Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli, stipendi ‘gonfiati’ per i dipendenti Asl: truffa da 340 mila euro

Pubblicato

il

I carabinieri del Nas di Napoli, guidati dal comandante Alessandro Cisternino e coordinati dalla Procura partenopea, hanno emesso un’ordinanza applicativa di misure cautelari e patrimoniali, emesse dal gip di Napoli, nei confronti di alcuni dipendenti dell’Asl Napoli 1 che avrebbero ‘gonfiato’ gli stipendi con importi non dovuti.

Sono 8 gli indagati, tutti dipendenti dell’azienda sanitaria in questione. Tre sono accusati di aver organizzato la truffa mentre i restanti ne avrebbero beneficiato. Per farlo si sarebbero introdotti nel software di gestione delle buste paga inserendo degli importi di denaro aggiuntivi, tra i 3.000 e i 30.000 euro, rispetto a quelli dovuti. La truffa, in un solo anno di indagini, è stata quantificata in 340.000 euro.

Per tutti l’accusa è di atti contrari ai propri doveri di ufficio. Tra i reati contestati spiccano anche la corruzione di persona incaricata di pubblico servizio e accesso abusivo ai sistemi informatici. Per gli organizzatori dell’illecito il giudice, su richiesta della Procura di Napoli, ha emesso tre interdizioni di un anno dai pubblici uffici. Questi ultimi, dopo aver manomesso i sistemi informatici per ‘gonfiare’ gli stipendi, sarebbero stati ricompensati dai colleghi con una percentuale in denaro sugli importi ricevuti indebitamente.

In più sono stati disposti 18 provvedimenti di sequestro ‘per equivalente’, a carico anche degli otto indagati. I loro conti correnti sono stati bloccati mentre ad alcuni beni mobili e immobili di loro appartenenza sono stati apposti i sigilli. Intanto prosegue l’impegno dei militari dell’Arma, attivi anche per garantire il rispetto delle norme anti-covid con controlli a tappeto nelle zone del centro e sanzioni a carico dei trasgressori.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Napoli, rubano in un negozio. Arrestati 21enne e 22enne del posto

Pubblicato

il

NAPOLI- Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Toledo presso un negozio di abbigliamento per la segnalazione di un furto.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinanti da un addetto all’accoglienza il quale ha raccontato che, poco prima, aveva fermato due giovani che, oltrepassate le barriere antitaccheggio, avevano fatto scattare l’allarme sonoro poiché avevano asportato alcuni capi d’abbigliamento del valore di circa 38 euro.
Gli operatori hanno identificato i due, napoletani di 21 e 22 anni, e li hanno denunciati per furto aggravato.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli; sul pullman senza biglietto, aggredisce prima l’autista e poi i poliziotti. Arrestato 26enne di Ottaviano

Pubblicato

il

NAPOLI – Ieri sera gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Galileo Ferraris per la segnalazione di una lite a bordo di un autobus di linea.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato l’autobus fermo in strada e l’autista ha raccontato che un giovane era salito a bordo del mezzo, diretto a San Valentino Torio (SA), senza aver alcun titolo di viaggio e che, invitato a scendere, aveva dato in escandescenze aggredendolo.
Gli operatori sono intervenuti ed il passeggero, durante le fasi di identificazione, si è dapprima rifiutato di fornire le proprie generalità per poi dare in escandescenze inveendo contro di loro ma, non senza difficoltà e dopo una colluttazione, è stato bloccato.

A.C., 26enne di Ottaviano con precedenti di polizia, è stato arrestato per lesioni personali aggravate, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché denunciato per interruzione di pubblico servizio e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, rapinate due ragazze nel centro storico: arrestati un 17enne ed un 18enne

Pubblicato

il

NAPOLI – Ieri sera i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto ai reati predatori, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Eduardo De Filippo per la segnalazione di una rapina ai danni di due ragazze da parte di due giovani che si erano dati alla fuga a bordo di uno scooter.

I poliziotti, poco dopo, nel transitare in piazza Garibaldi hanno intercettato il mezzo con a bordo i ragazzi corrispondenti alle descrizioni e gli hanno intimato l’alt ma il conducente ha proseguito la fuga in direzione di corso Umberto I fino a quando, giunti in via Seggio del Popolo, sono stati bloccati e trovati in possesso di una pistola replica Bruni cal.8 priva di tappo rosso con una cartuccia a salve.   

I due, napoletani di 17 e 18 anni, sono stati arrestati per rapina aggravata, resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione poiché lo scooter su cui viaggiavano era rubato; inoltre, al 17enne è stata altresì contestata una violazione del Codice della Strada per guida senza patente poiché mai conseguita. Infine, il motoveicolo è stato restituito al legittimo proprietario.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante