Resta sintonizzato

Attualità

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Se avessimo accesso a tutte le armi di cui abbiamo bisogno avremmo già posto fine a questa guerra”

Pubblicato

il

UCRAINA – “Se avessimo accesso a tutte le armi di cui abbiamo bisogno, che i nostri partner hanno e che sono paragonabili a quelle usate dalla Federazione Russa, avremmo già posto fine a questa guerra”. Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante l’ultimo messaggio di aiuto rivolto all’Occidente nel quale ha fatto nuova richiesta di armi militari.

“Avremmo già ristabilito la pace e liberato il nostro territorio dagli occupanti – ha continuato il premier -, perché la superiorità dell’esercito ucraino in tattica e saggezza è abbastanza ovvia. E ancora, secondo il presidente ucraino non è giusto che il suo Paese sia costretto “a chiedere ciò che i suoi partner hanno immagazzinato da qualche parte per anni”.

“Se hanno le armi di cui l’Ucraina ha bisogno qui e ora, se hanno le munizioni di cui abbiamo bisogno qui e ora, è loro dovere morale innanzitutto aiutare a proteggere la libertà. Aiuta a salvare la vita di migliaia di ucraini”, ha continuato il presidente. E infine: “Se otteniamo ciò che alcuni partner intendono consegnare all’Ucraina nelle prossime settimane, questo salverà la vita di migliaia di persone. Spero che i partner ascoltino questa tesi e capiscano che ogni giorno è importante. Qualsiasi ritardo nell’aiutare l’Ucraina offre agli occupanti l’opportunità di uccidere più ucraini”.

Ieri il presidente americano Joe Biden ha incentivato gli alleati all’invio di armi belliche in Ucraina e al proseguimento di imposizioni delle sanzioni nei confronti della Russia. Artiglieria pesante arriverà dal Canada secondo quanto ha assicurato Trudeau e ha annunciato nuovi invii d’armi a Kiev anche il premier britannico Johnson.

Attualità

Napoli, sorpreso in hotel con documenti falsi: in manette 42enne turco

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, sono intervenuti nella serata di ieri presso un hotel in via Milano, per effettuare un accertamento su un documento presentato da un ospite della struttura. In particolare, i poliziotti, una volta giunti sul posto, hanno trovato l’uomo che ha esibito un passaporto, risultato poi alterato.

Pertanto, l’uomo è stato sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici, che hanno permesso la sua identificazione. Si tratta di un 42enne turco, arrestato per possesso di documento falso valido per l’espatrio.

Continua a leggere

Attualità

Accordo Campania-Toscana su riutilizzo beni confiscati alla criminalità. De Luca: “Atto importante”

Pubblicato

il

CAMPANIA – Quest’oggi la giunta regionale campana ha fatto i punto della situazione sull’accordo con la Regione Toscana circa il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità. Tra i primi ad esprimersi sulla vicenda è stato il Presidente Vincenzo De Luca.

“Un atto importante – afferma De Luca tramite i suoi canali social – che ci riavvicina al sacrificio di uomini che hanno combattuto la mafia e la camorra, in larga misura meridionali, come Pio La Torre, Livatino, Peppino Impastato, Falcone, Borsellino. Uomini che sapevano di essere in qualche misura condannati a morte ma che hanno combattuto lo stesso per affermare i nostri valori di legalità e democrazia. A loro dobbiamo rendere onore facendo sì che i beni che ci derivano dai sequestri alla delinquenza organizzata possano avere una funzione produttiva” – conclude il Presidente.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, Sindaco Manfredi e Vicesindaco Filippone al convegno ‘La Sfida: costruire il sistema educativo integragto 0-6′”

Pubblicato

il

La vera sfida che hanno davanti il Paese, il Sud e Napoli è quella educativa che si vince con le risorse ma anche con un nuovo modello di cooperazione e coprogettazione tra pubblico e privato”. Lo ha detto il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, intervenuto con la Vice Sindaco Mia Filippone al convegno ‘La sfida: costruire il sistema educativo integrato 0-6’ promosso dal Gruppo nazionale Nidi e infanzia e dal Comune di Napoli in collaborazione della Fondazione Foqus e  Zeroseiup. 

“Tutti i dati ci dicono che una precoce scolarizzazione riduce enormemente il rischio della successiva dispersione scolastica – ha osservato Manfredi – Purtroppo nella nostra città l’offerta di questo segmento è molto ridotta perché negli ultimi anni si è investito poco nel Mezzogiorno e in particolare nella nostra città. C’è dunque la necessità di un investimento significativo su questo fronte”.

Educazione anche come importante strumento di contrasto alla diffusione del fenomeno della violenza giovanile. ”Solo così – ha osservato il Sindaco – saremo in grado di fronteggiare questi fenomeni di violenza, di dispersione scolastica e anche di abbandono dei minori“.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante