Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli piange la scomparsa di Ester, infermiera al Cardarelli: aveva 38 anni

Pubblicato

il

Lutto all’ospedale Cardarelli di Napoli, per la prematura scomparsa di Ester Esposito, 38enne infermiera presso la suddetta struttura, morta questa mattina all’istituto Pascale. Ester lascia due figlie e il marito. Tuttavia, dopo la drammatica notizia sono stati numerosi i messaggi di cordoglio sui social:

Sei stata una gran donna, forte, caparbia e con tanta voglia di vivere… una gran mamma e una moglie esemplare. Abbiamo trascorso tante estati insieme, ci siamo divertiti, bellissimi ricordi. Ora hai finito di soffrire. Questa lunga sofferenza, ti ha fatto guadagnare un posto in Paradiso”, scrive Raffaele. Mentre Veronica, ha così aggiunto: “Cara Ester, che tu sia nella gloria del Paradiso. Ti ricorderò sempre com’eri da piccola”.

Cronaca

Scampia: installa un’app sul cellulare della ex per seguirla, arrestato

Pubblicato

il

Ieri mattina una donna si è recata presso gli uffici del Commissariato Scampia per denunciare di essere stata costretta a far salire il suo ex compagno a bordo della propria auto dove l’uomo, dopo un breve colloquio, aveva preteso di visualizzare il contenuto dello smartphone della donna come già avvenuto in precedenti occasioni.
La donna ha altresì raccontato che, dopo un breve giro del quartiere, con una scusa era riuscita a scendere dal veicolo sul quale aveva lasciato l’uomo ed era riuscita ad allontanarsi per raggiungere l’ufficio di polizia.
I poliziotti, poco dopo, hanno rintracciato l’uomo in via Pazienza e lo hanno bloccato ed hanno altresì accertato che aveva installato sul cellulare della donna un’applicazione che gli consentiva di localizzare l’apparecchio permettendogli  di seguirne gli spostamenti.
L’uomo, un 19enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per atti persecutori.

Continua a leggere

Cronaca

MAFIA, la Polizia fa piazza pulita a Palermo: 31 arresti

Pubblicato

il

Blitz della Polizia di Stato e dei carabinieri di Palermo, che hanno eseguito questa mattina un provvedimento di misura cautelare nei confronti di 31 indagati, accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, detenzione e produzione di stupefacenti, detenzione di armi, favoreggiamento personale ed estorsione, con l’aggravante del metodo mafioso. In particolare, 29 sono finiti in carcere e altri due ai domiciliari.

L’intensa attività d’indagine, ha consentito di far luce sull’organizzazione delle famiglie mafiose dei mandamenti di Ciaculli e Brancaccio, che comprende i clan Corso dei Mille e Roccella. Infatti, sono stati identificati capi, gregari e soldati affiliati a Cosa Nostra, che avrebbero messo a segno decine di estorsioni, commesse a numerosi commercianti e imprenditori, gestendo inoltre le piazze di spaccio sparse sul territorio.

Pertanto, nell’ordinanza, vengono ricostruite e documentate 50 estorsioni ai danni di titolari di esercizi commerciali e il pizzo veniva imposto a tutti gli operatori economici. Infine, ci sarebbe Cosa Nostra dietro al furto di venti cartoni, contenenti 16 mila mascherine FFp3 sottratte per rivenderle in piena emergenza epidemiologica.

Continua a leggere

Cronaca

Choc in carcere: il sovrintendente Giulio muore mentre era in servizio

Pubblicato

il

Dramma in carcere a Poggioreale, dove il sovrintendente Giulio Di Domenico è morto durante il servizio. A tal proposito, ha voluto spendere delle parole di cordoglio Aldo Di Giacomo, segretario nazionale del Sindacato Polizia Penitenziaria:

Colto probabilmente da un infarto in servizio, intorno alle 23, ieri sera Giulio è venuto a mancare, lasciando nello sgomento i colleghi e quanti lo conoscevano. La salma è ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e probabilmente, ne sarà disposta l’autopsia. Giulio, oltre che essere buon padre di famiglia, era una persona sempre disponibile per gli amici e ben disposto verso gli altri. Ottimo lavoratore, mai assente in servizio, era un riferimento per i colleghi, data la sua esperienza. Restiamo uniti intorno al dolore della famiglia, a cui esprimiamo le nostre più sentite condoglianze”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante