Resta sintonizzato

Attualità

Covid, in Italia tasso di positività al 14,7%. A Shangai in corso peggiore ondata mai vista

Pubblicato

il

ITALIA – In Italia registrati 28,368 nuovi casi e 115 morti. Tasso di positività al 14,7%.Il presidente del Consiglio superiore di Sanità Locatelli difende l’uso delle mascherine al chiuso, che “offrono indubitabilmente un vantaggio sui treni a lunga percorrenza, sugli aerei, negli spettacoli cinematografici e teatrali. Il vantaggio che deriva dal loro utilizzo supera di gran lunga il disagio minimo che provoca indossarle. Io al chiuso continuo a portarle”.

A Shanghai, in Cina, è in corso la peggior ondata di casi mai vista nel Paese. Forti proteste per il lockdown imposto da Pechino. A Guangzhou test per 18 milioni di persone.

Attualità

Patenti nautiche vendute a 2-3 mila euro senza fare l’esame: 70 indagati

Pubblicato

il

Blitz della Guardia Costiera di Salerno, che nella mattinata odierna ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro persone, oltre a perquisizioni domiciliari nei confronti di 70 indagati. In particolare, essi sono accusati, a vario titolo, di falsità materiale e ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici, e corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio.

Secondo il Gip, le patenti nautiche venivano acquistate grazie al pagamento di somme di denaro, senza che i beneficiari dovessero sostenere alcun esame teorico o pratico. Invece, nel corso delle perquisizioni domiciliari, sono stati rinvenuti e sequestrati titoli abilitativi e denaro contante, per un totale di più di 50 mila euro, ritenuto profitto del reato di corruzione.

Inoltre, le patenti nautiche venivano rilasciate su stampati autentici e consegnate a fronte di un pagamento che poteva variare dai 2 mila ai 3 mila euro, a seconda degli intermediari e dell’abilitazione richiesta. Pertanto, tali patenti sarebbero state vendute in tutta Italia, con Salerno quale centrale operativa.

Continua a leggere

Attualità

Servizio psicologico di base in Campania, De Luca: – “Siamo la prima Regione che prevede l’impegno degli psicologi nell’ambito del sistema sanitario regionale attraverso convenzioni sui territori”

Pubblicato

il

CAMPANIA – “Siamo la prima Regione italiana ad aver approvato una legge che prevede l’impegno degli psicologi nell’ambito del sistema sanitario regionale attraverso convenzioni sui territori. Partiamo oggi, dopo due anni di Covid che hanno determinato condizioni di sofferenza in larga parte della popolazione e soprattutto nell’area giovanile. Grazie a questa nuova normativa possiamo intervenire in modo concreto dando una mano alle famiglie, alle ragazze e ai ragazzi, e soprattutto possiamo qualificare il nostro servizio sanitario in tanti campi. Penso ai disturbi alimentari, al disagio psichico, all’autismo, agli stati depressivi legati a malattie oncologie, all’endometriosi nelle donne e a tante patologie che a volte non vengono portate alla luce anche per motivi di pudore personale. In casi come questi c’è da oggi, grazie alla Regione Campania, un sostegno in più per provare ad uscire da queste situazioni di grande sofferenza.”

Questo quanto pubblicato dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca sui suoi social network durante la presentazione del Servizio di Psicologia di base regionale.

Continua a leggere

Attualità

Tangenziale di Napoli, piano di potenziamento sostenibile ed ecologico

Pubblicato

il

TANGENZIALE DI NAPOLI, PRESENTATO IL PIANO DI POTENZIAMENTO. 150 MILIONI DI EURO PER L’AMMODERNAMENTO DELL’INFRASTRUTTURA, TRE I PILASTRI DEL PROGRAMMA: SICUREZZA, TECNOLOGIA E GREEN   
Cantieri al via, i lavori saranno effettuati in orario prevalentemente notturno
 La Tangenziale di Napoli, infrastruttura strategica al servizio della città e dell’area Flegrea, sarà sempre più sostenibile, tecnologica e moderna grazie all’ampio programma di potenziamento, pronto a partire, che prevede una completa rigenerazione del tratto, in linea con le mutate esigenze della mobilità e al passo con lo sviluppo della città e del territorio.  Un programma da oltre 150 milioni di euro che interesserà le infrastrutture principali del tracciato che per 20,2 chilometri attraversa l’area metropolitana di Napoli collegandola attraverso i suoi 14 svincoli, e che conta quasi 240mila transiti medi giornalieri e circa 87 milioni di transiti ogni anno. Presentato a Palazzo San Giacomo dal Sindaco Gaetano Manfredi, l’Amministratore delegato del Gruppo Autostrade per l’Italia Roberto Tomasi e dall’Amministratore delegato della Tangenziale di Napoli Luigi Massa, alla presenza dell’Assessore alle Infrastrutture, Mobilità e Protezione civile Edoardo Cosenza e il Presidente di Tecne Ennio Cascetta, il Piano di ammodernamento della Tangenziale di Napoli è il prodotto di due anni di studi condotti in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli e con il supporto dei più qualificati ricercatori del settore che hanno contribuito a realizzare un’analisi approfondita dell’infrastruttura, con particolare attenzione alle sue opere. Lo studio è stato il presupposto per avviare la fase progettuale, in linea con le più recenti linee guida del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

Tra i molteplici interventi, il programma prevede il potenziamento delle infrastrutture (viadotti, gallerie, barriere di sicurezza e rigenerazione della pavimentazione); l’implementazione del sistema tecnologico Argo per il monitoraggio delle infrastrutture, sviluppato da Movyon, spin off tecnologico del Gruppo Autostrade per l’Italia e, tra le altre novità, l’installazione di nuova rete in fibra ottica, nuovi impianti di sicurezza e di un nuovo sistema di illuminazione radente che permette un risparmio energetico del 15 %, aumentando la sicurezza e migliorando la visibilità.  Un piano che prevede di media ogni giorno 160 uomini al lavoro e 50 mezzi sul campo, che sarà realizzato per il 70% in orario notturno al fine di limitare l’impatto sulla viabilità. Interventi che consegneranno alla città una infrastruttura in grado di migliorare sensibilmente l’esperienza di viaggio e di integrarsi ulteriormente con il tessuto urbano, al passo con il futuro della mobilità e nel rispetto dell’ambiente.

Nell’ottica green, il piano prevede la realizzazione di due stazioni di ricarica elettrica ad alta capacità nelle aree di servizio Antica Campana Est e Doganella a cura di Free To X, società del Gruppo Autostrade per l’Italia. Prevista inoltre la realizzazione di nuove aree verdi adiacenti alla rete autostradale e l’installazione di impianti fotovoltaici nelle stazioni di Capodichino, Arenella e Astroni. Già terminato inoltre l’intervento di rimboschimento di tutte le aree adiacenti il tratto, che ha consentito di convertire a verde circa 5,6 ettari di terreno, garantendo un assorbimento annuo di Co2 pari a 26,432 tonnellate. A beneficio della fruibilità dell’infrastruttura, inoltre, l’evoluzione dei sistemi di pagamento del pedaggio che, grazie alla digitalizzazione del processo di esazione, consente una riduzione dei tempi di attesa ai caselli.

Un piano che nel suo complesso dà il via all’evoluzione in chiave smart-road della Tangenziale e che prevede il posizionamento di nuova rete di fibra ottica che supporterà i successivi sviluppi tech del tratto. “Si tratta di un importante programma di interventi di ammodernamento di un’infrastruttura essenziale per gli utenti di Napoli, dell’area flegrea e dell’intera città metropolitana” ha commentato il sindaco Gaetano Manfredi. “È necessario, oggi più che in passato, coniugare la sicurezza con la tecnologia: questi lavori serviranno a rendere a lungo termine un servizio ancora più efficiente al cittadino sulla Tangenziale, da integrare nella più ampia offerta di mobilità a cui l’Amministrazione sta lavorando incessantemente”, il commento del sindaco Gaetano Manfredi. “Si rinnova l’impegno della Tangenziale al servizio della città e dell’area Metropolitana di Napoli  – ha affermato l’Amministratore delegato di Tangenziale di Napoli Luigi Massa – Questa iniziativa, in linea con le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, è in sintonia con il grande piano industriale messo a terra dal Gruppo Autostrade per l’Italia, che guarda ad infrastrutture più moderne, più tech, più sostenibili con un vasto programma di ammodernamento sul territorio nazionale”.

“Il Piano di potenziamento sviluppato per la Tangenziale di Napoli, in sinergia con l’Università Federico II di Napoli e d’intesa con il MIMS – ha aggiunto l’Amministratore delegato del Gruppo ASPI Roberto Tomasi – nasce con l’ambizione di rigenerare l’infrastruttura affinché sia al passo con la profonda trasformazione della città, generando valore e assicurando collegamenti sempre più efficienti e avanguardistici. Non solo: siamo convinti che la Tangenziale di Napoli, con questo largo programma, possa diventare prototipo nazionale di infrastruttura sostenibile, per una rete che sia in grado di far fronte alla cruciale sfida della mobilità del futuro. Ancora una volta, dunque, il Gruppo Aspi punta sull’eccellenza del Sud nella convinzione che possa dare forte impulso allo sviluppo dell’intero Paese”. Nell’ambito di questo piano, sono state attivate tutte le sinergie interne al Gruppo Autostrade per l’Italia, anima del Programma Mercury, espresse dalle sue controllate impegnate in tutti gli ambiti di applicazione, dalla sostenibilità alla digitalizzazione: da Movyon per la componente tecnologica a Free to X, per quanto riguarda l’installazione delle stazioni di ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici; fino a Elgea, società impegnata sul versante dell’energia rinnovabile. Ricoprono poi un ruolo fondamentale per la messa a terra del programma, la società di ingegneria del Gruppo Tecne e Amplia (ex Pavimental), azienda leader nel settore delle costruzioni, anch’essa controllata integralmente da ASPI.

Al fine di limitare l’impatto delle attività sugli utenti, è stato condiviso un piano di lavorazioni prevalentemente in orario notturno. A partire dal mese di luglio 2022 diventeranno operativi i cantieri in corrispondenza dei viadotti Arena San Antonio, Cilea e Volto Santo.  Al termine degli interventi sui viadotti sarà ripristinata la piena transitabilità anche per i mezzi con peso superiore a 7,5 tonnellate e le infrastrutture saranno adeguate alle nuove norme antisismiche. Contestualmente saranno avviate le attività di ammodernamento e di potenziamento degli impianti di sicurezza all’interno delle gallerie Capodimonte, Vomero, Monte Sant’Angelo, e Solfatara, in linea con quanto previsto dalle più recenti linee guida introdotte dal Ministero concedente.  

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante