Resta sintonizzato

Calcio

Pac 5-La Casa del Calcio, ospite in studio Piero Vassetti

Pubblicato

il

Come ogni lunedì negli studi di Minformotv si è tenuto PAC5 – La Casa del Calcio, il format calcistico condotto da Virginia Casillo insieme al Vicedirettore Giuseppe Libertino. L’ospite in studio Piero Vassetti, anestesista algologo dell’ospedale di Giugliano.

La trasmissione inizia parlando della terapia del dolore, Vassetti afferma “Si rivolge a quei pazienti che sono afflitti ad un dolore cronico-benigno Lavoriamo con tecniche all’avanguardia per cercare di permettere ai nostri pazienti per soffrire il meno possibile.”

Dopo è intervenuto parlando di Insigne “Ha tirato un grandissimo rigore: inizialmente avevo paura perché lo vedevo troppo arrabbiato. Credo molto allo scudetto.”

In seguito ha parato di Mario Rui “Attualmente non c’è un terzino migliore di Mario Rui Italia.”

Vassetti in seguito afferma “Ha dimostrato di essere un grande allenatore dall’inizio. L’obbiettivo del Napoli deve essere quello di vincere tutte le partite fino alla fine.”

Quasi al termine della prima parte Vassetti afferma “Il Napoli non ha l’obbligo di vincere: questo potrebbe essere un vantaggio.”

Infine conclude “Allegri non mi convince, c’è qualche problema nel modo di allenare.”

La seconda parte inizia parlando dell’Italia “L’ esclusione dell’Italia dai Mondiali è stata una delusione. L’Italia non ha una squadra mediocre, non doveva proprio andare a giocare il playoff.”

Conclude parlando del razzismo “Non ci sono parole per commentare gli episodi di razzismo negli stadi.”

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

LA partita del Mundial: Italia-Brasile compie 40 anni

Pubblicato

il

Sono passati 40 anni da quel 5 luglio 1982 e ancora oggi, l’eco di quella strabiliante vittoria della nostra Nazionale, si avverte in tutto il mondo del calcio. Infatti, quella fu la partita della svolta di quel Mondiale, che avremmo poi vinto in finale contro la Germania, ma fu anche la partita manifesto del nostro cammino, quella in cui un certo Paolo Rossi si prese gli onori e la gloria, con una tripletta memorabile. Sono passati 40 anni dicevamo, tante cose sono cambiate nel calcio, sempre più legato ai soldi piuttosto che alla maglia e ai valori autentici di questo sport.

Oggi, un misto di tristezza e nostalgia attraverserà i cuori dei protagonisti, soprattutto ricordando il nostro ‘Pablito’ che non c’è più, vero e proprio eroe di quella partita e di quel Mondiale, indelebile il ricordo della voce di Nando Martellini che per tre volte pronunciò: Rossi, Rossi, Rossi. Era il 5 luglio 1982, era Italia-Brasile 3 a 2, era LA partita.

Continua a leggere

Calcio

Insigne: “Qui per i miei figli e per mia moglie“

Pubblicato

il

Lorenzo Insigne nella conferenza stampa di ieri ha affermato ““Ho 31 anni, non sono vecchio, potevo ancora stare in Europa ma mia moglie e miei figli vengono prima di tutto“.

L’ex capitano azzurro inizia così ufficialmente la sua nuova avventura al Toronto FC e si presenta ai nuovi tifosi: “E’ la prima volta che io e la mia famiglia andiamo via da Napoli. Dal primo giorno che ho conosciuto il presidente mi ha parlato bene di questa città, non vedevo l’ora di venire, di conoscere il mister e i compagni“.

Ho dato tanto al Napoli, ho perso trofei che fanno male, volevo una nuova sfida – ha spiegato Insigne – E’ stata dura lasciare Napoli, ma è questa la vita. Abbiamo fatto una scelta di vita anche per i miei figli, spero che possano avere un grande futuro. Tanti pensano che sono arrivato qui per soldi, ma è stata una scelta in primis per mia moglie e i miei figli, spero che possano avere un grande futuro“.

Non sono d’accordo che qui non è il vero calcio – ha aggiunto – sono venuto per dare una mano alla società a vincere un trofeo. Ho visto la partita allo stadio, è stato molto bello, ma sto male perché non vedo l’ora di giocare con i miei compagni e di mettermi a disposizione del mister“.

Continua a leggere

Calcio

De Laurentiis e la vendita del Napoli: la notizia da Wall Street

Pubblicato

il

Aurelio De Laurentiis chiede 2 miliardi di euro per vendere il pacchetto completo: Napoli, Bari e Filmauro. Una notizia pubblicata dal Corriere dello Sport che cita fonti di Wall Street.

“A Wall Street dicono che Aurelio De Laurentiis, forse per provocazione o forse no, avrebbe chiesto due miliardi di euro, mettendo nel pacchetto tutto, Napoli Bari e casa cinematografica. Mancano conferme. Ma l’interesse c’è. Se dovesse aprirsi uno spiraglio in futuro, qualcosa potrebbe muoversi in modo rapido come successo con Ac Milan. A rendere simili Cardinale e Friedkin molte cose, a partire dalla strategia aziendale per moltiplicare gli utili: non puntano tutto sul mattone, ma le infrastrutture fanno gola anche a loro, ma attraverso i risultati sportivi, la costruzione di un potente brand, l’esplorazione di nuovi settori, come la criptovaluta”. 

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante