Resta sintonizzato

Attualità

Festa della Liberazione, Mattarella ad Acerra per il 25 aprile: “Questo tornare indietro nella storia, rappresenta un pericolo per tutti”

Pubblicato

il

Oggi, in occasione della Festa della Liberazione, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato nel comune di Acerra, luogo simbolo della Resistenza dal nazifascismo, visto che proprio qui, tra il primo e il 3 ottobre 1943, la ferocia dei nazisti causò la morte di 88 persone e numerosi dispersi.

Pertanto, lo stesso Capo dello Stato, accolto questa mattina in piazza Angelo Soriano, ha voluto lanciare un messaggio di richiamo al popolo italiano:

“La decisione della popolazione di Napoli, della Campania e di tante altre città del Sud, di insorgere contro l’ex alleato, trasformatosi in barbaro occupante, fu una reazione coraggiosa e umana, contro la negazione stessa dei principi dell’umanità. E oggi, c’è tra gli storici concordia nell’assegnare il titolo di resistente, a tutti coloro che con le armi o senza, mettendo in gioco la propria vita, si oppongono a una invasione straniera, frutto dell’arbitrio e contraria al diritto, oltre che al senso stesso della dignità”.

Poi, prosegue:Nelle prime ore del 24 febbraio, siamo stati tutti raggiunti dalla notizia che le Forze armate russe avevano invaso l’Ucraina, entrando nel suo territorio. Come tutti, quel giorno, ho avvertito un pesante senso di allarme, di tristezza, di indignazione. A questi sentimenti, si è subito affiancato il pensiero agli ucraini svegliati dalle bombe. E, pensando a loro, mi sono venute in mente queste parole: “Questa mattina mi sono svegliato e ho trovato l’invasor”. Sappiamo tutti da dove sono tratte queste parole. Sono le prime di Bella Ciao“.

Infine, dopo aver deposto una corona d’alloro all’Altare della Pace, per omaggiare il Milite Ignoto, ha così concluso:

“Questo tornare indietro della storia, rappresenta un pericolo non soltanto per l’Ucraina, ma per tutti gli europei. Avvertiamo l’esigenza di fermare subito, con determinazione, questa deriva di guerra, prima che possa ulteriormente disarticolare la convivenza internazionale, prima che possa tragicamente estendersi. Questo è il percorso per la pace, per ripristinarla; perché possa tornare ad essere il cardine della vita d’Europa. Per questo, diciamo convintamente: viva la libertà, ovunque. Particolarmente, ove sia minacciata o conculcata”.

Attualità

Covid, Campania: questo il bollettino di oggi, 15 maggio 2022

Pubblicato

il

CAMPANIA – Questo il bollettino diramato dall’unità di crisi della Regione Campania recante i dati sulla crisi epidemiologica da Covid-19 nel territorio regionale (dati aggiornati alle 23.59 di ieri).

Positivi del giorno: 3.330di cui: Positivi all’antigenico: 3.027 Positivi al molecolare: 303Test: 21.202di cui: Antigenici: 16.055 Molecolari: 5.147

Deceduti: 0R

eport posti letto su base regionale: Posti letto di terapia intensiva disponibili: 581Posti letto di terapia intensiva occupati: 35 Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)Posti letto di degenza occupati: 575

Continua a leggere

Attualità

De Luca omaggia Insigne nel giorno della sua ultima partita con il Napoli

Pubblicato

il

NAPOLI – Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca omaggi Lorenzo Insigne nel giorno della sua ultima partita con la maglia azzurra pubblicando un post sui propri social.

Un abbraccio a Lorenzo Insigne che oggi gioca la sua ultima gara con la maglia del Napoli allo Stadio Diego Armando Maradona. Grazie a questo campione per le emozioni che ci ha donato con reti, assist, trofei sempre e per l’amore sconfinato che ha sempre dimostrato per Napoli ed il Napoli. Gli auguriamo ogni bene per il nuovo “tiro a giro” della sua vita e della sua professione. E grazie ancora per la sua generosa donazione durante la pandemia. Ciao Lorenzo” conclude il Presidente.

Continua a leggere

Attualità

Folle inseguimento a Napoli, impattano con la volante dopo il furto: arrestati

Pubblicato

il

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, sono stati avvicinati nella serata di ieri da un uomo, il quale ha raccontato che poco prima il suo stereo, è stato asportato dalla propria auto da due persone, indicando la vettura su cui queste si stavano allontanando.

Pertanto, ne è nato un inseguimento, durante il quale il conducente ha effettuato manovre pericolose alla circolazione stradale, allo scopo di seminare i poliziotti. Tuttavia, all’altezza della Tangenziale, la loro auto ha impattato contro la volante e sono stati bloccati.

In particolare, all’interno del veicolo, vi era lo stereo asportato e poi restituito al legittimo proprietario. Ad ogni modo, i due uomini napoletani, rispettivamente di 54 e 57 anni, sono stati arrestati per rapina impropria, lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale, nonché denunciati per danneggiamento ai beni della Pubblica Amministrazione.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante