Resta sintonizzato

Attualità

Scandalo al comune, sesso e ricariche in cambio di pratiche: nei guai dipendente comunale

Pubblicato

il

Scandalo al comune di Castel Volturno, dove il dipendente comunale Antonio Di Bona, è attualmente indagato per corruzione, falsità materiale commessa da un Pubblico Ufficiale e concussione sessuale. In particolare, l’uomo, allo scopo di velocizzare le pratiche per condoni edilizi e permessi, chiedeva favori sessuali e a volte ricariche. Ad incastrare Di Bona, sarebbero state le cimici e le telecamere installate nell’ufficio, che hanno immortalato anche momenti piccanti e situazioni imbarazzanti.

Infatti, durante un’intercettazione ambientale, è stata ascoltata la conservazione tra due dipendenti, che parlavano così del loro collega: “Deve sempre mettere le mani in mezzo al pesce”. Probabile che i due, fossero già a conoscenza del rapporto sessuale consumatosi a ridosso della chiusura degli uffici municipali.

Secondo la Procura, l’uomo ha consentito la sostituzione di atti, l’introduzione postuma di atti inesistenti che andavano prodotti dall’interessato in epoca precedente ed entro un determinato termine e ha provveduto alla definizione delle pratiche edilizie, trattandone talune in maniera prioritaria rispetto alle altre e facendo falsamente risultare gli atti, regolarmente già pubblicati, per il periodo minimo stabilito dalla normativa di settore all’albo comunale, con immediato rilascio degli stessi atti agli interessati.

Attualità

Arrestato all’aeroporto esponente del clan Amato-Pagano: la situazione

Pubblicato

il

Blitz dei carabinieri presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino, dove questa mattina è stato arrestato Raffaele Mauriello, 32enne napoletano considerato elemento di spicco del clan Amato-Pagano, per i reati di omicidio aggravato dal metodo mafioso e porto abusivo d’armi.

In particolare, l’uomo è ritenuto gravemente indiziato dell’omicidio di Andrea Castello, avvenuto a Casandrino nel marzo 2014. Inoltre, nel 2020, è stata emessa un’altra ordinanza di custodia cautelare nei confronti dello stesso Mauriello, poiché ritenuto responsabile anche dell’omicidio di Fabio Cafasso, avvenuto nel dicembre 2011.

Continua a leggere

Attualità

Blitz dei carabinieri, tre uomini sorpresi a rubare in un cantiere: arrestati

Pubblicato

il

Gli agenti della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno tratto in arresto tre uomini di età compresa tra i 25 e i 50 anni, per il reato di furto aggravato.

In particolare, i tre sono stati inseguiti e arrestati questa notte, mentre tentavano di rubare in un cantiere edile. Tuttavia, dopo un lungo inseguimento, i carabinieri di Chianche, sono riusciti a bloccare il furgone con a bordo i tre individui. Si tratta di tre napoletani con precedenti di Polizia, associati al carcere di Bellizzi Irpino.

Continua a leggere

Attualità

Torna il Napoli Pride 2022: sarà in programma sabato 2 luglio

Pubblicato

il

NAPOLI – Dopo due anni di restrizioni dovute all’emergenza covid la città di Napoli – unica in Italia a scendere in piazza, seppur senza il tradizionale corteo, sia nel 2020 che nel 2021, – rivivrà il tradizionale corteo del Pride che attraverserà le strade della città. 

L’appuntamento il Napoli Pride, presentato giovedì 30 giugno a Palazzo San Giacomo dal Sindaco Gaetano Manfredi e dall’assessora alle Pari Opportunità Emanuela Ferrante, è per sabato 2 luglio in Piazza Municipio: concentramento alle ore 15.00, discorsi istituzionali alle ore 17.00 e partenza del corteo alle ore 18.00. 

Il corteo – guidato dalla madrina di questa edizione Bianca Guaccero – attraverserà via Toledo e piazza del Plebiscito, e infine raggiungerà, alle ore 21.00, via Nazario Sauro, dove è in programma una grande festa con artisti, musica e colore sotto la direzione artistica di Diego Di Flora. A condurre la serata ci saranno Teresanna Pugliese e Vito Coppola. Tra gli ospiti che animeranno il palco: Valeria Marini, Alexia, Maria Mazza,  Marco Carta, Priscilla, Vergo, Virginio, Antonino, Rosario Miraggio, Emiliana Cantone, Mr. Hyde, Rico Femiano, Mavi e Bellatrix.

Il claim scelto per la XV edizione del PRIDE partenopeo è “…e che burdello!”, espressione tipica napoletana di caos imprevedibile che, in questo, caso incarna la voglia di tornare a stare insieme dopo due anni di durissime restrizioni. Ma, al tempo stesso, è espressione di condanna, con fermezza e decisione, verso tutti i limiti alle storiche conquiste nel campo delle libertà individuali, a partire proprio dalla libertà di pensiero, di opinione e di espressione in materia di sessualità e di identità sessuale. 

La manifestazione è promossa dalle associazioni LGBT, Antinoo Arcigay Napoli, associazione Trans Napoli, ALFI le Maree Napoli, con il sostegno di Famiglie Arcobaleno, AGEDO, Pochos, Pride Vesuvio Rainbow, Arci Mediterraneo e CSV Napoli, ed è co-organizzata con il Comune di Napoli e gode dei patrocini morali della Regione Campania, della Città metropolitana di Napoli e del Consolato degli Stati Uniti di Napoli e conta l’adesione di tantissime associazioni, gruppi, collettivi, sindacati e organizzazioni del territorio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante