Resta sintonizzato

Storia

De Luca e Manfredi ricordano la Giornata delle Forze Armate

Pubblicato

il

NAPOLI – Oggi 4 novembre si celebra la Giornata delle Forze Armate.

Proprio il 4 novembre del 1916 fu siglato l’Armistizio di Villa Giusti il quale sancì la fine delle ostilità della I Guerra Mondiale e consentì agli italiani di rientrare nei territori di Trento e Trieste, affinché si portasse a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale.

La festività funge da promemoria al sacrificio dei tanti soldati morti al fronte, che hanno perso la vita per difendere la Patria. Lo fecero con coraggio, eroismo e amore. Furono loro – i nostri nonni e i nostri bisnonni – a salvare il nostro Paese.

Il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, ha voluto onorare questa ricorrenza spendendo qualche parola al rigaurdo:

Nel Giorno dell’Unità Nazionale e nella Giornata delle Forze Armate, il nostro pensiero non può che andare ai tanti giovani che durante la “Grande Guerra” persero la vita. Nel loro ricordo, l’impegno per tutti noi è quello di onorare l’estremo sacrificio di allora col lavoro quotidiano, all’interno e all’esterno delle istituzioni, per la crescita del nostro Paese e la difesa dei valori della democrazia. Un ringraziamento, in questa giornata, ai nostri militari impegnati in tanti posti del mondo per la sicurezza dei popoli e l’affermazione di quegli stessi valori“.

Un messaggio di ringraziamento è arrivato anche dal sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi espressosi durante le cerimonie al Mausoleo di Posillipo e a Piazza del Plebiscito: “Ricordare le persone che si sono sacrificate per difendere la libertà del nostro Paese, deve essere sempre un momento importante che deve essere anche di memoria per il futuro e spingere all’impegno civico e alla difesa dei valori costituzionali“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Storia

Il 2 dicembre 1984 veniva ucciso il primo pentito di Mafia

Pubblicato

il

PALERMO – Si chiamava Leonardo Vitale, fu il primo pentito di cosa nostra e, nonostante non fosse stato ascoltato dallo Stato, venne ucciso con due colpi di pistola dalla mafia il 2 dicembre 1984. Nasce a Palermo nel 1941 da famiglia mafiosa. Durante l’adolescenza viene cresciuto nella cosca di Altarello di Baida. Fra omicidi, intimidazioni, danneggiamenti, comincia a scalare le gerarchie.

La sua «carriera» finisce nel ’72, quando viene arrestato e tenuto una settimana in isolamento presso il carcere dell’Asinara. Vitale durante l’isolamento dà i primi segni di squilibrio e viene sottoposto all’elettroshock.

Una volta uscito, però, una mattina si presenta davanti alla questura di Palermo: si autoaccusa di due omicidi, ma durante la confessione inizia a fare altri nomi di peso: Salvatore Riina, Giuseppe Calò, Vito Ciancimino. È il primo a rivelare l’esistenza della «Commissione» di Cosa nostra, un organo allora ancora sconosciuto alla magistratura, e che sarà confermato anni dopo da Tommaso Buscetta.

Ma sono altri tempi: i pentiti ancora non esistono. Vitale non viene creduto, è dichiarato seminfermo mentale e dunque inattendibile. L’unico effetto della sua confessione sarà il suo stesso arresto: passerà infatti sette anni in un manicomio criminale, sottoposto a cure basate su psicofarmaci ed elettroshock. Una volta uscito, sarà assassinato con due colpi alla testa il 2 dicembre 1984, all’uscita dalla messa domenicale nella Chiesa dei Cappuccini di Palermo. La mafia non l’aveva dimenticato.

Anni dopo, a rendergli omaggio sarà lo stesso Giovanni Falcone: «A differenza della giustizia», dirà, «la mafia ha percepito l’importanza delle propalazioni di Leonardo Vitale e nel momento ritenuto più opportuno lo ha inesorabilmente punito per aver violato la legge dell’omertà. È augurabile che almeno da morto Vitale trovi il credito che meritava e che merita».

Ad oggi i pentiti di cosa nostra sono oltre 300. L’organizzazione che ne registra di più è la camorra (oltre 600), mentre tra la ‘ndrangheta se ne contano 200 e tra la Sacra corona unita 100.

Continua a leggere

Storia

Fatebenefratelli: la storia del primario che inventò una malattia contagiosa per salvare 1.024 ebrei

Pubblicato

il

NAPOLI – È l’ottobre del 1943. Napoli. I tedeschi iniziano un primo rastrellamento nel ghetto. Si portano via 1.024 ebrei, di cui 200 bambini. Destinazione Auschwitz. Alcuni però riescono a fuggire. E si rifugiano nel vicino Ospedale Fatebenefratelli. Un rifugio temporaneo e non sicuro, visto che a breve i tedeschi arriveranno pure lì dentro, a controllare uno per uno i pazienti ricoverati.

Che fare? Il primario dell’ospedale, dottor Giovanni Borromeo, ha un’idea. Assieme a dei giovani studenti e a dei combattenti antifascisti, il gruppo si inventa una malattia. Di più, una malattia contagiosissima, che faccia spaventare i soldati tedeschi delle SS e li faccia desistere dall’entrare nell’ala dell’ospedale dove si trovano gli ebrei.

E così, creano il «Morbo K», una malattia inesistente, chiamata così per le iniziali di Kesserling, il generale nazista che comandava l’occupazione tedesca in Italia, e di Kappler, capo della Gestapo di Roma. Doppio sberleffo. Ma per i tedeschi, era la malattia di Koch, ovvero quella turbercolosi che tanto terrorizzava i soldati delle SS.

E così, il giorno in cui nell’ospedale arrivarono i tedeschi, i medici avevano già preparato tutte le false cartelle cliniche, con falsi nomi, cognomi e malattie. Avevano «chiuso» gli ebrei in un padiglione, «il padiglione del Morbo di K». E gli avevano detto di «tossire continuamente» per spaventarli. «I nazisti pensarono che fosse tubercolosi, e scapparono come conigli», ha raccontato uno dei testimoni.

Ancora ad oggi non si sa quanti furono gli ebrei salvati, secondo alcune testimonianze 45. Di sicuro, la voce si sparse e l’ospedale continuò a fare da rifugio per carabinieri disertori, ebrei e partigiani. Nel 2004, il primario Giovanni Borromeo venne riconosciuto come «Giusto tra le nazioni» dall’Ente nazionale per la Memoria della Shoah di Israele.

Continua a leggere

Bacoli

I tesori nascosti di Baia: cinque absidi romani sul percorso della Cumana

Pubblicato

il

Cinque absidi in opera reticolata romana sono stati riportati alla luce nel corso delle attività di pulizia lungo l’ex percorso ferroviario della Cumana a Baia da parte dei tecnici del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

In settimana, infatti, sono state avviate le indagini per il completamento della progettazione del nuovo percorso pedonale attraverso la galleria dismessa della ferrovia Cumana, nei pressi delle Terme di Baia.

«I cinque absidi scoperti fanno parte di un antico prospetto del complesso di Mercurio o delle sostruzioni per una villa che doveva occupare la parte sommitale della collina di Baia», ha dichiarato il Parco Archeologico dei Campi Flegrei con una nota. 

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante