Resta sintonizzato

Attualità

L’Italia è in pre-allarme per le forniture di gas: ecco di cosa si tratta

Pubblicato

il

ITALIA – A seguito delle innumerevoli diatribe dialettiche tra Stati Uniti d’America e Russia e lo scoppio della guerra tra quest’ultima ed il popolo ucraino, il mondo politico è stato costretto a soffermarsi sulla attuale condizione delle riforniture di gas nel Bel Paese.

Proprio in ragione della criticità dei rapporti instauratisi negli ultimi tempi tra alcuni protagonisti della scena politica e la dipendenza progressivamente più evidente dell’Italia rispetto ad alcuni di questi, lo scorso 26 febbraio il Ministero della Transizione ecologica ha dichiarato lo stato di pre-allarme per le forniture di gas in Italia.

Si tratta non solo della messa a punto di una crisi futura, ma il primo di tre step previste nel protocollo. Monitoraggio, allarme e infine emergenza: questi le fasi.

A metà strada tra i primi due stadi, lo stato di pre-allarme è una misura di cautela volta ad avviare un monitoraggio costante della situazione energetica nazionale. Soltanto con il passaggio alla fase di emergenza vera e propria potrebbe essere introdotto l’utilizzo dello stoccaggio strategico (speciali riserve che si possono usare solo quando il mercato è in sofferenza) e la limitazione delle forniture per alcune imprese previste dalla legge.

Già in fase di pre-allarme il Paese provvede al riempimento dello stoccaggio anticipato rispetto alle procedure adottate in condizioni normali. Al momento, dunque, non è previsto nessun razionamento dei consumi energetici a carico degli utenti finali ma se la situazione dovesse assumere i caratteri di una vera e propria emergenza non sarebbero esclusi interventi riparatori.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Arrestato all’aeroporto esponente del clan Amato-Pagano: la situazione

Pubblicato

il

Blitz dei carabinieri presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino, dove questa mattina è stato arrestato Raffaele Mauriello, 32enne napoletano considerato elemento di spicco del clan Amato-Pagano, per i reati di omicidio aggravato dal metodo mafioso e porto abusivo d’armi.

In particolare, l’uomo è ritenuto gravemente indiziato dell’omicidio di Andrea Castello, avvenuto a Casandrino nel marzo 2014. Inoltre, nel 2020, è stata emessa un’altra ordinanza di custodia cautelare nei confronti dello stesso Mauriello, poiché ritenuto responsabile anche dell’omicidio di Fabio Cafasso, avvenuto nel dicembre 2011.

Continua a leggere

Attualità

Blitz dei carabinieri, tre uomini sorpresi a rubare in un cantiere: arrestati

Pubblicato

il

Gli agenti della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno tratto in arresto tre uomini di età compresa tra i 25 e i 50 anni, per il reato di furto aggravato.

In particolare, i tre sono stati inseguiti e arrestati questa notte, mentre tentavano di rubare in un cantiere edile. Tuttavia, dopo un lungo inseguimento, i carabinieri di Chianche, sono riusciti a bloccare il furgone con a bordo i tre individui. Si tratta di tre napoletani con precedenti di Polizia, associati al carcere di Bellizzi Irpino.

Continua a leggere

Attualità

Torna il Napoli Pride 2022: sarà in programma sabato 2 luglio

Pubblicato

il

NAPOLI – Dopo due anni di restrizioni dovute all’emergenza covid la città di Napoli – unica in Italia a scendere in piazza, seppur senza il tradizionale corteo, sia nel 2020 che nel 2021, – rivivrà il tradizionale corteo del Pride che attraverserà le strade della città. 

L’appuntamento il Napoli Pride, presentato giovedì 30 giugno a Palazzo San Giacomo dal Sindaco Gaetano Manfredi e dall’assessora alle Pari Opportunità Emanuela Ferrante, è per sabato 2 luglio in Piazza Municipio: concentramento alle ore 15.00, discorsi istituzionali alle ore 17.00 e partenza del corteo alle ore 18.00. 

Il corteo – guidato dalla madrina di questa edizione Bianca Guaccero – attraverserà via Toledo e piazza del Plebiscito, e infine raggiungerà, alle ore 21.00, via Nazario Sauro, dove è in programma una grande festa con artisti, musica e colore sotto la direzione artistica di Diego Di Flora. A condurre la serata ci saranno Teresanna Pugliese e Vito Coppola. Tra gli ospiti che animeranno il palco: Valeria Marini, Alexia, Maria Mazza,  Marco Carta, Priscilla, Vergo, Virginio, Antonino, Rosario Miraggio, Emiliana Cantone, Mr. Hyde, Rico Femiano, Mavi e Bellatrix.

Il claim scelto per la XV edizione del PRIDE partenopeo è “…e che burdello!”, espressione tipica napoletana di caos imprevedibile che, in questo, caso incarna la voglia di tornare a stare insieme dopo due anni di durissime restrizioni. Ma, al tempo stesso, è espressione di condanna, con fermezza e decisione, verso tutti i limiti alle storiche conquiste nel campo delle libertà individuali, a partire proprio dalla libertà di pensiero, di opinione e di espressione in materia di sessualità e di identità sessuale. 

La manifestazione è promossa dalle associazioni LGBT, Antinoo Arcigay Napoli, associazione Trans Napoli, ALFI le Maree Napoli, con il sostegno di Famiglie Arcobaleno, AGEDO, Pochos, Pride Vesuvio Rainbow, Arci Mediterraneo e CSV Napoli, ed è co-organizzata con il Comune di Napoli e gode dei patrocini morali della Regione Campania, della Città metropolitana di Napoli e del Consolato degli Stati Uniti di Napoli e conta l’adesione di tantissime associazioni, gruppi, collettivi, sindacati e organizzazioni del territorio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante