicata anche la misura di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, nonché il divieto di comunicare con lei, mediante qualsiasi mezzo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante