Resta sintonizzato

Napoli

Neonato di un mese in pericolo di vita, volo d’urgenza da Napoli a Genova per salvarlo

Pubblicato

il

Un volo d’urgenza da Napoli a Genova per salvare un neonato di 31 giorni appena, in pericolo di vita.

Ieri pomeriggio è partito con un velivolo Falcon 900 dell’Aeronautica Militare, richiesto dalla prefettura di Napoli e disposto e coordinato dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica militare.

Il Falcon 900 del 31° Stormo è decollato dall’aeroporto militare di Ciampino ed è atterrato a Genova dove c’era ad accoglierlo un’équipe medica dell’ospedale pediatrico “G. Gaslini” con l’attrezzatura sanitaria necessaria all’Ecvmo (Extra Corporeal Membrane Oxygenation), necessaria al trasporto del piccolo.

E’ così partito per l’aeroporto di Capodichino (Napoli), dove il neonato proveniente dall’azienda ospedaliera Santobono di Napoli è stato imbarcato e una volta atterrato a Genova è stato trasferito in ambulanza presso l’Ospedale pediatrico “G. Gaslini”.

Attraverso i suoi reparti di volo, l’aeronautica militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti. Ogni anno, gli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46ª Brigata Aerea di Pisa compiono centinaia di ore di volo per effettuare questo genere di interventi.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Droga volante dall’auto, poi lo schianto dopo il folle inseguimento da piazza Garibaldi all’Asse Mediano

Pubblicato

il

Stanotte gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in piazza Garibaldi hanno notato una persona a bordo di un’auto che, alla loro vista, ha lanciato una bustina dal finestrino.

I poliziotti hanno recuperato il sacchetto in cui hanno rinvenuto 8 involucri contenenti 1,6 grammi circa di cocaina e hanno intimato l’alt al condecente che si è dato alla fuga verso via Nuova Marina innescando un lungo inseguimento durante il quale ha effettuato manovre pericolose per la circolazione stradale.

La fuga è proseguita lungo la SS.162 Dir dove il fuggitivo ha imboccato l’uscita Ponticelli/Barra ma, giunto in viale Carlo Miranda, ha impattato contro un marciapiede e, grazie ad una pattuglia del Commissariato Vasto-Arenaccia giunta in supporto, è stato definitivamente bloccato e trovato in possesso di tre bustine con 3,2 grammi circa di marijuana e 70 euro.

Pasquale Ventimiglia, 19enne napoletano, è stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché denunciato per guida senza patente avendo reiterato la violazione nel biennio; inoltre, gli è stata contestata una violazione del Codice della Strada per velocità non commisurata.

Continua a leggere

Cronaca

Terrore a Napoli, malvivente ferito in un conflitto a fuoco dà un pugno in faccia all’infermiere che lo soccorre

Pubblicato

il

Paura a Napoli, sparatoria ed aggressione avvenuta poco fa. A raccontare i fatti è l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate: “La centrale operativa alle 14.09 viene allertata in Viale 2 Giugno (al confine tra Marianella e Barra) per persona attinta da arma da fuoco, sembra in seguito a conflitto a fuoco tra guardia di finanza e malviventi. La postazione 118 dell’Annunziata carica un ferito e lo trasporta all’Ospedale del Mare. Una volta giunti in pronto soccorso il ferito sferra un pugno in faccia all’infermiere e spintona l’autista slogandogli ina spalla!

“Nel nostro lavoro si rischia doppiamente la vita, sia per le aggressioni sia per essere i primi ad accorrere sul luogo di una sparatoria, abbiamo bisogno di tutele, di certo non pretendiamo la scorta armata ma almeno tutti i mezzi atti a prevenire questi eventi nonché la tutela legale! Abbiamo paura di andare a lavoro!”. 

Continua a leggere

Napoli

Maresca su “Patto per Napoli”

Pubblicato

il

Oggi in questo Consiglio non ci saranno interventi di maggioranza e minoranza, ma di cittadini preoccupati per la loro città e quello che potrebbe accadere. Oggi ragioniamo di una norma nazionale, della cui efficacia si dovrebbe discutere e concretizzare con l’accordo che il sindaco dovrà fare con il Consiglio dei ministri”.

Un risultato raggiunto in maniera trasversale quello dell’assessore Barretta, che riconosce il contributo ricevuto da tutte le componenti politiche sia a livello cittadino e nazionale”, dice Maresca complimentandosi con l’assessore. “Oggi è in discussione una norma che è un risultato significativo per la città, il massimo possibile nella situazione di tecnicismo che impegna ben 14 commi della legge di bilancio. Frutto di un’operazione di raccordo e sintesi su tanti punti. Un percorso che, pur essendo forse il migliore raggiungibile, tuttavia non è e non sarà sufficiente. Non ci rimangiamo una parola di quelle contenute nella norma, approvata il 30 dicembre scorso dal Parlamento, perché all’articolo 572 è prevista una possibilità alternativa. Prevede cioè una serie di ipotesi alternative per la copertura economica che il governo richiede alla città. Ma il principale impegno che il governo ha richiesto alle città non deve essere quello di aumentare le tasse.

Non può passare il messaggio: ti do dei soldi e tu mi assicuri che aumenti le tasse ai cittadini. Vi chiedo perciò che lo sforzo sia di capovolgere il ragionamento, e non è questione demagogica, che noi non facciamo. Ma la preoccupazione di chi immagina che sia il messaggio sbagliato che possa passare ai cittadini. Che forse non comprendono l’attenzione che noi abbiamo sul debito, o sull’entità di questo. Però noi non possiamo fare passare il messaggio che si va ad incidere in maniera semplicistica aumentando le tasse.
Perciò si devono esperire in maniera efficace e completa tutte le altre opzioni consentite dalla legge, lasciando come ultima ratio l’aumento delle tasse.
Approfittando tra l’altro del dato temporale: un impegno che noi non dobbiamo prendere è quello sulle cadenze temporali degli interventi. Auspico che da quest’aula non esca l’impegno di un aumento delle tasse entro il 2023 o 2024. L’eventuale impegno deve essere procastinato in maniera più lontana nel tempo possibile. Credo che si possa ragionare su programmi che diventino almeno triennali. Quello sarà il momento in cui potremo valutare come stanno andando gli interventi di risanamento del debito “.


“Vi riporto poi uno studio dell’unione dei giovani dottori commercialisti che hanno analizzato l’impatto dell’aumento delle tasse regionali, che determinerà un aggravio nelle tasche dei cittadini che va dai 100 ai 232 euro. Nell’accordo si dovrà ricordare al governo che deve impegnare anche la Regione Campania per sostenere le casse del Comune. E questo è l’interesse di tutti i cittadini napoletani. Non è giusto che a pagare siano sempre gli stessi. Più saremo convincenti rispetto anche alla valorizzazione del patrimonio, che non significa necessariamente vendita e dismissione, più riusciremo a fare sentire la nostra voce. Ringrazio i colleghi di minoranza, con cui abbiamo condiviso questo sforzo. Sulla gestione del patrimonio serve subito un piano, a partire dalle case popolari. In questo caso dobbiamo combattere subito i fenomeni di illegalità spesso gestiti dalla criminalità organizzata.
Su questo tema rischiamo di avere il danno e la beffa: non ricevere quanto dovuto e che le case siamo occupate dai clan. Non dobbiamo nasconderci, come ha detto Lamorgese, sul fatto che esiste un’emergenza criminalità nella nostra città. Demanio e patrimonio marittimo, poi, è anche una fonte di reddito per troppi anni abbandonata. Per i fitti passivi: impiegare quei beni, anche quelli provenienti dalla confisca antimafia. Un buon padre di famiglia non mette mai le mani nelle tasche dei propri figli. Questa è la sollecitazione.
Si rifletta poi sulla necessità di individuare un serio organismo di gestione: di questo c’è bisogno per risanare una azienda ( il Comune) che ha un buco di 5 miliardi. Da bravi padri di famiglia dobbiamo anche garantire il futuro dei nostri figli, che stiamo oggi impegnando per i prossimi 21 anni. Il nostro obbligo è di individuare percorsi virtuosi e progetti condivisi”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante