Resta sintonizzato

Attualità

Anziane morte in Rsa per covid, aperta inchiesta a Torre Annunziata

Pubblicato

il

In piena seconda ondata Covid avrebbero ospitato nella loro rsa priva di autorizzazioni dodici anziane, alcune delle quali non deambulanti, senza predisporre accorgimenti contro il diffondersi del contagio. Cinque di queste pazienti sarebbero poi morte proprio a causa del Coronavirus. Per questo motivo due donne di 90 e 62 anni sono state raggiunte a Torre Annunziata da un’ordinanza di divieto temporaneo di esercitare le attività di assistenza alle persone fragili emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata.

Le due donne sono accusate di abbandono di persone minorate o incapaci, omicidio colposo plurimo e violazione delle leggi sanitarie in materia di esercizio di una struttura sanitaria del tipo Rsa. La Procura aveva invece chiesto gli arresti domiciliari per entrambe le indagate. Le attività di indagine partirono dopo i decessi accaduti tra il 25 ottobre e l’11 novembre 2020 nella casa famiglia Maria Immacolata San Vincenzo dei Paoli di Torre Annunziata.

In particolare, il 10 novembre dello scorso anno fu richiesto l’intervento dei carabinieri dai familiari di una delle vittime, e dalle indagini emerse che la struttura, gestita da una novantenne in qualità di presidentessa di un’associazione no-profit, e di fatto diretta da una sessantaduenne, era priva di titoli autorizzativi per funzionare come Rsa e non aveva adottato alcuna misura preventiva per proteggere gli ospiti dal rischio di contagiò.

Nel periodo di massima diffusione del virus, nella casa per anziani non sarebbero stati utilizzati i dispositivi di protezione individuale, né adottati i protocolli volti a garantire la sanificazione degli ambienti e l’inibizione degli accessi a persone estranee, tanto che sarebbero continuate perfino le messe in una piccola cappella, risultata aperta a chiunque.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Torna il Napoli Pride 2022: sarà in programma sabato 2 luglio

Pubblicato

il

NAPOLI – Dopo due anni di restrizioni dovute all’emergenza covid la città di Napoli – unica in Italia a scendere in piazza, seppur senza il tradizionale corteo, sia nel 2020 che nel 2021, – rivivrà il tradizionale corteo del Pride che attraverserà le strade della città. 

L’appuntamento il Napoli Pride, presentato giovedì 30 giugno a Palazzo San Giacomo dal Sindaco Gaetano Manfredi e dall’assessora alle Pari Opportunità Emanuela Ferrante, è per sabato 2 luglio in Piazza Municipio: concentramento alle ore 15.00, discorsi istituzionali alle ore 17.00 e partenza del corteo alle ore 18.00. 

Il corteo – guidato dalla madrina di questa edizione Bianca Guaccero – attraverserà via Toledo e piazza del Plebiscito, e infine raggiungerà, alle ore 21.00, via Nazario Sauro, dove è in programma una grande festa con artisti, musica e colore sotto la direzione artistica di Diego Di Flora. A condurre la serata ci saranno Teresanna Pugliese e Vito Coppola. Tra gli ospiti che animeranno il palco: Valeria Marini, Alexia, Maria Mazza,  Marco Carta, Priscilla, Vergo, Virginio, Antonino, Rosario Miraggio, Emiliana Cantone, Mr. Hyde, Rico Femiano, Mavi e Bellatrix.

Il claim scelto per la XV edizione del PRIDE partenopeo è “…e che burdello!”, espressione tipica napoletana di caos imprevedibile che, in questo, caso incarna la voglia di tornare a stare insieme dopo due anni di durissime restrizioni. Ma, al tempo stesso, è espressione di condanna, con fermezza e decisione, verso tutti i limiti alle storiche conquiste nel campo delle libertà individuali, a partire proprio dalla libertà di pensiero, di opinione e di espressione in materia di sessualità e di identità sessuale. 

La manifestazione è promossa dalle associazioni LGBT, Antinoo Arcigay Napoli, associazione Trans Napoli, ALFI le Maree Napoli, con il sostegno di Famiglie Arcobaleno, AGEDO, Pochos, Pride Vesuvio Rainbow, Arci Mediterraneo e CSV Napoli, ed è co-organizzata con il Comune di Napoli e gode dei patrocini morali della Regione Campania, della Città metropolitana di Napoli e del Consolato degli Stati Uniti di Napoli e conta l’adesione di tantissime associazioni, gruppi, collettivi, sindacati e organizzazioni del territorio.

Continua a leggere

Attualità

Campania, l’addio di De Luca a Carlo Andria

Pubblicato

il

CAMPANIA – “Cordoglio per la scomparsa di Carlo Andria, già sindaco di Giffoni, consigliere provinciale, presidente e presidente onorario dell’Ente Autonomo Giffoni Experience. Uomo di profonda cultura, apprezzato dai tanti giovani e da quanti lo hanno conosciuto durante la sua lunga carriera, soprattutto per il Giffoni Film Festival. Profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia Andria.

Lo ha scritto il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in occasione della morte di Carlo Andria sui propri social network.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, presentato “Giugno Giovani 2022”: più di 80 eventi in città e periferia

Pubblicato

il

NAPOLI – E’ stato presentato ‘Giugno Giovani 2022’, calendario di eventi proposti dai giovani e dedicati ai giovani. Attraverso una manifestazione di interesse l’Amministrazione comunale ha raccolto idee e proposte che animeranno, durante tutto il mese di giugno, i diversi luoghi della città: piazze, musei, parchi e centri giovanili. Il tema scelto quest’anno è “Napoli città della creatività”, per rendere il mese di giugno una grande festa destinata alle ragazze e ai ragazzi della città di Napoli.  

Con queste attività abbiamo messo insieme tante proposte arrivate dai nostri centri giovanili e dalle tante associazioni che hanno partecipato alla manifestazione di interesse – ha spiegato il Sindaco Manfredi – Insomma un altro momento significativo di ripartenza per Napoli, con il contributo propositivo che arriva dalla città oltre all’impegno dell’Amministrazione Comunale. In città c’è grande animazione, grande movimento e voglia di fare e di ripartire”.

“Il calendario che abbiamo elaborato ha visto un’enorme partecipazione da parte di associazioni e comitati giovanili, raccogliendo più di ottanta eventi che animeranno la città, dal centro alla periferia – ha dichiarato l’Assessora ai Giovani Chiara Marciani – Abbiamo voluto immaginare Napoli come un grande palcoscenico messo a disposizione delle ragazze e dei ragazzi, per far emergere il proprio talento, stimolarne l’immaginazione e la loro vena creativa. Sapere che c’è, da parte dei giovani, una voglia di partecipazione così alta, è uno sprone ancora più forte per l’Amministrazione a fornire, alle nuove generazioni, sempre più strumenti e luoghi per potersi esprimere, confrontare le proprie idee e mettere in risalto i propri talenti e competenze”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante