Resta sintonizzato

Cronaca

Orrore in carcere, detenuto sequestrato e violentato da 2 slavi: la situazione

Pubblicato

il

Orrore nel carcere romano di Regina Coeli, dove un detenuto è stato sequestrato e violentato. In particolare, come riferisce il SAPPE, due detenuti di origine slava hanno legato e minacciato con un coltello un altro detenuto, abusando sessualmente di lui.

Pertanto, Maurizio Somma, segretario del SAPPE per il Lazio, ha così dichiarato:

“Due detenuti di origine slava, con reati di rapina ed altro, hanno sequestrato e violentato un altro detenuto, di origine italiana, ristretto per reati di droga. Grazie all’intuizione degli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, l’uomo è stato salvato, in quanto veniva minacciato con un coltello rudimentale e tenuto legato sempre con una corda rudimentale. E’ stato trasportato in ospedale, dove hanno riscontrato gravi lesioni all’ano. Un episodio vergognoso e raccapricciante, certamente favorito dall’allentamento della sicurezza interna dovuto alla vigilanza dinamica”.

Inoltre, sulla questione, si è pronunciato anche il segretario generale del SAPPE, Donato Capece:

“Questi sono i frutti di una sorveglianza ridotta, in conseguenza della cervellotica vigilanza dinamica, dell’autogestione delle carceri e dai numeri oggettivi delle carenze di organico del Reparto di Polizia Penitenziaria di Roma Regina Coeli. Quel che è successo è di inaudita gravità ed è la conseguenza, dello scellerato smantellamento delle politiche di sicurezza delle carceri, che di fatto determina una pericolosa autogestione dei penitenziari. Il sistema, per adulti e minori, si sta sgretolando ogni giorno di più. Il SAPPE, denuncia da tempo che la sicurezza interna delle carceri è stata annientata da provvedimenti scellerati, come la vigilanza dinamica e il regime aperto, l’aver tolto le sentinelle della Polizia Penitenziaria di sorveglianza dalle mura di cinta delle carceri, la mancanza in organico di poliziotti penitenziari, il mancato finanziamento per i servizi anti intrusione e anti scavalcamento. La politica se n’è completamente fregata. E i vertici del Ministero della Giustizia e dell’Amministrazione Penitenziaria hanno smantellato le politiche di sicurezza delle carceri, preferendo una vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto, con detenuti fuori dalle celle per almeno 8 ore al giorno, con controlli sporadici e occasionali…”.

Cronaca

Tragedia nelle acque del porto: ritrovato il cadavere di un sub napoletano

Pubblicato

il

Tragico ritrovamento avvenuto nelle acque di Chieti, in Abruzzo, dove è stato rinvenuto il corpo senza vita di un 51enne sub di Pompei.

Secondo le prime informazioni, alcuni pescatori hanno riferito che questa notte, durante la loro attività di pesca nel tratto di mare tra la spiaggia di Cintioni del comune di Ortona e il comune di San Vito Chietino, mancava all’appello un subacqueo. Da lì sono iniziate le ricerche, che hanno portato al ritrovamento di una cintura con dei pesi si piombo e di un fucile da pesca. Tuttavia, poco dopo, è stato rinvenuto il cadavere del sub galleggiante in acqua, con il volto riverso in mare.

Pertanto, sono intervenuti sul posto i sanitari del 118, che hanno effettuato le verifiche mediche.

Continua a leggere

Cronaca

Attentato suicida in Pakistan, uccise sei persone: la situazione

Pubblicato

il

Un vera e propria strage avvenuta nella serata di ieri a Islamabad, capitale del Pakistan, dove almeno sei persone hanno perso la vita in un attentato kamikaze. A riferirlo, fonti dell’esercito, che parlano di tre bambini e tre soldati uccisi. Al momento, nessuno ha rivendicato l’accaduto, anche se l’organizzazione dei Talebani pakistani, che si battono contro le autorità centrali e non hanno legami con quelli al potere a Kabul, stanno osservando una tregua di due settimane.

Continua a leggere

Cronaca

Choc in America: giovane suprematista bianco uccide 10 persone all’interno di un supermercato

Pubblicato

il

Choc in America, dove Payton Gendron, 18enne suprematista antisemita, è stato autore di un vero e proprio massacro presso un supermercato di Buffalo, nello stato di New York. Tuttavia, il ragazzo è già comparso in tribunale, dove si è dichiarato innocente dall’accusa di omicidio, anche se resterà in carcere fino al processo, dato che non gli è stata concessa alcuna cauzione.

In particolare, egli ha pronunciato queste serafiche parole: “Capisco le accuse che mi vengono mosse”. Indagini in corso da parte dell’FBI, che sta ascoltando i testimoni per risalire all’esatta dinamica dell’accaduto. Intanto, è stato sospeso il live streaming su Twitch, che mostrava immagini del fucile con cui ha agito, recante il numero 14, probabilmente in riferimento allo slogan neonazista delle ’14 parole’, per poi cominciare a sparare fuori al supermercato, colpendo tre persone. Poi, una volta all’interno, ha aperto il fuoco.

Pertanto, al vaglio degli inquirenti, vi è un manifesto di 106 pagine scritto dallo stesso giovane, nel quale egli anticipa la strage e cerca di spiegarla. Nel testo, si descrive un suprematista e dichiara il suo appoggio alla teoria cospirazionista del ‘Great Replacement’, ossia la convinzione che i bianchi siano sostituiti nei loro Paesi da immigrati non bianchi, che porterebbe alla conseguente estinzione della razza bianca. Inoltre, il supermercato scelto, sembra confermare la pista razzista, dato che si trova in un’area di afroamericani.

In particolare, tra i 10 morti e i tre feriti, ben 11 persone sono afroamericani. A tal proposito, il governatore dello stato di New York Kathy Hochul, ha così dichiarato:

“E’ stata un’esecuzione stile militare su innocenti che volevano solo fare la spesa. Basta con la violenza delle armi da fuoco”. Poi, Honul punta il dito contro i social media, che consentono il dilagare di odio:

“Le piattaforme devono essere responsabili di monitorare e sorvegliare i contenuti, consapevoli, in casi come questo, di poter essere ritenute complici. Forse non legalmente, ma almeno moralmente”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante