Resta sintonizzato

Marano di Napoli

Marano, 17enne aggredito: il racconto della madre

Pubblicato

il

Un ragazzo di 17 anni è stato aggredito, senza motivo, da una baby gang a Marano. E’ accaduto nei pressi della villa comunale del Ciaurro l’altro ieri.

A diffondere i particolari dell’aggressione è la mamma della giovane vittima: “Vorrei condividere con voi quello che è capitato a mio figlio di 17 anni. Sabato intorno alle 20 a Marano nella villa comunale Ciaurro nei pressi del cimitero,mio figlio era in compagnia dei suoi amici, 5)6 tra ragazzi e ragazze. Si avvicina a loro un gruppo di ragazzini tra i 12 e i 13 anni e iniziano a prendere in giro l’amico di mio figlio, loro non reagiscono agli insulti e il gruppo di ragazzini si allontana ritornando con altri 10 più grandi tra i 15 e i 16 anni , hanno intenzione di picchiare l’amico di mio figlio insultandolo frocio ricchione ecc ..il ragazzo intimidito non reagisce e mio figlio si mette in mezzo cercando di farli calmare ,ma a loro questa reazione evidentemente gli dà fastidio perché erano lì proprio con il proposito di picchiare qualcuno,e iniziano a picchiare tutti e 20 circa mio figlio riempiendolo di calci pugni tirate di capelli, intimando agli altri suoi amici che se intervenivano picchiavano anche loro“.

Mio figlio non ha reagito, – continua – ha pensato bene che se faceva del male a qualcuno di loro, gli facessero ancora più male, ha cercato solo di difendersi il viso e la testa, nello spingere uno di loro è caduto a terra e il branco ha continuato a tirargli calci e pugni, mentre gli amici guardavano lo scempio cercando di chiamare i carabinieri“.

Marano di Napoli

Marano, 45enne morto in un tragico incidente

Pubblicato

il

Marano, Vincenzo Garofalo è deceduto nel giorno di Pasqua a causa di un grave incidente. Dalle prime ricostruzioni l’uomo era in sella ad uno scooter con il suo cane quando si sarebbe scontrato con un auto, al cui interno c’erano due studenti maggiorenni e incensurati, in via Romano. Inutile i soccorsi, è morto sul colpo insieme al cane. La dinamica è attualmente al vaglio dei  militari dell’Arma.

I ragazzi in auto sono rimasti illesi. La salma è stata sequestrata per i successivi accertamenti autoptici.

Continua a leggere

Marano di Napoli

Marano, 35enne tenta di uccidere l’ex

Pubblicato

il

A Marano, il personale del Nucleo Operativo dei carabinieri hanno arrestato un 35enne di Napoli per aver tentato di uccidere l’ex compagna esplodendo un colpo contro la sua casa lo scorso 25 Marzo.

Secondo le ricostruzioni, la coppia era in un momento di crisi relazionale poichè la donna aveva deciso di interrompere la relazione. L’uomo si rifiutò di accettare la decisione e si recò sotto l’abitazione facendo esplodere un colpo d’arma da fuoco all’indirizzo della donna, colpendo l’abitato mentre la vittima scivolava a terra.

 Le immagini acquisite dai sistemi di videosorveglianza presenti sul luogo, insieme alle testimonianze della donna e dei suoi familiari, oltre che all’attività tecnica d’indagine, hanno permesso di risalire all’indagato. L’uomo era ritenuto gravemente indiziato del tentato omicidio della giovane, oltre che di maltrattamenti in famiglia ai danni della stessa.

L’uomo era fuggito da diversi giorni e solo ieri ha deciso di costituirsi alla caserma di Marano di Napoli. L’uomo si trova nel carcere di Poggioreale.

Continua a leggere

Cronaca

Marano: percepisce la pensione della mamma morta da 7 anni

Pubblicato

il

reddito di emergenza

Una donna ha percepito per 7 anni la pensione della mamma morta. La 51enne è stata denunciata dalle forze dell’ordine dopo che avrebbe raccolto circa 80mila euro. Si tratta dunque di 650 euro di pensione sociale più 522 per l’accompagnamento: ogni mese, dal 2015 ad oggi. Questo quello che ha percepito una 51enne di Marano già nota alle forze dell’ordine.

Avrebbe incassato circa 80mila euro in quasi 7 anni dalla scomparsa della madre, avvenuta il 28 dicembre del 2015. I carabinieri della locale Compagnia hanno scoperto la truffa e fatto in modo che il beneficio ottenuto per anni illecitamente fosse revocato. Per la 51enne anche una denuncia penale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante