Resta sintonizzato

Cronaca

Sant’Antimo, anziano ferito al volto da una sassata: nei guai baby gang

Pubblicato

il

Episodio deprecabile avvenuto nella serata di ieri a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, dove un anziano, è stato aggredito da un gruppo di giovani. Stando ad una prima ricostruzione, pare che un gruppo di ragazzi, abbia bussato alla porta dell’abitazione dell’uomo, sita in via Svizzera e, quando l’anziano ha aperto la porta, è stato raggiunto dal lancio di una pietra in pieno volto, rimanendo ferito alla fronte. Poco dopo, sul posto, sono arrivati i carabinieri, che sono ora alla ricerca dei responsabili. Pertanto, tramite la sua pagina Facebook, l’ex Consigliere Comunale Giuseppe Italia, ha voluto lanciare un appello:

Se qualcuno sa chi è stato, è il momento di parlare. Se quegli adolescenti, hanno capito di aver sbagliato, è il momento di assumersi le proprie responsabilità. Se i genitori di questi irresponsabili, si sono resi conto del fallimento umano che hanno prodotto, è l’ora giusta per intervenire, assicurarli alla giustizia e rendere loro la più grande lezione che possano inviare oggi, per non diventare dei criminali domani. Per certe azioni, non sono previste scusanti, apologie, attenuanti, solo fervidissima condanna da parte di tutta la comunità. Usare violenza gratuita contro un anziano, è come usarla su un bambino, se non vi rendete conto di ciò che avete fatto, non siete umani. Quando ben presto, verranno identificate, si aprirà un procedimento penale a loro carico, il mio studio legale, offrirà la difesa alla vittima e non solo insisteremo per una pesante condanna, ma proseguiremo fino al risarcimento dei danni in sede civile”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Giornalista molestata in diretta, polizia individua il tifoso

Pubblicato

il

EMPOLI – Secondo le ultime indiscrezioni, la polizia avrebbe individuato il tifoso della Fiorentina che, a seguito della partita Empoli-Fiorentina del 27 novembre, ha molestato la giornalista di Greta Beccaglia.

La donna ha subito la molestia in diretta mentre eseguiva un servizio per una trasmissione calcistica. Il commissariato della città di Empoli avrebbe, dunque, individuato il soggetto incriminato attraverso le immagini emesse dalla stessa televisione e mediante un incrocio di queste con degli altri video di sorveglianza ripresi dallo stadio.

Nelle prossime ore la polizia farà rapporto in Procura, dopo che la giornalista ha sporto denuncia. Il reato ipotizzato è molestie. Si sta cercando di identificare anche gli altri tifosi che hanno molestato la cronista nella stessa circostanza fuori dallo stadio Castellani, sul lato di deflusso dei tifosi viola, pochi minuti dopo la prima aggressione. Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli: ruba monitor dalla sala scommesse, poi aggredisce la polizia

Pubblicato

il

NAPOLI – Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti ieri sera in via Diocleziano per la segnalazione di una persona che aveva sradicato un monitor all’interno di una sala scommesse.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno rinvenuto un uomo che, in stato di evidente agitazione, ha inveito contro gli agenti delle forze dell’ordine a suon di calci e pugni. Il soggetto è stato poi fermato, non senza difficoltà.

Giancarlo Olisterno, 49enne con precedenti di polizia, è stato arrestato per lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché denunciato per oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Continua a leggere

Cronaca

Aversa, movida: 13enne ricoverato dopo aggressione

Pubblicato

il

AVERSA – Sfiorata la tragedia ad Aversa. Un giovane 13enne è stato ricoverato di urgenza in ospedale a seguito di essere stato vittima di una aggressione.

L’episodio è avvenuto in Via Seggio, centro della movida dell’agro aversano. Il ragazzo è stato assalito da più malviventi durante una uscita con amici nella zona dei locali. Per il giovanissimo è stato necessario l’intervento dell’ambulanza che lo ha trasportato all’ospedale Santobono di Napoli dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di cinque giorni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante