Resta sintonizzato

Scuola

De Luca: “Scuole chiuse per un mese in Campania”

Pubblicato

il

“Ritengo utile ritardare di due-tre settimane il rientro in classe, almeno per le primarie e le medie inferiori, e sviluppare una campagna di vaccinazione vasta per la popolazione studentesca. Sarebbe un sacrificio limitato, in cambio di un beneficio rilevante, soprattutto in un mese che registrerà prevedibilmente una forte crescita dei contagi. Se ci si chiude, ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Io ho detto quello che penso. La decisione spetta al Governo. Se poi la situazione dovesse diventare drammatica, la Regione farà quello che ritiene necessario per la tutela della salute pubblica”. Non le manda a dire il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che in un’intervista a La Stampa, si dice pronto ad andare anche contro le decisioni del Governo Draghi sulla riapertura delle scuole dopo le feste di Natale, se i contagi tra i giovanissimi dovessero aumentare. Ieri, l’esecutivo nazionale aveva smentito la possibilità di un rinvio dell’apertura delle scuole, chiesto da alcune regioni, come la Campania, che resta quindi fissato al 10 gennaio prossimo.

De Luca, però, non ci sta e torna alla carica: “La Campania ha pagato il prezzo di tutte le regioni italiane – dice l’ex sindaco di Salerno – avendo evitato danni sanitari pesanti, nella realtà più giovane d’Italia e a più alta densità abitativa. Abbiamo proposto con grande pacatezza una riflessione che parte dai dati del contagio. Se si ritiene di ragionare, si possono fare le scelte più utili e meno dolorose nella situazione data. Si è perso del tempo prezioso senza prendere decisioni nette, seguendo la linea delle mezze misure. Componenti interne al governo impediscono scelte nette, efficaci e in tempo utile. Cosa si aspetta a rendere obbligatorio il vaccino per il pubblico impiego, per il personale viaggiante pubblico e privato? Cosa si aspetta a varare un piano per la sicurezza serio, che impegni decine di migliaia di agenti per controllare il rispetto delle ordinanze? Non ho visto una sola pattuglia impegnata a sanzionare chi non usa la mascherina, neanche come atto di dissuasione. Per non parlare della comunicazione istituzionale che è stato un esempio clamoroso di confusione, di contraddittorietà. È proprio impossibile ottenere che parli in maniera chiara, e solo lui, il ministro della Salute o un’unica autorità sanitaria, in sostituzione di questo pollaio insopportabile a cui stiamo assistendo da mesi?”.

Oggi, la questione sarà al centro della Conferenza Stato-Regioni, ma anche della Commissione Salute e dell’incontro in programma tra il ministro dell’Istruzione Bianchi e i sindacati. A Roma si ragiona sulla possibilità della DaD solo per gli studenti non vaccinati. De Luca è contrario a questa ipotesi che ritiene discriminatoria. A preoccupare, al momento, sono i dati dei contagi, che secondo il governatore colpirebbero soprattutto i giovani tra zero e 18 anni, in particolare nella fascia delle scuole dell’obbligo, elementari e medie. Circa un contagio su quattro, ha rivelato la Società Italiana di Pediatria, riguarda nell’ultima settimana gli under 20.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scuola

Scuola, stanziati 10,5 milioni contro la dispersione scolastica in Campania

Pubblicato

il

“Dinanzi al gravissimo problema della dispersione scolastica abbiamo deciso di investire ancora più risorse sul sistema duale per favorire l’occupabilità giovanile e continuare una sperimentazione che in questi anni ha dato risultati molto positivi.” queste le parole dell’Assessore regionale alla Formazione Armida Filippelli. Sono, in totale, dieci milioni e mezzo i fondi stanziati per finanziare la realizzazione dei percorsi formativi Iepf di tipo duale da parte delle Agenzie formative.

Fondi che, come ha spiegato l’Assessore Filippelli, saranno utilizzati negli anni scolastici 21/22, 22/23 e 23/24. “È quanto abbiamo approvato oggi in Giunta regionale, continuando a consolidare e  rafforzare il sistema duale in Campania con le esperienze di alternanza scuola, formazione e imprese.”

Stanziati in totale, come l’Assessore regionale informa, €10.020.708,30 per i percorsi Iepf. Destinati ulteriori €540.000,00 per lo scorrimento della graduatoria dei progetti di percorsi di istruzione e formazione professionali presentati dagli istituti professionali per il triennio 2022/2025.

“In Italia l’istruzione è obbligatoria fino ai 16 anni.” – ricorda Filippelli, spiegando in questo modo l’utilità dei percorsi formativi. Infatti, i ragazzi  e le ragazze hanno la possibilità di scegliere di proseguire la propria formazione nei percorsi Iepf. È proprio durante tali percorsi di competenza regionale che potranno acquisire qualifiche professionali e diplomi utili ad accedere al mondo del lavoro.

“Un’opportunità importante per tanti ragazzi, che contribuisce a frenare la dispersione scolastica.” afferma l’Assessore in merito. Ovviamente, come la stessa Filippelli rassicura, verrà monitorato che l’alternanza venga fatta con rigore e trasparenza. Pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza nel caso il percorso formativo sia svolto nei cantieri, assicura Filippelli, “perché non accada mai più quello che è accaduto nei giorni scorsi ad Udine.”

Continua a leggere

Napoli

Ragazzini assenti da scuola in provincia di Napoli, i carabinieri denunciano i genitori

Pubblicato

il

Carabinieri del comando provinciale di Napoli, impegnati nel contrasto alla dispersione scolastica, in sinergia con le scuole presenti sul territorio e con la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, stanno monitorando le diverse posizioni scolastiche di ogni ordine e grado. A Nola i militari della locale stazione hanno denunciato a piede libero tre genitori.

I militari sono stati contattati dal dirigente scolastico di una scuola secondaria di primo grado. Due alunni – i ragazzini hanno 13 anni – avevano superato il limite massimo delle assenze fissato nella misura del 25 %. I genitori sono stati convocati in caserma e denunciati. Risponderanno del reato di “inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori”. Durante il primo lockdown i genitori avevano anche ottenuto e poi restituito i tablet per la Dad.

I nuclei familiari sono stati segnalati anche ai servizi sociali del comune per seguire la vicenda e supportare le famiglie.

Continua a leggere

Avellino

Vietato mangiare la merenda in classe: la decisione di una scuola di Solofra

Pubblicato

il

Sta facendo discutere la decisione di un preside di una istituto dell’Avellinese, scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado ‘Francesco Guarini’ di Solofra, che vieta ai bambini di consumare la merenda durante le ore scolastiche. Una misura dettata dalla volontà di contenere la trasmissione dei contagi da covid che continuano a interessare la popolazione pediatrica registrando un notevole incremento in tutta la Campania.

L’istituto precisa che il provvedimento è scaturito a seguito della richiesta avanzata da una mamma che, tramite una lettera, chiedeva di sospendere il consumo di merendine e l’utilizzo di strumenti a fiato per evitare di mettere a rischio gli allievi, costretti ad abbassare la mascherina per mangiare e suonare.

Fino alla pausa natalizia la possibilità di consumare la merenda era stata concessa anche a fronte di un numero di casi abbastanza contenuto ma ad oggi la situazione sembra essere cambiata. All’interno della circolare, infatti, si legge: “Oggi purtroppo questa tolleranza deve momentaneamente venir meno in attesa di un miglioramento della situazione pandemica”.

“Per il continuo aumento dei casi che si sta verificando in ambito scolastico si è convenuto di mantenere ancora alta l’attenzione su tutte le occasioni che possano presentare potenziali possibilità di contagio. Per questa ragione si ritiene opportuno aspettare qualche settimana per valutare la possibilità di ripristinare anche la fruizione della merenda nella pausa di mezza mattinata. La sospensione della fruizione di merendine vale per tutti”.

La decisione non ha ricevuto un consenso unanime, al contrario ha suscitato non poche polemiche soprattutto da parte dei genitori degli allievi per l’introduzione di restrizioni ancora una volta a carico di bambini e ragazzi, già colpiti duramente dalla pandemia in ambito scolastico e sociale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante