Resta sintonizzato

Coronavirus

Covid, decide di curarsi da solo in casa: muore imprenditore no vax

Pubblicato

il

Una morte per certi versi assurda, quella toccata ad Igor Devetak, 50enne imprenditore, nonché titolare assieme alla moglie di un Bed&Breakfast a Trieste, dove nella giornata di ieri, si è consumata la tragedia. In particolare, l’uomo, che aveva da poco contratto il Covid, si trovava da solo in casa quando, convinto che le cure domiciliari fossero sufficienti per risolvere la cosa, è deceduto per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. Pare che la vittima, fosse un fervente sostenitore delle posizioni no vax, infatti, aveva deciso di curarsi da solo, quando è stato colto da un’improvvisa crisi cardiaca che non gli ha lasciato scampo, rendendo inutile l’intervento dei sanitari del 118. Lascia la moglie e due figli.

Pertanto, il primario del 118 di Trieste, Alberto Peratoner, ha così dichiarato:

“Vediamo, purtroppo, che ci sono sempre più casi di persone che scelgono queste cure domiciliari. Lo constatiamo ormai ogni giorno. La situazione, sta diventando drammatica. Affidarsi a cure e a professionisti non in linea con le evidenza scientifiche, è molto pericoloso“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus

Covid, leader dei no vax si pente dopo il ricovero: “Vaccinatevi tutti, io mi vaccinerò”

Pubblicato

il

Lorenzo Damiano, leader dei negazionisti trevigiani e già candidato sindaco a Conegliano, ha avuto una sorta di epifania, dopo essere finito in terapia sub-intensiva per Covid. Infatti, quando le sue condizioni sono migliorate, l’uomo, ha ammesso di averci ripensato e di essersi convertito al vaccino. Ecco le sue dichiarazioni:

Dopo questo periodo, ho un’altra visione del mondo, mi vaccinerò. Sarò pronto quanto prima, quando Dio vorrà, a far sapere al mondo intero, quanto sia importante seguire collettivamente la scienza, quella che ti salva. A volte, bisogna passare per una porta stretta, per capire le cose come sono. Vaccinatevi tutti, io mi vaccinerò”.

Continua a leggere

Coronavirus

Variante Omicron, registrati altri 5 positivi: la situazione

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intercettato dai giornalisti, si è così espresso sulla questione variante Omicron. Ecco quanto dichiarato:

“Dal tracciamento che abbiamo fatto del paziente zero, abbiamo trovato tre alunni nelle scuole frequentate dai due figli del tecnico, la badante e un’unità appartenente al personale scolastico”. Infatti, proprio questa mattina, era giunta la notizia di altri tre positivi, legati al primo caso di variante sudafricana in Italia. Si trattava di un docente e due compagni di classe di uno dei figli del paziente zero. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere

Coronavirus

Covid, parla Zaia: “Se continuiamo così, tutta Italia rischia la zona gialla”

Pubblicato

il

Luca Zaia, governatore del Veneto, è intervenuto ai microfoni di Sky Tg24, per parlare della situazione che sta attraversando l’Italia in questo momento. Ecco le sue dichiarazioni:

Tutta Italia, o quasi, in zona gialla. Se continuerà così, tutta Italia o quasi, passerà al giallo nelle prossime settimane. Poi, da un lato, c’è la partita del Super Green Pass, che dovrebbe quantomeno blindare e scongiurare la chiusura di quelle che sono le zone arancioni, che prevederebbero, appunto, la chiusura dei confini comunali e di molte attività come bar e ristoranti. E dall’altro lato, invece, la strategia è quella di vaccinare e vedo di buon grado, che ci sia questa giornata, sembra sia domani, che prevede delle azioni vaccinali importanti”.

Poi, continua: “Ovviamente, l’appello ai cittadini, è di andare a farsi vaccinare. A chi non ha fatto la prima dose, chiedo di valutarla fino in fondo, invece chi ha fatto entrambe le dosi, non attenda a prenotarsi per il richiamo. In Veneto, i contagi, hanno raggiunto quota 2.000 ed è stato segnalato un aumento dei ricoveri. La campagna di vaccinazione procede. Devo dire che in Veneto, negli ultimi giorni, c’è stato un incremento importante di prime somministrazioni e consideriamo che su queste, da oggi, nella nostra Regione, ci sarà l’accesso diretto, per cui non servirà neanche la prenotazione”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante