Resta sintonizzato

Attualità

Caso Djokovic, il serbo ammette di aver fornito dichiarazioni false: rischia il carcere

Pubblicato

il

Assume contorni sempre più grotteschi la vicenda riguardante il tennista Novak Djokovic, il quale ha ammesso in un post su Instagram, che la dichiarazione di viaggio rilasciata alle autorità di frontiera al suo arrivo in Australia, conteneva informazioni errate, poiché aveva dichiarato nel questionario Covid di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti, mentre in realtà si era recato in Spagna dalla Serbia.

In particolare, il campione serbo ha parlato di un “errore umano e certamente non volontario” di un membro del suo staff, affermando inoltre di rifiutare la disinformazione riguardo le sue uscite pubbliche in Serbia, nonostante un test PCR positivo al Covid-19, del quale ha appreso il risultato solo il giorno successivo alla sua partecipazione ad un evento di tennis giovanile. Tuttavia, lo stesso Djokovic, dopo aver appreso della sua positività, ha violato l’isolamento per un’intervista con un giornalista dell’Equipe. Pertanto, il diretto interessato ha ammesso:

Non volevo deludere il giornalista, ma mi sono assicurato di mantenere il distanziamento sociale e d’indossare una mascherina, tranne quando mi hanno fotografato. Dopo l’intervista sono tornato a casa per il previsto periodo di isolamento, ma ripensandoci è stato un errore di giudizio e ammetto che avrei dovuto riprogrammare l’impegno”. Rincara la dose il giornalista, il quale ha dichiarato di non essere stato messo a corrente della positività di Nole, ma di aver appreso la notizia soltanto dopo il fermo del tennista.

Ad ogni modo, come spiegano i media australiani, la condanna per aver dichiarato il falso è di cinque anni di carcere. Perciò, le autorità del Paese sono ora al lavoro, per analizzare le discrepanze nelle affermazioni del serbo, il quale rischia davvero tanto. Seguiranno aggiornamenti!

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Minacce a Pm e giornalista, parla Maresca: “La Camorra non è sconfitta, tenere alta la guardia”

Pubblicato

il

Catello Maresca, magistrato e Consigliere Comunale di Napoli, ha voluto dire la sua sulla vicenda legata alla giornalista Marilena Natale, la quale è stata minacciata via chat da un uomo, che nel messaggio ha attaccato, tra gli altri, anche lo stesso Maresca. Ecco le sue dichiarazioni:

Purtroppo, episodi come questi, ci ricordano brutalmente che la Camorra non è ancora definitivamente sconfitta. Al di là dell’episodio, che tocca anche me personalmente e su cui sono sicuro, che la magistratura farà rapidamente giustizia, questa è l’ennesima dimostrazione che lo Stato deve mantenere alta la guardia. Ci aspetta un periodo decisivo per il Paese e, come recentemente ribadito dal Procuratore Nazionale Antimafia, bersaglio anche lui, insieme ai colleghi Russo e Sirignano, delle invettive di questo balordo, le Mafie sono più che mai attrezzate per inserirsi nel ghiotto affare del PNRR”.

Poi, conclude: “Dobbiamo vigilare a tutti i livelli per evitare un danno dagli effetti irreversibili, che deriverebbe dallo spreco delle risorse economiche destinate alla ricostruzione della nostra nazione, dopo la tragedia della pandemia”.

Continua a leggere

Attualità

Alessandro Baricco, annuncio choc: “Ho la leucemia, farò il trapianto”

Pubblicato

il

Alessandro Baricco, noto scrittore, ha dichiarato sui social di essere stato colpito da una brutta malattia, lasciando nello sconforto i suoi fan:

Ehm, c’è una notizia da dare e questa volta la devo proprio dare io, personalmente. Non è un granché, vi avverto. Quel che è successo, è che cinque mesi fa, mi hanno diagnosticato una leucemia mielomonocitica cronica. Ci sono rimasto male, ma nemmeno poi tanto, dai. Quando hai una malattia del genere, la cosa migliore che puoi fare è sottoporti a un trapianto di cellule staminali del sangue, cosa che farò tra un paio di giorni”.

Pertanto, a donare le cellule staminali, sarà la sorella Enrica.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, ruba al supermercato e poi aggredisce un’agente in borghese: arrestata

Pubblicato

il

Attimi di panico a Napoli, in via Pisciarelli, dove nella serata di ieri un’agente del Commissariato Posillipo, libera dal servizio, è intervenuta in un supermercato per sedare un’animata discussione tra il titolare e un’avventrice, la quale lo stava spintonando per tentare di allontanarsi. Infatti, pare che la donna si fosse impossessata di alcuni generi alimentari senza pagarli, aggredendo poi la poliziotta e dando vita alla colluttazione.

Tuttavia, grazie all’ausilio delle volanti dei Commissariati San Paolo e Bagnoli, è stata bloccata. Pertanto, Geydi De La Caridad Diaz Escobar, 25enne cubana con precedenti di Polizia e irregolare sul territorio nazionale, è stata arrestata per rapina impropria e lesioni a Pubblico Ufficiale. Inoltre, è stata anche denunciata per ingresso e soggiorno illegale sul territorio dello Stato.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante