Resta sintonizzato

Ambiente

Meteo, temperature in rialzo di 12 gradi

Pubblicato

il

Dopo l’ondata di maltempo ci sarà una vera e propria evoluzione del tempo, che in vista del Capodanno, porterà a un aumento delle temperature. Si tratta di un fenomeno che gli esperti definiscono “Gigante di Capodanno”.

Considerano le previsioni del meteorologo Carlo Testa, de “il Meteo”, nei prossimi giorni il versante gelido farà i conti con l’avanzata di un anticiclone tropicale sub-sahariano che toccherà il bacino Mediterraneo portando un aumento delle temperature di +10/12 gradi.

Nelle regioni del Centro-Sud si attende, per la fine del mese di dicembre, una decisa stabilità atmosferica con valori termici fino a 20 gradi durante il giorno. Il Nord, invece, potrebbe essere colpito da una fitta nebbia.

Un clima che gli esperti definiscono decisamente anomalo per la stagione più fredda dell’anno ma che regalerà giornate soleggiate e clima mite durante la notte di San Silvestro e nel corso della prima giornata del nuovo anno. 

Nei primi giorni di gennaio potrebbe tornare nuovamente alla ribalta un versante piovoso con l’arrivo di correnti più fredde di origine polare provenienti dal Nord Europa.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Bacoli, Parco della Quarantena: da discarica a sede dell’università, si faranno lezioni all’aperto

Pubblicato

il

Era una discarica, ora diventerà un centro nazionale di studio. Il Parco della Quarantena apre le porte all’Università Federico II di Napoli.

E’ l’annuncio del sindaco di Bacoli Josi Gerardo della Ragione. “Abbiamo approvato il protocollo d’intesa con il Dipartimento di Biologia. – dice – Per la valorizzazione e la conoscenza della biodiversità dei Campi Flegrei. È il polmone verde di Bacoli. Oltre undici ettari di verde. Enorme. Da Torregaveta a Cuma. Professori e studenti avranno il compito di valorizzare e far conoscere la flora e la fauna, non solo del Parco. Ma anche del lago Fusaro. Per difenderli, per tutelarli. Mai più rifiuti, mai più degrado. Ma tanti giovani appassionati, lezioni all’aperto, convegni, conferenze internazionali“.

“Così – aggiunge – cambia la storia di uno dei luoghi più suggestivi della città. Una riserva naturale, che fino a qualche anno fa era ridotta in condizioni pietose. Una rarità in Europa. Fino a quarant’anni fa, ospitava gli animali che dall’Africa sarebbero poi stati smistati, dopo un periodo di quarantena, negli zoo in Germania, in Francia, ed in tutta Italia. Prima lo abbiamo riaperto a tutti, consentendo di allungare il percorso naturalistico sulle sponde del lago. Dando continuità all’ottimo lavoro di associazioni e volontari. Un’area relax, un’area di gioco e gioia. Adesso ne faremo uno spazio aperto alle lezioni universitarie. Da discarica a cielo aperto, a Museo della Biodiversità”.

“È il preludio di una valorizzazione radicale che ci vedrà, una volta usciti dallo stato di liquidazione del Centro Ittico Campano, società comunale proprietaria dell’intero parco, a recuperare le numerose strutture abbandonate da troppo tempo. Per riqualificare, per mettere a reddito. E lo faremo insieme a tutti voi. Ringrazio l’assessore all’Ambiente, Mariano Scotto di Vetta, per aver reso possibile una collaborazione scientifica gratuita che riporta questo paradiso terrestre, al centro dell’attenzione regionale e nazionale. Un patrimonio di tutti. Ringrazio il presidente del CIC, Francesco Caputo. Dobbiamo fare ancora tanto. Verso uno sviluppo di qualità. Un passo alla volta“, conclude.

Continua a leggere

Ambiente

Crisi nera per gli agriturismi: 30mila clienti in meno, guadagni dimezzati

Pubblicato

il

L’avvento di Omicron e l’impennata di contagi ha determinato una situazione critica per il settore della ristorazione e in particolare per gli agriturismi: a evidenziarlo è un bilancio di Coldiretti, che per lo scorso anno stima circa 1 milione di presenze in meno.

Il 2021 si è chiuso infatti con quasi un milione di arrivi in meno rispetto al prima della pandemia nel 2019, soprattutto per effetto del crollo delle presenze degli stranieri, ma anche degli italiani. Questo è quanto emerge da un primo bilancio della Coldiretti sulla base delle indicazioni di Terranostra, che evidenza la necessità di sostegni di fronte ad una situazione di sofferenza sia per l’alloggio che la ristorazione.

Solo in Campania si stimano mancati arrivi e cancellazioni per circa 30mila visitatori nei 700 agriturismi presenti nelle cinque province. La tenuta delle presenze nei mesi estivi non è stata certo sufficiente a colmare i pesanti vuoi degli altri periodi dell’anno nelle oltre 25mila strutture agrituristiche presenti in Italia lungo tutta la Penisola, strutture che svolgono anche un importante ruolo di presidio ambientale del territorio e della biodiversità.

Per gli agriturismi si è concluso così un altro anno molto difficile, dopo un 2020 drammatico con appena 2,2 milioni di arrivi (-41,3% rispetto al 2019), il numero più basso dal 2010. La composizione degli ospiti rispetto alla nazionalità ha visto la prevalenza degli italiani con 1,5 milioni, in calo di circa mezzo milione rispetto all’anno precedente, mentre gli stranieri sono stati poco più di 669mila, in calo di oltre 1,1 milioni rispetto al 2019.

Il risultato, precisa la Coldiretti, è stato il dimezzamento del fatturato degli agriturismi (-49%), che è sceso a 802 milioni di euro. L’arrivo in questi giorni dei contributi previsti dal decreto del Ministero del turismo del 24 agosto 2021, a favore delle imprese turistico-ricettive e fortemente sostenuti da Coldiretti e Terranostra, non è sufficiente a garantire la sostenibilità economica ed occupazionale delle strutture per le quali – conclude la Coldiretti – è necessario ora prevedere nuove misure di sostegno.

Continua a leggere

Ambiente

Meteo, arriva il caldo: merito dell’anticiclone delle Azzorre

Pubblicato

il

Dopo il gelo di questi giorni con temperature vicine allo zero e nevicate anche in bassa quota, il termometro nel fine settimana tornerà a salire. Tutto merito dell’Anticiclone delle Azzorre che porterà aria calda e alta pressione. Il freddo però non scomparirà del tutto, per il mese di febbraio sono previsti altri abbassamenti della temperatura.

L’anticiclone arriverà prima nelle Regioni del Nord per poi interessare anche il Meridione. Un piccolo spiraglio di luce e caldo dopo giorni in cui anche in Campania è stata diramata l’allerta meteo per nevicate e gelo. Basti pensare che oggi la temperatura nel capoluogo partenopeo sfiora lo zero.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante