Resta sintonizzato

Lavoro

LAVORO. Il “nuovo” CNR peggiore del “vecchio”?

Pubblicato

il

Inizia nel peggiore dei modi il percorso del CNR, così come ipotizzato nella manovra di bilancio 2022! Altro che rilancio e riorganizzazione!

Il 18 novembre 2021, per il 98° compleanno del CNR, il Direttore Generale dell’Ente, Dott. G. Colpani, ha in 3 minuti comunicato alle OO. SS. che 400 precari non saranno stabilizzati. Evidentemente il DG ha ritenuto il completamento del processo di stabilizzazione del personale precario una incombenza da liquidare frettolosamente. Ha dopo appena mezz’ora chiuso il tavolo di confronto con le OO.SS. dichiarando che l’Ente utilizzerà solo poco più di 3 milioni (a fronte di una disponibilità di circa 33 Milioni) per il processo di stabilizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori precari che attendono ormai da anni e che hanno superato almeno due procedure concorsuali.

Il nuovo corso guidato da M.C. Carrozza (Presidente) e da G. Colpani (Direttore Generale) si sta
assumendo la grave responsabilità di mandare a casa più di 400 tra ricercatori e tecnologi, in attesa da anni di assunzione a tempo indeterminato e idonei secondo i requisiti C1 o C2 del Dlgs.75/17 e s.m.i. (personale con un’età minima di servizio di almeno 7, 8 anni).

Il più grande Ente di ricerca pubblico del Paese, negando l’utilizzo per l’assunzione di detto personale dei 22,8 milioni di euro messi a disposizione dal Decreto “Rilancio” dell’agosto 2020 (che il Consiglio di Amministrazione dell’Ente nella sua riunione odierna riallocherà alle spese per il personale), di fatto lascia senza lavoro quasi 400 lavoratrici e lavoratori che da anni e anni, senza alcuna tutela, contribuiscono al prestigio dell’Ente.

Le OO.SS. ritengono IMMORALE, ASSURDA, INCOMPRENSIBILE ED INACCETTABILE questa scelta dell’Amministrazione e dichiarano immediatamente la mobilitazione permanente e unitariamente PRESIDIANO ININTERROTTAMENTE il CNR fino a quando l’Ente non procederà all’assunzione di tutti gli aventi diritto.

Per questo motivo i Precari Uniti CNR hanno immediatamente pubblicato il seguente comunicato:

Il tempo delle chiacchiere e delle promesse è terminato! 280 ricercatori e tecnologi idonei in graduatorie di stabilizzazione ai sensi dell’Art.20 comma 2 del D.Lgs 75/2017 (Legge Madia) rischiano di veder interrotto il loro contratto di lavoro entro fine anno al Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Le graduatorie delle procedure concorsuali espletate tre anni fa vedono infatti la loro naturale scadenza a metà dicembre e, in mancanza dell’assunzione a tempo indeterminato, 280 lavoratori della ricerca con competenze e professionalità consolidate ed esperienza pluriennale stanno rischiando di essere messi alla porta dopo aver contribuito, con partecipazione a progetti, pubblicazioni e brevetti, al prestigio dell’ente a livello nazionale e internazionale.

Dopo aver avuto rassicurazioni sulla volontà del completamento delle stabilizzazioni sia in occasione del CdA del 22 settembre che durante il tavolo tecnico con le organizzazioni sindacali lo scorso 11 ottobre, improvvisamente i Vertici dell’ente hanno mostrato un cambio di passo, mettendo in dubbio l’esaurimento delle graduatorie.

Questa risposta non solo è irricevibile, ma indegna di un’amministrazione la cui Presidente Maria Chiara Carrozza ha più volte dichiarato, sia in sedi ufficiali, sia incontrando lo stesso personale precario in varie sedi del CNR, quanto la condizione precaria sia poco dignitosa e che i lavoratori della ricerca debbano ambire a un riscatto sociale e professionale.

Non è bastato evidenziare che il personale precario non abbia mai gravato, in anni di lavoro e sacrifici, sulle casse dell’ente, dal momento che è sempre stato rinnovato su fondi progettuali. Non è bastato mostrare che la produttività degli ultimi anni dei ricercatori e tecnologi precari dell’ente sia pressoché in linea con quella del personale strutturato. Sembra che nemmeno sia sufficiente, per questa amministrazione, avere la piena disponibilità delle risorse economiche, oltre ai 9,6 milioni di euro, di cui 3,3 vincolati, del DM n. 614 del 19/05/2021, anche i 22,8 milioni del Decreto Rilancia Italia (che devono essere necessariamente spesi per l’assunzione di personale), per assumere chi finora ha solo dato e mai ricevuto niente in cambio.

Per questi motivi, dal 18 novembre, per il personale precario, con il supporto delle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, riprende la fase di mobilitazione. Qualsiasi proposta che si allontani dall’assunzione dei 400 precari dell’ente, considerando le graduatorie in scadenza e le altre tipologie di precari al di fuori delle graduatorie (comma 1 non prioritari), che aspettano da tre anni il completamento delle procedure di stabilizzazione, sarà rispedita al mittente. La mobilitazione non terminerà fino a che non vi sarà l’assunzione dell’ultimo avente diritto secondo Legge Madia, perché i lavoratori della ricerca non sono usa e getta“.

Lavoro

Azienda Improsta, De Luca: “Destinare l’azienda alla preparazione dei giovani in ambito universitario”

Pubblicato

il

SALERNO – “Questa mattina in Improsta, azienda agricola di 200 ettari di proprietà regionale nella Piana del Sele, abbiamo celebrato la conclusione di un importante corso di formazione di 10 mesi che ha permesso a tanti ragazzi svantaggiati di imparare a produrre mozzarella e più in generale prodotti caseari, aprendo loro una reale prospettiva di lavoro. Continuiamo, come Regione Campania, a puntare tantissimo sulla formazione professionale e a tal scopo vorremmo destinare l’azienda Improsta, in raccordo con la Facoltà Agraria di Portici della Federico II, e l’Ateneo di Salerno, alla preparazione dei giovani in ambito universitario. Accoglieremo studenti esteri che verranno qui a svolgere i loro due anni di specializzazione. E rilanceremo così anche una vocazione che negli ultimi anni si è un po’ persa, quella della ricerca scientifica in ambito agricolo.

Questo quanto pubblicato dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca sulla sua pagina social riguardo l’odierna visita all’azienda agricola salerinata.

Continua a leggere

Lavoro

Rinnovo degli statali, Brunetta dichiara: “In arrivo aumenti e arretrati”

Pubblicato

il

Importante svolta in arrivo per i dipendenti pubblici di ministeri, agenzie fiscali ed enti non economici, fra cui Inps e Inail, che vedranno rinnovato il proprio contratto. Infatti, dopo il via libera della Corte dei conti, l’Aran e i sindacati hanno firmato l’accordo definitivo per il comparto Funzioni Centrali, la cui pre-intesa era stata siglata lo scorso 21 dicembre.

Pertanto, ci saranno gli aumenti previsti, che si attestano intorno ai 105 euro medi per 13 mesi, cui si aggiunge un beneficio pari ad altri 20 euro medi mensili. Quindi, l’aumento contrattuale sale fino a 117 euro lordi per la fascia degli assistenti amministrativi, mentre il contratto riguarda il triennio 2019-2021, riconoscendo anche gli arretrati medi, pari a circa 1800 euro. In particolare, ad esserne interessati sono 225 mila statali.

Tuttavia, pare che aumenti e arretrati possano essere presenti in busta paga a giugno, anche se si era pensato ad un’anticipazione straordinaria già a maggio, sulla quale però regna l’incertezza. Sulla questione, è intervenuto anche il Ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, che ha così commentato:

“Aumenti e arretrati in arrivo, rappresentano una boccata d’ossigeno per i lavoratori, in un momento caratterizzato da un generalizzato aumento dei prezzi. Oltre che sul piano economico, diverse sono le novità anche a livello normativo, a partire dallo sblocco delle carriere”.

Poi, conclude: “La rivoluzione del lavoro pubblico è in corso. Adesso avanti con la stessa determinazione, per chiudere i contratti della sanità e degli enti locali”.

Continua a leggere

Attualità

Eurostat, Campania tra le ultime cinque Regioni in Europa per tasso occupazionale

Pubblicato

il

CAMPANIA – Secondo i dati pubblicati dall’Eurostat, direzione generale della Commissione europea che si occupa di raccogliere i dati provenienti dai vari paesi dell’Unione al fine di analizzarli, tra le cinque Regioni nelle quali il tasso occupazionale è peggiore quattro sono italiane.

Si tratta della Sicilia, Calabria, Puglia e della nostra Campania. Tra le ultime cinque compare anche la Guyana francese sita nel Sudamerica. Si tratta di dati certamente non confortati che pongono nuovi quesiti cui dare risposta circa l’organizzazione socio-lavorativa regionale.

Secondo quanto dichiarato, in Campania si registra un tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni del 41,3%, a fronte di un tasso medio per l’Ue a 27 stati membri del 68,4%.  In media nel 2021 il tasso di occupazione in Italia era al 58,2%. Nel nostro Paese ci sono giganteschi divari territoriali: mentre la provincia di Bolzano registra un 70,7% di occupazione, un dato superiore alla media Ue, la Campania quel numero crolla al 41,3%.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante