Resta sintonizzato

Cronaca

Strage della Manica, identificata la prima vittima: si tratta di una 24enne curda

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta nel Canale della Manica, dove una 24enne di origine curda, è stata la prima vittima della strage di migranti, che stavano tentando di raggiungere il Regno Unito in gommone, con altre 26 persone. Però, quando il gommone ha cominciato ad affondare, si è portato via la giovane Maryam Nuri Mohamed Amin.

E’ una giovane curda di 24 anni del nord dell’Iraq la prima vittima della strage di migranti nella Manica ad essere stata identificata: il suo nome è Maryam Nuri Mohamed Amin. Inoltre, insieme alla donna, sono morte annegate altre 23 persone, tra cui tre bambini. Solo due i sopravvissuti, un iracheno e un somalo.


Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Napoli: Documenti falsi alle Poste per chiedere il reddito di cittadinanza: arrestato

Pubblicato

il

Aveva presentato documenti falsi per ottenere la tessera del reddito di cittadinanza. Un 46enne, originario di Capo Verde, è stato arrestato dai carabinieri per tentata truffa aggravata, falsa attestazione e resistenza a pubblico ufficiale e ingresso e soggiorno illegale in Italia. Si era presentato alle Poste di via Arcoleo a Napoli e aveva chiesto il rilascio di una carta, dove avrebbe ricevuto il reddito di cittadinanza. Ma, per farlo, aveva presentato documenti di identità falsi e alcune autocertificazioni dal contenuto mendace. A chiamare i militari, il direttore dell’Istituto. Inutile la fuga: dopo un breve inseguimento e una colluttazione, l’uomo è stato bloccato e arrestato. Ora è ai domiciliari nella sua abitazione nel quartiere Avvocata, in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, 27enne scomparsa nel nulla da tre giorni. I familiari: “Se avete informazioni fatelo sapere”

Pubblicato

il

Napoli è in apprensione per la scomparsa di Salome Tetunashvili, una 27enne georgiana che vive con la famiglia nella città partenopea. Dalla scorsa domenica della ragazza si sono perse le tracce nonostante le ricerche avviate da amici e parenti. Sul caso attualmente sta indagando anche la polizia.

Salome, per gli amici Sali, lavorava a Casoria come badante. Nel pomeriggio di domenica 23 gennaio 2022, è uscita di casa per fare una passeggiata ma, da allora, non ha più fatto rientro. Di qui l’allarme lanciato dai familiari e dagli amici della ragazza che hanno lanciato diversi appelli sul web. La comunità partenopea e quella georgiana si sono fin da subito attivate per aiutare la famiglia a ritrovare la 27enne.

Nell’appello diffuso sui social, e inoltrato alla nostra redazione da Gvencadze Maka, si legge: “Salome (Sali) Tetunashvili, 27 anni, georgiana. Viveva a Napoli, lavorava come badante a Casoria. È stata vista l’ultima volta il 23 gennaio. La famiglia la sta cercando disperatamente. La polizia è al corrente, ma ancora non ci sono notizie. Se avete qualche informazione, qualsiasi dettaglio è importantissimo, fatelo sapere alla polizia”.

Sali sembra scomparsa nel nulla e, almeno per il momento, non si hanno ancora notizie su di lei. Fondamentale potrebbe essere il contributo della cittadinanza, come successo pochi mesi fa per il ritrovamento di Nunzia Vitantonio. Intanto anche le forze dell’ordine hanno avviato le indagini sul caso cercando di far luce sulle dinamiche della vicenda e riportare la ragazza a casa.

Continua a leggere

Cronaca

Bagnoli, incendio divampa: in fiamme uno studio di commercialisti

Pubblicato

il

BAGNOLI – Scoppia un incendio a Bagnoli, in via Acate. Ad andare in fiamme sarebbe stato uno studio di commercialisti. Immediato, sul posto, l’intervento dei Vigili del Fuoco e delle forze dell’ordine. La strada è subito stata messa in sicurezza e, a quanto pare, le operazioni di spegnimento sono ancora in corso. Al momento, inoltre, al momento non risultano feriti.

Intanto, dal luogo dell’incendio si è alzata un’altissima colonna di fumo nero, visibile in più punti della città. Ancora non è chiara la dinamica dei fatti. Le forze dell’ordine, insieme ai caschi rossi, stanno cercando di capire cosa abbia potuto dare origine alle fiamme.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante