Resta sintonizzato

Attualità

Panico sul bus, autista-eroe salva una ragazza dallo stupro: i particolari

Pubblicato

il

Attimi di panico a Roma, sul bus della linea 788, dove un 43enne di origini nigeriane ha tentato di violentare una 27enne di origini africane.

In particolare, egli, una volta salito sul mezzo, avrebbe iniziato ad insultare la donna che intimorita, si è avvicinata alle porte del bus per scendere alla fermata più vicina. Tuttavia, l’uomo, le ha afferrato il braccio iniziando a palpeggiarla, salvo poi essere fermato dal conducente, il quale è intervenuto e ha sventato l’aggressione. Il 43enne è stato poi arrestato dalla Polizia.

Pertanto, tale gesto, non è passato inosservato e il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, ha voluto così segnalarlo:

Grazie a Pasquale S., l’autista Atac Roma che con prontezza, ha impedito che una donna venisse abusata e ha fatto arrestare l’aggressore. Roma è fiera di chi si prende cura degli altri. Con Eugenio Patanè, saremo felici di premiarlo con la medaglia della città per questo suo gesto coraggioso”.

Attualità

Mascherine a scuola, il Codacons denuncia: “Misura folle e senza senso”

Pubblicato

il

Il Codacons, ha depositato lo scorso venerdì un formale ricorso al Tar del Lazio, nel quale ha chiesto la sospensione degli atti del Governo, che impongono agli studenti di utilizzare la mascherina fino al termine dell’anno scolastico. In particolare, alla base della richiesta, ci sarebbe “la manifesta sproporzione del provvedimento e l’illegittima disparità di trattamento tra luoghi pubblici. Nei luoghi di lavoro, pubblici e privati, tranne ospedali e Rsa, non è stato prorogato l’obbligo di utilizzo delle mascherine, che resta invece in vigore nelle scuole italiane fino alla fine dell’anno scolastico, fatta eccezione per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei predetti dispositivi e per lo svolgimento delle attività sportive“.

Poi, lo stesso Codacons denuncia: “Una situazione del tutto paradossale. Gli studenti sono obbligati di giorno ad indossare la mascherina, pur sedendo distanziati ai banchi, ma possono toglierla la sera per andare al pub o in discoteca e trascorrere il tempo assembrati. Si tratta di un’illegittima disparità di trattamento tra studenti e lavoratori, un atto amministrativo illogico e non fondato su alcuna motivazione razionale. Ancora una volta, si verifica un eccesso di potere, connotato dalla contraddittorietà di un atto amministrativo che oggi, con l’arrivo del caldo nelle aule scolastiche, appare addirittura punitivo verso gli studenti, costringendoli alla ‘tortura’ della mascherina a scuola”.

Continua a leggere

Attualità

Nonno colto da malore in casa: il nipotino chiama gli agenti e gli salva la vita

Pubblicato

il

Ha dell’incredibile quanto avvenuto a Pianura, nel Napoletano, dove un anziano del posto è stato salvato dal suo nipotino. In particolare, l’uomo era stato colto da un malore improvviso, mentre era in casa con il piccolo, il quale ha subito allertato i poliziotti che stavano transitando da quelle parti, in via Vicinale Sant’Aniello.

Pertanto, i due giovani agenti hanno salvato la vita all’anziano, praticando delle manovre di primo soccorso. Poi, una volta giunti sul posto i sanitari del 118, sono riusciti a rianimarlo definitivamente.

Continua a leggere

Attualità

Eav, De Luca in conferenza stampa: “Siamo i primi in Italia nel comparto dei trasporti”

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Vincenzo De Luca, è intervenuto in conferenza stampa per affrontare il tema relativo all’azienda di trasporto pubblico Eav. Ecco le sue dichiarazioni:

“Questa mattina, abbiamo voluto fare un quadro del programma d’investimenti che riguarda il comparto della mobilità del trasporto della Regione Campania. Voi sapete che, in relazione alle competenze regionali, i grandi servizi di civiltà sono trasporto pubblico e privato, oltre a sanità e ambiente, che rappresentano le principali criticità della regione. Bisogna avere consapevolezza del lavoro enorme che si sta facendo, con le nostre aziende e con la nostra struttura. Inoltre, vogliamo darvi anche un’informazione complessiva sul piano d’investimenti legato al comparto trasporti e mobilità. Noi arriveremo alla fine aldilà degli 8 miliardi che riguarderanno Eav, complessivamente sui 15 miliardi per quanto riguarda le Ferrovie dello Stato. Il comparto mobilità-trasporto è oggi il principale comparto d’investimenti della nostra regione, oltre ad essere uno degli elementi di tenuta economica generale della Campania. Vi mostreremo anche altri capitoli di questo tipo d’investimento, come quelli del settore portuale, così come le piattaforme logistiche ad esso collegate e il settore aerospaziale. Per quanto concerne i programmi d’investimento del comparto trasportistico, possiamo tranquillamente dire che siamo i primi in Italia, tenendo conto da dove partivamo. Questo programma consiste nell’acquisto di centinaia di autobus e treni, partiamo a settembre con l’ultimo dei cantieri sospesi. Stiamo affrontando emergenze e criticità, ma guardiamo ugualmente al futuro, pertanto quest’idea di collocare sulle nostre reti fibra ottica di proprietà della Regione, è una cosa straordinaria, una rivoluzione della modernità”.

Occupazione: “Non so in quante realtà d’Italia, nelle aziende di trasporto, si sia proceduto a migliaia di assunzioni. Ciò ha avuto un risultato doppio, non solo quello di ringiovanire il personale, ma anche dal punto di vista del risparmio sui bilanci. Inoltre, ci siamo caricati anche qualche problema non nostro, come i quasi 500 dipendenti del CTP, un’azienda della provincia di Napoli portata allegramente al fallimento negli anni passati. Quando parlo di azienda unica di trasporto regionale, non ne parlo per qualche particolare frenesia, ma per ragioni di funzionalità, visto che non possiamo avere una mobilità su ferro che vede tre gestori. Ovviamente, sono ipotesi di lavoro che noi offriamo alla discussione, ma che partono da ragioni di funzionalità del servizio e risparmio per i cittadini. Noi siamo un Paese di dementi, malato di demagogia, infatti si può immaginare di gestire un’azienda oggi, di 4-5 mila dipendenti con una retribuzione parametrata pari a quella di un venditore di lupini? Speriamo che l’occasione del PNR sia uno stimolo a fare cose ragionevoli, affinché il Paese funzioni, le imprese funzionino e i tecnici siano motivati”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante