Resta sintonizzato

Turismo

New York Times propone Napoli tra le 52 mete mondiali da visitare nel 2022

Pubblicato

il

NAPOLI – ll celebre giornale della Grande Mela, il New York Times, ha inserito la città di Napoli tra le 52 mete mondiali da visitare nel 2022 per un “mondo cambiato”. “La lista 2022 – spiega lo storico quotidiano statunitense – mette in evidenza luoghi di tutto il mondo in cui i viaggiatori possono essere parte della soluzione”.

Tra le località italiane proposte dal giornale americano ci sono anche Chioggia e Courmayer. 

Parlando di Napoli, il New York Times scrive: “Vedi Napoli e poi muori, dicono, il che significa che questa bellezza mediterranea dovrebbe essere nella lista dei desideri di tutti. Purtroppo, però, Napoli ha di fronte un futuro precario. Senza alcun intervento, si prevede che questa città densamente popolata avrà 55 giorni di caldo estremo all’anno entro il 2049 e 93 giorni entro il 2081, secondo un recente rapporto. La buona notizia è che alcune persone si stanno rimboccando le maniche. Un gruppo di residenti nel quartiere popolare di San Giovanni a Teduccio ha creato una comunità di ‘energia equa’ per fornire elettricità pulita e gratuita alle famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà, con un sistema di 166 pannelli solari. Le autorità locali incoraggiano i turisti a visitare la città a piedi, facendo tour attraverso le leggendarie scalinate di Napoli. Imperdibile la Pedamentina, percorso panoramico che affonda le sue radici nel XIV secolo e composto da discese lastricate e più di 400 gradini”. 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Turismo

Ischia: boom di prenotazioni fino al 1° novembre

Pubblicato

il

NAPOLI – L’isola d’Ischia continua a essere ospitata da ondate di turisti.

Dopo gli ottimi numeri registrati per gli arrivi, che da giugno a metà settembre sono risultati di gran lunga superiori anche a quelli del 2019, arrivano notizie confortanti anche per ottobre.

Secondo Federalberghi Ischia, oltre il 70 % degli hotel resterà aperto sino al 1° novembre in considerazione del gran numero di prenotazioni ricevute, anche da turisti stranieri. Un successo non da poco che di certo giova molto l’economia insulare.

Un segnale in controtendenza anche rispetto al periodo pre-covid e significativo per la destagionalizzazione dei flussi.

Luca D’Ambra, presidente degli albergatori isolani, ha spiegato: “Se nel 2020 a fatica si sono registrati arrivi oltre il 15 ottobre, in questo 2021 – partito nel segno dell’emergenza Covid – il mondo turistico sembra dimostrare un rinnovato interesse per i nostri territori e le nostre bellezze, tanto che le strutture stanno ricevendo prenotazioni almeno fino al ponte del 31 ottobre e 1° novembre, sia da parte dei visitatori italiani che da parte di quelli stranieri, tedeschi in primis.

Di fatto – prosegue – si segnala un allungamento di almeno due settimane della consueta stagione, con il 70% degli alberghi rimasti aperti per l’occasione, alcuni dei quali con il tutto esaurito. Un trend incoraggiante” – conclude il presidente.

Continua a leggere

Turismo

Federalberghi: “Grande successo a Napoli. Alberghi pieni”

Pubblicato

il

NAPOLI – “Gli alberghi pieni, quasi come due anni fa. E le biglietterie dei musei prese d’assalto come nell’estate 2019, quella del boom” Così si esprime Federalberghi riferendosi al grande successo ottenuto dalla città di Napoli nella stagione estiva.

Un successo insperato, nonostante l’assenza dei visitatori di oltreoceano, quelli che nel periodo precedente la pandemia contribuivano enormemente ad arricchire i bilanci delle aziende del settore.

«Turismo domestico» è l’espressione coniata dagli operatori per definire la tipologia di visitatori accorsi a Napoli nelle ultime settimane, nettamente diversa da quella dei periodi precedenti.

«Il 75% dei turisti, infatti, arriva dal nostro Paese», spiegano da Federalberghi. E il restante 25% proviene, in buona parte, dai paesi dell’Unione Europea. Un’analisi più articolata è stata elaborata da Agostino Ingenito, il presidente dell’Abbac.

«Siamo andati bene ovunque. Tutto esaurito dalla seconda metà di luglio a fine agosto. Il Cilento ha volato, molto richieste anche le zone interne. Hanno tenuto la penisola sorrentina e la costiera amalfitana. Bene Napoli. Moltissimi italiani, poi francesi ed in generale cittadini della Unione europea». Il bilancio positivo, però, sottolinea Ingenito, non deve far dimenticare che la primavera è completamente saltata a causa del Covid e che permangono gravi insufficienze strutturali». «Un esempio clamoroso – riflette – è la inadeguatezza della rete del trasporto pubblico in Cilento. Chi non ha un’auto si sposta con estrema difficoltà».

Altra piaga, prosegue, è l’abusivismo che inquina il settore: «Il 16 agosto ho dovuto aiutare una famiglia siciliana che su un portale rinomato aveva prenotato un bed and breakfast in Piazza Carità, a Napoli, rivelatosi poi inesistente». Carente, incalza, anche la politica di promozione del territorio da parte dell’agenzia del turismo. Luglio ed agosto hanno risollevato anche, almeno in parte, le sorti dei ristoratori dopo la primavera nera. Commenta Massimo Di Porzio, che a Napoli gestisce il ristorante Umberto: «Ho lavorato un po’ meno dell’estate 2019, quella pre Covid. Ho ospitato stranieri, per lo più europei, e moltissimi italiani». Tasto dolente i trasporti. «I turisti che venivano a cena – racconta Di Porzio – a volte non potevano tornare in albergo perché dopo le 23 a Napoli i mezzi pubblici si fermano e trovare un taxi è difficile. Spesso dal centralino rispondevano di non avere auto».

Continua a leggere

Cronaca

Napoli. Degrado e sigilli in una delle zone più prestigiose del patrimonio culturale partenopeo

Pubblicato

il

I carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale, coordinati dalla Procura, hanno sequestrato, a Napoli, Villa Ebe, conosciuta anche come il Castello di Pizzofalcone (una palazzina neogotica che sorge sul fianco occidentale del Monte Echia) e “Il cimitero dei colerosi” (che sorge ai piedi del monte di Lotrecco, alle spalle del cimitero delle 366 Fosse), nell’ambito di una attività di accertamento sullo stato in cui versa l’ampio e prestigioso patrimonio culturale e artistico partenopeo.
   

Si tratta di beni, entrambi di proprietà del Comune di Napoli, dove è stato riscontrato un preoccupante livello di degrado: nel primo caso, quello di Villa Ebe, è stato anche accertato, in particolare, un imminente rischio statico in grado di mettere in pericolo l’incolumità pubblica.

All’interno di Villa Ebe, inoltre, avevano trovato alloggio una coppia straniera, che è già fatta sgomberare dai militari.
   

Per quanto riguarda invece il cimitero, i carabinieri hanno scoperto che il crollo di un muro, determinato da lavori abusivi già oggetto di indagini, ha provocato l’interramento e, probabilmente anche il danneggiamento, di 13 sepolcri. Nell’ambito di questa indagine, coordinata dal sostituto procuratore Ludovica Giugni e dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli, risulta indagato il titolare della ditta che stava eseguendo i lavori nell’area adiacente al cimitero. Nel caso di Villa Ebe, invece, il procedimento di accertamento è stato avviato contro ignoti.
   

I due sequestri disposti dal gip su richiesta della Procura si inseriscono in una attività molto più ampia, che mira a fare luce sullo stato di degrado del ricco patrimonio culturale partenopeo, uno dei più importanti d’Italia, sulle eventuali responsabilità ma anche sui rimedi da adottate per tutelarlo e restituirlo alla pubblica fruizione.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante