Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli: aggiornamenti sul caso ambulanze-camorra

Pubblicato

il

NAPOLI – Sono state rese note le intercettazioni della tristemente nota vicenda giudiziaria sulle infiltrazioni della Camorra negli ospedali campani.

Da quanto acclarato dalle indagini, una delle figure di primo piano nell’esteso sistema adoperato dalla organizzazione criminale era Marco Salvati, tra gli arrestati durante il maxi bliz della Dda proprio qualche giorno fa.

L’uomo, titolare del servizio ambulanza Croce San Pio la quale agiva monopolizzava la rete organizzativa, è stato incastrato dalle intercettazioni telefoniche ispezionate dal Tribunale.

“…è risultato essere dominus incontrastato del settore trasporto ammalati all’interno dell’ospedale Cardarelli… Peraltro, a fronte del regime di monopolio in cui il Salvati gestiva la propria impresa, è emerso che questi conferiva sistematicamente somme di denaro in favore del clan Cimmino Caiazzo”, scrive il gip.

L’inchiesta sul ruolo di Salvati all’interno del clan Cimmino parte  dalla denuncia del titolare di una ditta concorrente. Il 16 ottobre del 2018 mette a verbale: “Preciso che Marco Salvati è da me conosciuto come appartenente al ‘Clan Lo Russo ”egemone stilla zona di Miano in Napoli, stessa zona dove io vivo da sempre, quindi di conseguenza ho subito le sue imposizioni da sempre. Ricordo che intorno al 2015 Marco Salvati torno in libertà, dopo una lunga carcerazione dovuta alle sue precedenti vicisitudini giudiziarie. Mi trovavo presso  l’ospedale ‘Loreto Mare ‘ era il mese di marzo o aprile 2016 quando vidi arrivare Marco Salvati arrivare in ospedale con la sua autoambulanza Croce San Pio  Marco Salvati parcheggio scese dalla sua autoambulanza mi venne incontro e mi disse testuali parole “Vedi che questi amici devono fare una imbasciata, non so di che si tratta vedi tu che dicono”.  

Salvati si allontanò da me ritornando verso la sua autoambulanza e i due sulla moto esordirono con la seguente frase: ‘Vedi che tu non ti devi assolutamente permettere di andare sulla zona ospedaliera, neanche se ti fai male devi farti vedere al Cardarelli e ospedali della zona.Tu non puoi più lavorare se ti permetti di presentarti ancora al Cardarelli te la devi vedere con gli amici di Marco Salvati’.

E l’imprenditore poi precisa:  “Non era la prima volta che venivo minacciato per conto cli Mano Salvati, ma conoscendo il personaggio e ritenendolo un camorrista a tutti gli effetti, recepii il messaggio e mi mantenni alla larga dalla zona Ospedaliera, dove Marco Salvati aveva messo la sua attività di autoambulanza privata….”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Caserta, cade dal pergolato: muore Attilio, pensionato 79enne

Pubblicato

il

CASERTANO – Incidente fatale per Attilio Scuncio, pensionato di 79 anni, trovato esamine nella sua abitazione di Vairano Patenora, in provincia di Caserta. L’anziano, al momento del ritrovamento, riportava una grave lesione al capo.

Ad accorgersi dell’accaduto un familiare, che ha poi allertato i carabinieri della locale stazione. Secondo le prime ricostruzioni, pare che Attilio fosse salito sul pergolato per effettuare delle riparazioni, perdendo poi l’equilibrio e battendo violentemente la testa. La salma, molto probabilmente, verrà trasferita al centro di medicina legale di Caserta per l’autopsia. L’uomo lascia una moglie e tre figlie.

Continua a leggere

Cronaca

Lite in spiaggia a Marechiaro: emessi 2 provvedimenti di divieto di accesso alle aree urbane

Pubblicato

il

Il Questore di Napoli ha emesso 2 provvedimenti ex art. 13bis del D.L. 14/2017, come modificato dal D.L. 130/2020, nei confronti di due napoletani di 43 e 38 anni resisi responsabili di lesioni personali aggravate.
In particolare, lo scorso 14 maggio una volante del Commissariato Posillipo era intervenuta in via Posillipo presso “la Spiaggia delle Monache” per la segnalazione di una lite sull’arenile ed avevano accertato che il 38enne, infastidito da un minore che stava giocando insieme ad altri ragazzi, lo aveva dapprima richiamato e, di fronte alla sua risposta sgarbata, lo aveva spinto facendolo rovinare su uno scoglio provocandogli lesioni al volto.
In quei frangenti, il giovane aggredito aveva chiamato il padre il quale, giunto sulla spiaggia imbracciando un casco da motociclista, lo aveva utilizzato per colpire il 38enne  trascinandolo in acqua dove, solo grazie all’intervento di altri bagnanti, l’uomo era riuscito a sottrarsi ai numerosi colpi dell’aggressore.
L’episodio, ripreso da un bagnante,  era stato altresì diffuso su numerosi social network.
I provvedimenti, istruiti e predisposti dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura, prevedono il divieto, per un anno, di accedere ai pubblici esercizi e ai locali di pubblico trattenimento siti nel Comune di Napoli in particolare in via Posillipo, via Petrarca, via Sermoneta, largo Sermoneta, via Mergellina e via Caracciolo nonché il divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi.

Continua a leggere

Cronaca

America sotto choc, sparatoria in una scuola elementare: uccisi 19 bambini e 2 adulti

Pubblicato

il

Una vera e propria strage, quella avvenuta stamattina in una scuola elementare di Uvalde, in Texas. Infatti, diciannove bambini e due adulti, di cui un insegnante, sono stati uccisi in classe da un ragazzo di 18 anni, tale Salvador Ramos.

Sulla questione, che ha letteralmente scioccato l’America, il presidente Joe Biden si è così rivolto agli americani e al Congresso: “Possiamo e dobbiamo fare di più. E’ il momento di trasformare il dolore in azione e di affrontare la lobby delle armi”. Poi, prosegue:

“Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada? Per l’amor del cielo, dov’è la nostra spina dorsale?. Non venitemi a dire, che non possiamo avere un impatto su queste carneficine”.

Dello stesso avviso, la vicepresidente Kamala Harris: “Quando è troppo è troppo, ora bisogna agire”.

Rincara la dose anche Barack Obama, presidente durante la strage di Sandy Hook del 2012: “Io e Michelle, siamo al fianco delle famiglie di Uvalde. Ma siamo anche arrabbiati: sono passati dieci anni da Newtown e il nostro Paese è paralizzato non dalla paura, ma da una lobby delle armi e da un partito politico, che non hanno mostrato alcuna volontà di agire per prevenire queste tragedie. E’ scaduto il tempo per agire, per qualsiasi tipo di azione”.

Intanto, per quanto riguarda il killer Salvador Ramos, sappiamo che lavorava presso la catena di ristoranti americani Wendy’s e come riferisce il manager del locale Adrian Mendes, egli “era un tipo silenzioso, non diceva molto e non socializzava con altri dipendenti. Ramos indossava un giubbotto antiproiettile. Ramos era un ragazzo difficile, non andava a scuola spesso e infastidiva altri studenti. Era nei radar della scuola. Si sapeva che aveva problemi, ma nessuno lo ha mai segnalato alle autorità”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante