Resta sintonizzato

Torre del Greco

Bimbo annega, bloccata la mamma che minacciava di suicidarsi

Pubblicato

il

Un bimbo di due anni e mezzo è morto annegato nella tarda serata di ieri a Torre del Greco.

Bloccata la mamma che minacciava di suicidarsi.

A quanto si apprende, la donna sarebbe ora presso la caserma dei carabinieri della locale compagnia per essere ascoltata dagli inquirenti. Da ciò che si apprende, mamma e figlio sarebbe entrambi di Torre del Greco.

Stando ad una prima ricostruzione, il bambino sarebbe stato notato in acqua dopo che alcuni presenti avevano bloccato la donna.  Alcuni presenti a questo punto si sarebbero tuffati in acqua per recuperare il piccolo: è stato riportato a riva ma i soccorsi sono stati inutili.

La salma del bambino è stata posto sotto sequestro e ora è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un atto dovuto, in attesa di conoscere gli esiti delle indagini sul caso e per capire se sulla morte del piccolo possa esserci qualche responsabilità della madre. Gli inquirenti hanno disposto anche il sequestro della parte della spiaggia prospiciente la porzione di mare dove è stato recuperato il corpo senza vita del piccolo. 

La gente affacciata da finestre e balconi guarda la spiaggia dove ieri sera è stato recuperato privo di vita il corpo del bambino. I residenti commentano sbigottiti l’accaduto: ”Non è pensabile che una mamma arrivi ad uccidere il figlio piccolo. È una tragedia terribile” dice un’anziana, che racconta di non avere chiuso occhio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Bimbo annegato, la madre resta in carcere: respinta la richiesta dell’avvocato

Pubblicato

il

 Il Riesame ha respinto la richiesta dell’avvocato di A.G., la donna di 40 anni accusata di avere ucciso il figlio di due anni annegandolo nelle acque della località La Scala, lo scorso 2 gennaio. La difesa aveva rivolto la richiesta dopo il diniego da parte del Gip del Tribunale di Torre Annunziata che aveva disposto la detenzione cautelare in carcere.

La donna resterà dunque ancora nel carcere di Pozzuoli. Era stata accolta dal giudice la richiesta di sottoporla ad esame medico per valutare la sussistenza delle condizioni, fisiche e mentali, della detenzione. La perizia non aveva fatto emergere condizioni ostative, da qui la prima decisione del Gip contro cui il legale aveva fatto ricorso presso il Tribunale del Riesame. Anche quest’ultimo, tuttavia, non ha ritenuto che ci fossero le condizioni per la scarcerazione.

Continua a leggere

Cronaca

Torre del Greco, aggredito per gelosia: uomo colpito con 5 coltellate alla schiena

Pubblicato

il

Attimi di paura stanotte a Torre del Greco, dove un uomo di 34 anni è stato accoltellato con 5 fendenti per futili motivi. A riportare la notizia è una nota dei carabinieri.

I Carabinieri della locale Compagnia hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria G.B, un uomo di 30 anni originario di Secondigliano e già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è ritenuto gravemente indiziato del reato di tentato omicidio nei confronti di un 34enne del Parco Verde di Caivano, anche lui già noto alle forze dell’ordine.

I Carabinieri sono intervenuti presso un appartamento sito al II vico San Vito per una lite in abitazione. Poco prima, per cause in corso di accertamento che sembrerebbero condurre a questioni sentimentali, il 34enne si sarebbe presentato presso l’abitazione dove il 30enne era con la sua compagna.

Ne sarebbe scaturita una lite, in cui il 34enne di Caivano sarebbe stato colpito alla schiena con 5 fendenti. L’uomo accoltellato è stato soccorso dal personale sanitario ed ora si trova ricoverato, non in pericolo di vita, presso il pronto soccorso dell’ospedale Maresca di Torre del Greco.

Le immediate indagini hanno permesso ai Carabinieri di accertare quanto fosse accaduto e di individuare poco dopo il 30enne di Secondigliano, per poi sottoporlo a fermo di polizia giudiziaria. Il fermato è in attesa di giudizio presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale, a disposizione dell’A.G.

Continua a leggere

Scuola

Torre del Greco, ruba in un istituto scolastico: arrestato 30enne della zona

Pubblicato

il

Ruba all’interno di un un istituto scolastico e poi tenta la fuga all’arrivo delle Forze dell’Ordine, senza avere successo: arrestato un uomo di 30 anni per furto. La vicenda è avvenuta il 16 di questo mese in un istituto di via Nazionale a Torre del Greco.

Come quanto riportato dalla Questura di Napoli, era domenica sera quando l’allarme di intrusione di un istituto di vigilanza privata sarebbe scattato. All’interno di un’aula della scuola, infatti, si aggirava un uomo, proprio come ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Allertati quindi gli agenti del Commissariato di Torre del Greco, intervenuti presso la scuola durante il servizio di controllo del territorio.

Giunti sul posto, gli agenti hanno sorpreso l’uomo filmato dalle telecamere nell’intento di scavalcare il cancello dell’istituto. Quest’ultimo, alla vista dei poliziotti, ha deciso di tentare la fuga, lasciando cadere una scatola contenente la refurtiva. Un tentativo che però non ha portato il 30enne molto lontano, in quanto raggiunto e bloccato dagli agenti.

All’interno del pacco e avvolto in un giubbotto, come la Questura riporta, gli agenti hanno ritrovato un pc portatile, con tanto di batteria ed accessori annessi, appartenenti alla scuola. Arrestato quindi dagli agenti del Commissariato di Torre del Greco per furto aggravato e danneggiamento. Il 30enne, di Torre del Greco, era già conosciuto alle Forze dell’Ordine. L’uomo, infatti, era sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G. per furto.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante