Resta sintonizzato

Attualità

Napoli, tentato furto in casa: ladri scacciati dalle grida di una donna

Pubblicato

il

Tentato furto in casa avvenuto lo scorso 22 dicembre a Napoli, nel quartiere Pianura, dove alcuni malviventi, si sono introdotti all’interno di un appartamento di via Campanile. Tuttavia, la presenza degli inquilini e le grida della madre di famiglia, hanno indotto alla fuga i ladri. Pertanto, la figlia della donna, una ragazza di 23 anni, ha denunciato l’accaduto al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Ecco le parole della giovane:

Per fortuna quel giorno, non ero sola in casa, c’erano anche mia madre e mio padre. Mia madre ha cominciato ad urlare, mentre tentavano di forzare la serratura e sono scappati giù per le scale. Abbiamo subito chiamato i carabinieri ma, non essendo i ladri entrati in casa e non avendo lasciato impronte, ci è stato detto che si può fare ben poco. Sono giorni che non dormo, la paura è tanta, qui siamo tutti terrorizzati perché non ci sentiamo più al sicuro. Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, mentre i malviventi sono liberi di delinquere e di terrorizzare i cittadini”.

Pronta la risposta di Borrelli: “Come avevamo preventivato, i furti sono aumentati durante le feste natalizie. Il fenomeno però, purtroppo, continua a crescere, non soltanto durante il Natale: cittadini e commercianti sono finiti nel mirino dei ladri, a Pianura la situazione è molto delicata. Chiediamo al Prefetto e al Questore di dare massima attenzione al problema, attivando un piano di prevenzione. Bisogna restituire serenità e sicurezza ai cittadini”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Alessandro Baricco, annuncio choc: “Ho la leucemia, farò il trapianto”

Pubblicato

il

Alessandro Baricco, noto scrittore, ha dichiarato sui social di essere stato colpito da una brutta malattia, lasciando nello sconforto i suoi fan:

Ehm, c’è una notizia da dare e questa volta la devo proprio dare io, personalmente. Non è un granché, vi avverto. Quel che è successo, è che cinque mesi fa, mi hanno diagnosticato una leucemia mielomonocitica cronica. Ci sono rimasto male, ma nemmeno poi tanto, dai. Quando hai una malattia del genere, la cosa migliore che puoi fare è sottoporti a un trapianto di cellule staminali del sangue, cosa che farò tra un paio di giorni”.

Pertanto, a donare le cellule staminali, sarà la sorella Enrica.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, ruba al supermercato e poi aggredisce un’agente in borghese: arrestata

Pubblicato

il

Attimi di panico a Napoli, in via Pisciarelli, dove nella serata di ieri un’agente del Commissariato Posillipo, libera dal servizio, è intervenuta in un supermercato per sedare un’animata discussione tra il titolare e un’avventrice, la quale lo stava spintonando per tentare di allontanarsi. Infatti, pare che la donna si fosse impossessata di alcuni generi alimentari senza pagarli, aggredendo poi la poliziotta e dando vita alla colluttazione.

Tuttavia, grazie all’ausilio delle volanti dei Commissariati San Paolo e Bagnoli, è stata bloccata. Pertanto, Geydi De La Caridad Diaz Escobar, 25enne cubana con precedenti di Polizia e irregolare sul territorio nazionale, è stata arrestata per rapina impropria e lesioni a Pubblico Ufficiale. Inoltre, è stata anche denunciata per ingresso e soggiorno illegale sul territorio dello Stato.

Continua a leggere

Attualità

Sorpresi e fermati all’aeroporto figlia e genero del boss: avevano Green Pass falsi

Pubblicato

il

Sorpresi e bloccati all’aeroporto mentre si stavano imbarcando per Dubai. Questo quanto accaduto a Roma, all’aeroporto di Fiumicino, dove Luca Esposito e Maria Bosti, genero e figlia del boss Patrizio Bosti, ritenuto ai vertici del cartello camorristico “Alleanza di Secondigliano”, sono stati fermati dagli agenti lo scorso 17 gennaio. Pertanto, il giudice ha deciso per entrambi, una misura cautelare in carcere, nonostante la donna sia stata trovata solo senza biglietto.

In particolare, marito e moglie sono accusati di corruzione di incaricati di Pubblico Servizio, aggravato dal metodo mafioso e dalla finalità di agevolare il sodalizio di appartenenza. Secondo gli inquirenti, i due, si sarebbero procurati a pagamento, falsi certificati di avvenuta vaccinazione SARS Covid-2, oltre a falsi certificati di test molecolare con esito negativo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante