Resta sintonizzato

Sociale

“No Profit” Con Gianfico E Galdo

Pubblicato

il

Ieri negli studi di Minformo TV si è svolta la trasmissione No Profit, ideato per dare spazio e voce al Terzo Settore condotto da Monica Ippolito. Insieme alla conduttrice erano presenti il Dottore Antonio Gianfico, presidente nazionale della società San Vincenzo de Paoli e la Dottoressa Monica Galdo, rappresentante regionale Campania della società San Vincenzo de Paoli.

La trasmissione è iniziata con il dottore che parla della società San Vincenzo De Paoli “E’ un organizzazione laica di cattolici, nasce grazie a un gruppo di giovani nel 1883. La nostra società offre supporto a oltre 30 milioni di persone in tutto il mondo e si muove esclusivamente nel concetto di volontariato.”

La dottoressa è intervenuta parlando delle mense per i bisognosi “Una delle principali mense per i bisognosi si trova al centro di Napoli. I fruitori delle nostre mense sono i senza fissa dimora, ma anche i nuovi poveri, cioè persone che si sono trovate in difficoltà a causa della pandemia.”

Il dottore Gianfico ha parlato del premio Castelli “Questo premio nasce per dare attenzione alla povertà delle persone in carcere e completa il ciclo delle attività della nostra società.”

Al termine della prima parte la dottoressa Galdo è intervenuta parlando degli ambulatori solidali “Gli studi medici solidali offrono la possibilità di usufruire di diversi professionisti volontari.”

Nella seconda parte il dottore Gianfico ha parlato delle visite a domicilio “Ci preoccupiamo del bisogno materiale ma non solo, è importante anche la relazione con i bisognosi, abbiamo aiutato famiglie anche offrendo dei servizi.”

La dottoressa ha parlato delle mini-ambulanze “Sulle isole e in particolare a Capri ci sono diverse mini-ambulanze, che consentono ai medici di arrivare anche nei vicoletti più stretti.”

Il dottore è poi intervenuto “Gli empori solidali sono la risposta alle esigenze di persone con disagi.”

Il dottore ha poi parlato della riforma del terzo settore “ Il volontariato cattolico è basato sul valore della carità, la nuova riforma non aiuta la spontaneità del volontario, penalizzando i piccoli gruppi a favore dei grandi. Il volontariato è diventato subordinato al terzo settore da cui la legge prende il nome.”

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sociale

No Profit ospiti Don Luigi Merola e Giuseppe Simeone: “L’obiettivo della fondazione è togliere i bambini dalla strada”

Pubblicato

il

Negli studi di Minformotv si è tenuto NoProfit, il format ideato per dare spazio e voce al terzo settore condotto da Monica Ippolito.
Gli ospiti in studio Don Luigi Merola e l’avvocato Giuseppe Simeone, rispettivamente presidente e responsabile della comunicazione della Fondazione A voce d’e creature.

La trasmissione inizia con Merola che afferma “La mia fondazione è nata dopo la morte di Annalisa Durante con l’obiettivo di rifondare il quartiere di Forcella. In Italia non esiste la continuità.”

Dopo l’avvocato Simeone sostiene “Il principale obiettivo della fondazione consiste nel togliere i bambini dalla strada. Don Luigi è la nostra guida”

In seguito Merola ribadisce “Il prete è un pescatore di uomini e si deve rendere conto di come va il mondo: le parrocchie devono essere luoghi aperti a tutte le ore. Dobbiamo rifondare la scuola : i professori devono sintonizzarsi con gli studenti.”

Al termine della prima parte Don Luigi Merola afferma “Quando mi hanno messo la scorta, ho sofferto molto: poi però siamo diventati una famiglia. La paura va controllata, adesso i miei bambini mi danno il coraggio di combattere.”

Nella seconda parte della trasmissione Merola sostiene ” Per dare nuove speranze alle persone, bisognerebbe trasformare i diversi beni confiscati in luoghi di attrazione.

Al termine della trasmissione Simeone afferma “Attraverso il calcio e lo sport, i bambini imparano le regole, a stare insieme e a fare squadra.”

Continua a leggere

Sociale

“No Profit” ospite Giovanni Florio: “I fondi del PNRR dovrebbero essere utilizzati per migliorare i servizi”

Pubblicato

il

Come ogni mercoledì negli studi di Minformotv si è tenuto NoProfit, il format ideato per dare spazio e voce al terzo settore condotto da Monica Ippolito. L’ospite in studio Dott. Giovanni Florio dell’AIMA Napoli (Associazione italiana malati alzheimer).

La trasmissione inizia con Florio che afferma “La mia associazione si occupa di dare voci alle persone che dimenticano perchè malate di alzheimer.”

In seguito il Dottore sostiene “In prima istanza ascoltiamo i pazienti per creare percorsi mirati ed efficienti.”

Dopo Florio affer5ma “Lavoriamo su un vasto territorio e quindi abbiamo la necessità di collaborare con associazioni e istituzioni per arrivare un po’ in tutta la Campania.”

Al termine della prima parte il Dottore attesta “Siamo presenti a Bacoli con attività di integrazione per profughi ucraini.”

Nella seconda parte Florio afferma “La diagnosi precoce tempestiva è fondamentale: determinate situazioni possono portare la fuoriuscita della malattia.”

Successivamente il Dottore conferma “Ci siamo battuti per l’esenzione e abbiamo ottenuto l’assegno per le cure di queste persone malate.

Al termine della trasmissione Florio sostiene “Abbiamo limiti nello screening, nel trasporto e nella formazione: i fondi del PNRR dovrebbero essere utilizzati per migliorare questi servizi.

Continua a leggere

Sociale

No Profit, ospite Tamburro: “Il nostro obiettivo è arrivare al 2030 con pochi poveri”

Pubblicato

il

Come ogni mercoledì negli studi di Minformotv si è tenuto NoProfit, il format ideato per dare spazio e voce al terzo settore condotto da Monica Ippolito.
L’ospite in studio Avv. Giuseppe Tamburro, Direttore Nazionale della Fondazione Banco delle Opere di Carità che ha affermato “Noi raccogliamo le eccedenze alimentari e forniamo aiuti alle persone in difficoltà economica. Sul nostro percorso abbiamo trovato tanta sensibilità, che ci ha permesso di creare una grande rete di solidarietà.”

In seguito sostiene “Noi ascoltiamo queste persone, esaminiamo i vari nuclei familiari e creiamo i nostri percorsi inclusivi.”

Al termine della prima parte Tamburro sostiene “L ‘Agenda 2030 è una grande opportunità: ci sono una serie di interventi importanti per l’ ambiente e per la vita dell’essere umano.

Nella seconda parte l’avvocato afferma “Ci sono differenze tra i poveri delle diverse regioni perchè magari al Nord c’è più lavoro e il discorso è diverso.”

Al termine della trasmissione Tamburro sostiene “Il lavoro della nostra opera dipende da quello che riusciamo a fare sui diversi territori. Il nostro obiettivo è arrivare al 2030 con pochi poveri e con poca fame ne mondo.”

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante