Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli, vergogna all’ospedale Pellegrini: operatore sanitario seda due anziani e gli ruba le fedi nuziali

Pubblicato

il

Grave episodio avvenuto all’ospedale Pellegrini di Napoli, dove un operatore socio sanitario ha prima sedato e poi derubato due anziani delle loro fedi nuziali. A tal proposito, arriva la dura replica del Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli, che si è così espresso:

E’ gravissimo quanto accaduto all’Ospedale Pellegrini di Napoli, dove un operatore socio sanitario ha sedato e derubato delle fedi nuziali due anziani, che erano lì ricoverati. Fortunatamente la Polizia, con delle indagini lampo, è riuscita ad individuare il colpevole in meno di 24 ore, incastrato in maniera inequivocabile dalle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza dell’ospedale. L’Asl conferma che l’autore del furto, un 39enne dipendente di una cooperativa sociale, è stato immediatamente sospeso dal servizio e allontanato dall’ospedale. Purtroppo, non è la prima volta che ascoltiamo storie di questo tipo, proprio noi di Europa Verde, avevamo raccolto alcune denunce da parte dei cittadini che avevano subito furti mentre erano ricoverati al Pellegrini e altri ospedali. Le nostre segnalazioni, assieme alle denunce, hanno fatto scattare una commissione interna all’Asl che sta verificando le denunce e segnalazioni per individuare eventuali altri ladruncoli, che si aggirano nei nosocomi. E’ necessario adottare il pugno di ferro contro questi soggetti, che si sono resi protagonisti di un furto davvero ignobile, ovvero derubare poveri malati ricoverati nei reparti di un ospedale, luoghi dove i cittadini dovrebbero sentirsi protetti e non alla mercé di ladruncoli da quattro soldi, peggio ancora se sono dipendenti pubblici. Mi auguro che la Asl, riesca ad individuare rapidamente gli altri delinquenti, per loro non possiamo chiedere altro che il licenziamento in tronco”.

Poi, conclude: “In questa vicenda andremo fino in fondo e ai processi che seguiranno, sia l’Asl che la Regione dovranno rivalersi in tutti i modi possibili previsti dalla legge. Contro questi delinquenti non c’è giustificazione che tenga e dovranno pagare per tutti i reati commessi”.

Cronaca

Capodichino, fermato presunto ricettatore

Pubblicato

il

CAPODICHINO – Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su segnalazione della Centrale Operativa sono intervenuti presso un hotel di viale Umberto Maddalena per effettuare un accertamento su un ospite della struttura in possesso di una carta d’identità emessa dalle autorità bulgare e risultata rubata.
I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato l’uomo che ha dichiarato di essere il cittadino bulgaro effigiato sulla carta d’identità nonostante la foto presente sul documento non lo rappresentasse.

Gli operatori, una volta accompagnatolo presso gli uffici di polizia per sottoporlo a rilievi foto-dattiloscopici, lo hanno identificato per un 24enne siriano e lo hanno sottoposto a fermo di P.G. poiché gravemente indiziato di ricettazione nonché denunciato per sostituzione di persona.

Napoli, 5 luglio 2022

Continua a leggere

Cronaca

Frattaminore, operazione ad alto impatto della polizia locale

Pubblicato

il

FRATTAMINORE – Ieri mattina gli agenti del Commissariato di Frattamaggiore, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio a Frattaminore in particolare nelle vie Turati, Cavalieri di Vittorio Veneto e Giovanni XXIII e nelle piazze San Maurizio e Atella.

Nel corso dell’attività sono state identificate 75 persone, di cui 17 con precedenti di polizia, controllati 59 veicoli, di cui uno sottoposto a fermo amministrativo, e contestate 3 violazioni del Codice della Strada per guida con patente scaduta e guida senza casco di protezione.

Napoli, 5 luglio  2022

Continua a leggere

Cronaca

Lutto nel Casertano, Miriam non ce l’ha fatta: muore dopo due settimane di agonia

Pubblicato

il

Una notizia che non avremmo mai voluto dare. Infatti, Miriam Di Bernardo, 30enne di Camigliano, non ce l’ha fatta. La donna, lo scorso 20 giugno è rimasta coinvolta in un pauroso incidente sul tratto finale dell’Appia, a Pastorano, ma le sue condizioni si sono irrimediabilmente aggravate con il passare dei giorni, portandola alla morte poco prima della mezzanotte di ieri.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante