Resta sintonizzato

Scuola

Quliano, sindaco De Leonardis e assessore Fele verificano il servizio mensa scolastico a seguito delle denunce dei cittadini

Pubblicato

il

QUALIANO –  A seguito delle innumerevoli segnalazioni di alcuni genitori che denunciavano il servizio mensa scandente nelle scuole di Qualiano, stamattina il sindaco della città Raffaele De Leonardis, insieme all’assessore alla pubblica istruzione Rosalba Fele, hanno effettuato dei controlli a sorpresa in diverse scuole per verificare l’andamento del servizio. In particolare il sindaco e l’assessore hanno visitato il Primo Circolo Didattico di Viale Europa, l’Istituto Don Bosco, e il plesso scolastico di Rione Principe.

Abbiamo assaggiato il cibo riservato ai bambini e verificato la qualità degli alimenti. Non abbiamo riscontrato gravi criticità, anche se il servizio è sicuramente migliorabile e per questo ci interfacceremo con i responsabili per accontentare anche i più esigenti. I controlli continueranno nei prossimi giorni , ad opera mia, dell’assessore e di diversi consiglieri comunali a cui sta a cuore la questione, ha dichiarato il primo cittadino”.

Dopo diversi mesi di assenza forzata dei bambini a scuola, la nostra priorità è il loro assoluto benessere. Per questo controlleremo e vigileremo sulla mensa e su ogni altra cosa che possa arrecargli anche il più piccolo dei disagi”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scuola

Il calo demografico svuota le scuole

Pubblicato

il

La scuola si spopola. Il calo degli alunni che colpirà da settembre gli istituti campani è di circa 13 mila iscritti. Secondo i calcoli dell’Ufficio scolastico regionale, comunicati un paio di giorni fa ai sindacati

Proprio questo punto spaventa organizzazioni sindacali e famiglie: cosa accadrà agli istituti scolastici che non raggiungeranno la soglia minima di iscritti? La legge di bilancio è chiara: sotto i 900 alunni le scuole perderanno il dirigente scolastico, il direttore amministrativo e finiranno accorpate ad altre scuole. Una prospettiva che anche la Regione si appresta ad affrontare con non poche preoccupazioni. «È chiaro che ci aspettiamo una diminuzione delle autonomie scolastiche ma deve essere una occasione per razionalizzazione e ottimizzazione l’offerta formativa – dichiara il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Ettore Acerra – Entro il 31 maggio si arriverà alla determinazione del decreto in attuazione della legge di bilancio.

Un dato è inequivocabile. In due anni la Campania ha perso 30.018 alunni. È come se nel giro di un biennio fosse stata cancellata dalla geografia regionale una città di piccole dimensioni. Meno alunni e meno classi non si tradurrà però in una perdita di posti dei docenti. La rassicurazione arriva da Acerra: «L’organico è praticamente identico rispetto all’anno scorso dichiara – E c’è una risorsa in più che utilizzeremo per potenziare l’educazione motoria alla scuola primaria con 489 docenti assegnati alle province. Sostanzialmente la stabilizzazione dell’organico docente è una conferma frutto di un impegno preciso preso dal ministero.

«Aumentiamo di 848 posti l’organico dei docenti di sostegno su organico di diritto — annuncia Acerra – L’obiettivo è anticipare quanto più è possibile l’assegnazione dei posti in deroga per evitare contenziosi e avere tutti i docenti specializzati il primo giorno di scuola». 

Continua a leggere

Scuola

Allarme per il Liceo Sannazaro

Pubblicato

il

-NAPOLI- «Il liceo Sannazaro sta morendo». A lanciare l’allarme sono gli studenti dello stesso liceo che questa mattina hanno deciso di organizzare un sit-in fuori dalla scuola per «denunciare la mala gestione del liceo, la cui conseguenza è un enorme calo di iscritti che ci potrebbe a breve costringere all’accorpamento ad un’altra scuola», spiegano – in una nota – gli studenti. Contano poco le classifiche laddove noi Studenti siamo privati di tutto ciò che rende il Sannazaro più che un nozionistico edificio. La palestra, agibile per soli pochi mesi negli scorsi quattro anni; il Sannazarock (un concerto studentesco per il quartiere), fiore all’occhiello delle nostre iniziative, ma di cui purtroppo nessuno vuole più prendersi la responsabilità; i corsi pomeridiani, concentrati in due soli giorni della settimana e fatti in aule sporche perché non si vogliono pagare i dovuti straordinari al personale ATA.

Queste sono solo alcune delle motivazioni che hanno costretto noi Studenti del Sannazaro a mobilitarci. Se vogliamo salvare e far risplendere il nostro Liceo bisogna che chi di dovere abbracci la nostra causa e incontri le esigenze del corpo studentesco e di chi, negli anni a venire, ne farà parte. Non vogliamo una sovrappopolazione, ma neanche aule mezze vuote».

«Diventa sempre più difficile – prosegue la nota – biasimare coloro che scelgono di non iscriversi al primo Liceo Classico della Campania.

Continua a leggere

Casavatore

CASAVATORE: Fiori nel deserto

Pubblicato

il

CASAVATORE – Nonostante le difficoltà oggettive dovute alla mancanza di spazi adeguati in seguito alla chiusura della scuola Benedetto Croce e agli ingiustificabili ritardi nella ristrutturazione delle strutture superstiti, continua a stupire la vivacità dell’Istituto Comprensivo Nicola Romeo, vera e propria eccellenza in un territorio nel quale anche la normalità è diventata ormai uno sbiadito ricordo.

E’ proprio la Scuola intitolata all’ingegnere capostipite della storica casa automobilistica Italiana ad aver guidato il prestigioso progetto sul PLURILINGUISMO, denominato “COMPRENDIAMOCI”, in qualità di capofila di altri 16 istituti della regione Campania (tra questi anche la scuola De curtis, altra eccellente struttura del territorio), grazie ai fondi del D.M. 87/2021, con la partecipazione ed il supporto delle Ispettrici ministeriali Gisella Langè e Diana Saccardo, in collaborazione con l’università di Toronto, prof.ssa Piccardo.

L’iniziativa ed il progetto saranno oggetto di approfondimento domani, 10 marzo, durante la FIERA DIDACTA ITALIA, a Firenze, il più importante evento fieristico nazionale dedicato al mondo della scuola, dell’Università, della Formazione e della ricerca scientifica.

La “Nicola Romeo” rappresenta da anni un eccezionale laboratorio di idee sapientemente coordinato dalla poliedrica prof.ssa Maria Evelina Megale, da ormai oltre tre lustri Dirigente Scolastico della struttura a capo di un team di elevata specializzazione, un vero e proprio fiore all’occhiello di un territorio sempre più deserto e soffocato dal cemento, nonostante l’affannosa ricerca di soluzioni che puntualmente si rivelano provvisorie ed insufficienti, da parte di una politica sempre più distratta ed impegnata in lotte intestine, e per questo palesemente inadeguata.

La Scuola come esempio di buon funzionamento: sarebbe forse il caso di trarne spunto per una programmazione efficace e duratura.

Ulteriori informazioni all’indirizzo seguente:

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy