Resta sintonizzato

Crispano

CRISPANO. Il C.te Dimino scrive in Procura e denuncia i disservizi della ditta dei rifiuti

Pubblicato

il

“Un servizio non proprio efficiente quello effettuato dalla ditta appaltatrice” lo definisce il comandante Dimino, il quale ha inoltrato una informativa alla Procura della Repubblica Napoli Nord in quanto un autocompattatore con gli operai effettuavano la raccolta e il trasporto dei rifiuti non all’alba, come è normale che sia, ma la sera precedente, senza che il comune sapesse nulla e senza avere la possibilità di modificare il servizio e avvertire la cittadinanza di tale modifica.

Da tre mesi la gestione dell’ufficio ecologia del Comune di Crispano è stata affidata temporaneamente al comandante della Polizia Locale, Cap. Fabio Dimino, il quale ha effettuato una serie di controlli sulla ditta affidataria del servizio evidenziando disservizi che sono state contestate all’azienda.
Controlli specifici sono stati effettuati sulla gestione dell’isola ecologica che era diventata il punto di sversamento non solo dei crispanesi ma di diversi utenti di altre città; nel contempo attraverso l’impianto di videosorveglianza vengono scovati e denunciate alla procura della repubblica chi sversa illecitamente nel territorio di Crispano.

Nel contempo è quasi pronta la nuova gara di appalto per la gestione della raccolta e trasporto dei rifiuti nel comune di Crispano che si adeguerà agli standard di maggiore efficienza in linea con le indicazioni di ARERA, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente.

Continua a leggere
Pubblicità

Ambiente

CRISPANO. Strade sporche. Cennamo:”Il Sindaco pensa agli endorsement parlamentari e trascura la città”

Pubblicato

il

CRISPANO – A volte i cantieri dei lavori pubblici possono essere da ostacolo agli ordinari servizio di pulizia strade e falciamento d’erba ma quello che avviene nella città di Crispano non riguarda solo il centro storico.

Diverse sono le lamentele dei cittadini che ogni giorno vedono la loro città sempre più trascurata. I problemi della raccolta rifiuti, risolti in parte, non chiarisce meglio la questione della pulizia e del falciamento del verde, così ci si ritrova dinanzi a strade sporche, deiezioni canine sui marciapiedi ed erba alta che talvolta intralcia anche il passaggio pedonale.

Per conoscere la veridicità delle lamentele dei crispanesi abbiamo contattato il Consigliere di opposizione Enzo Cennamo che davanti ai nostri taccuini ha dichiarato: “In piena campagna elettorale per le elezioni politiche, il Sindaco Michele Emiliano e la sua amministrazione, molto probabilmente, sono troppo impegnati ad accreditarsi con il potenziale parlamentare di turno – che gli possa servire per eventuali endorsement da ricevere alle prossime amministrative – per accorgersi che la città ha bisogno di cure dal punto di vista dell’Ambiente e della salute pubblica.

Ovunque ti giri, sui marciapiedi e per le strade, c’è incuria e sporcizia. Il falciamento dell’erba oramai è diventata un’utopia e gli spazzini, come si chiamavano un tempo, un miraggio.

Oramai Crispano è diventata una città nelle mani di chi, nell’anonimato storico, sta tentando, a spese dei contribuenti, di crearsi un nome e un’immagine politica per potersi assicurare un futuro sicuro da politicante di mestiere.

La cura della res publica diventa sempre più un tema sconosciuto a chi governa la nostra città. A me, da crispanese puro, piange il cuore vederla riversare in questo stato.

Pertanto non mi sono e non mi tirerò mai indietro. Il bene della mia città prima di tutto. L’interesse, la carriera politica o la ricerca spasmodica della popolarità sono temi che non mi hanno mai appassionato, per questo sono sempre restato un umile servitore della mia comuunità”.

Continua a leggere

Crispano

CRISPANO. Caro bollette TARI. Cennamo: “Emiliano non ha fatto nulla per contrastare l’evasione”

Pubblicato

il

CRISPANO – A tenere banco negli ultimi giorni, nei bar, nei negozi e tra le famiglie crispanesi è il caro bolletta della TARI. Tanti sono, infatti, i cittadini che lamentano tasse salate sulla raccolta rifiuti che, almeno stando agli ultimi aggiornamenti, con la nuova ditta, si va pian piano normalizzando il servizio. Ma il caro in bolletta rimane e tutto questo è frutto dell’unica più immediata soluzione per far fronte all’enorme evasione che avviene sui territori a nord di Napoli.

Il servizio raccolta rifiuti, così come per legge, va pagato pari pari con l’importo incassato dalla TARI ed è ripartito in egual misura per ogni famiglia e/o attività commerciale-industriale a seconda dei metri quadrati calpestabili. Ovviamente non tutte le famiglie o imprese sopperiscono ai propri doveri ed è per questo che l’Amministrazione, talvolta, è costretta ad aumentare l’importo affinché i giusti che pagano, possano “pagare” anche per quelli che del dovere non sanno che farsene. Giusto o sbagliato che sia, anche l’Amministrazione ha bisogno di far quadrare i propri conti e due sono le opzioni: mettere in atto un serrato controllo sull’evasione TARI oppure aumentare le tasse e far quadrare i conti.

Per saperne di più abbiamo contattato il Consigliere di opposizione Enzo Cennamo, destinatario della maggior parte delle lamentele dei cittadini, che davanti ai nostri microfoni dichiara: “Siamo stati alla finestra, seppur vigilando, a valutare l’operato di quest’Amministrazione che non è andata oltre il compitino che gli è stato assegnato dal proprio elettorato. Purtroppo per loro e per tutta la cittadinanza crispanese, la città è ancora ferma al palo.
Con le bollette della TARI è giunta l’ora di dire basta e di scendere in campo facendo dura opposizione. I tempi della collaborazione sono finiti, anche perché non si può essere collaborativi con chi non vuole ascoltare o con chi scambia le buone idee con medaglie da appuntare al petto.
Già l’anno scorso abbiamo dovuto subire un incremento della TARI del 30% per sopperire il costo del PEF per colpa degli evasori e mi duole prendere atto che da un anno, visto che il costo è rimasto invariato, quest’Amministrazione nulla ha fatto per contrastare l’evasione.
Purtroppo, da questo punto di vista l’Amministrazione Emiliano, non ha mosso un dito e non ha rispettato quanto diceva in campagna elettorale, forse per non perdere la propria popolarità nei confronti di quella fetta di popolazione che non intende rispettare le regole”.

Continua a leggere

Crispano

Crispano. Carabinieri arrestano 74enne per tentato omicidio

Pubblicato

il

Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Caivano, su disposizioni della Procura della Repubblica di Napoli Nord, hanno tratto in arresto un 74enne per il tentato omicidio ai danni della moglie di 71 anni.

L’immediato intervento dei militari ha consentito di accertare la dinamica dei fatti: la donna era a letto quando il coniuge, per motivi ancora in corso di accertamento, l’avrebbe colpita con un paio di forbici alla gola e al petto.

La donna soccorsa prima da alcuni familiari e poi dai militari intervenuti, è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Frattamaggiore e sottoposta ad intervento chirurgico e, allo stato, non versa in pericolo di vita.

L’uomo è stato tradotto al carcere di Napoli-Poggioreale, in attesa dell’udienza di convalida

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante