Resta sintonizzato

Politica

Draghi incontra i sindacati a Palazzo Chigi, la Cisl dichiara: “Prima dell’estate decreto per redditi e famiglie”

Pubblicato

il

Durato circa un’ora e mezza l’incontro, andato in scena a Palazzo Chigi, tra il premier Mario Draghi e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, nel quale hanno affrontato i temi del lavoro e del welfare.

Inoltre, erano presenti all’incontro quattro ministri, il titolare del Lavoro Andrea Orlando, quello dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, della PA Renato Brunetta e delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli. Assente invece, il Ministro dell’Economia Daniele Franco, che si trova a Bruxelles.

In particolare, il leader della Cisl Luigi Sbarra, ha così dichiarato:

“Il governo si è impegnato ad un confronto strutturato e permanente con le parti sociali. Un incontro positivo, potenzialmente decisivo. Il Governo ha condiviso la nostra impostazione, anche per governare le emergenze. Il governo conta di deliberare prima della pausa estiva per salari, pensioni e reddito delle famiglie. Un nuovo decreto a sostegno di salari, pensioni e famiglie. Il prossimo incontro tra il governo e i sindacati, dovrebbe avere luogo tra il 26 ed il 27 luglio. Il governo non esclude di lavorare su un nuovo patto sociale, che guardi ai fondi del PNRR, sulla politica industriale e ambientale”.

A tal proposito, si è pronunciato anche il leader della Cgil Maurizio Landini:

“Numeri non ci sono stati fatti. Ci si è fermati a temi come la difesa del potere d’acquisto, la precarietà, il salario minimo. Al momento non abbiamo risposte. Ad oggi, risultati non ce ne sono. Abbiamo ribadito che dobbiamo agire e non possiamo aspettare la legge di bilancio. Sul piano del metodo c’è una novità, non su quello dei contenuti”.

Poi, il presidente della regione Liguria, nonché leader d’Italia al Centro Giovanni Toti, ha così dichiarato:

“Non è possibile immaginare la fine del Governo Draghi con la guerra alle porte, le aziende che chiudono per la crisi energetica, le bollette delle famiglie che stanno falcidiando il potere d’acquisto, un’inflazione all’8% e le gigantesche opportunità del PNRR da cogliere. Solo un movimento d’irresponsabili, può pensare che per il proprio piccolo tornaconto di bottega, si possa far saltare uno sforzo generale del Paese. Mi auguro che oggi, nel confronto con sindacati e mondo datoriale, il Governo abbia risposte serie e concrete da dare. ll Governo deve andare avanti con o senza il M5S. Basta parlare di verifiche e riti del passato, se c’è bisogno siamo tutti disponibili a dare una mano al Governo, senza chiedere nulla in cambio”.

Infine, ha lasciato un commento anche Stefano Patuanelli, Ministro delle Politiche Agricole:

“Penso che sarò Ministro stasera, ma anche domani e dopodomani. Penso che il dibattito politico, in questo momento sia un teatrino, lo chiamerei così. Mi interessa molto di più capire come garantire i diritti ai lavoratori e lavoratrici, e come vogliamo affrontare il tema dell’aumento dei costi e dell’inflazione. Servono strumenti straordinari, per il momento straordinario che stiamo vivendo. Per questo, alle 11, sarò a Palazzo Chigi”.

Politica

Migranti, parla Mattarella: “Questione cruciale per la stabilità e prosperità dell’Ue, sfida da affrontare insieme”

Pubblicato

il

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella torna a parlare della questione migranti, intervenendo all’ottava edizione della Conferenza Rome Med-Mediterranea Dialogues:

“La gestione dei flussi migratori è una questione decisiva e globale, che appare vano pensare possa eclissarsi. Diplomazie, organizzazioni nazionali e internazionali a cominciare dall’Ue, sono chiamate a un impegno comune. Sono in gioco la vita, il destino e la dignità di esseri umani. E’ una questione cruciale per la stabilità e la prosperità dell’Ue e del nostro vicinato meridionale. Tutto ciò deve spingerci ad affrontare insieme tali sfide, in uno spirito di forte solidarietà”.

Poi, aggiunge: “Ancora una volta siamo di fronte al bivio. Cosa permette di guardare al progresso dell’umanità? La guerra o la pace? Dobbiamo partire da quei principi, posti alla base della nostra convivenza civile e fondati nel quadro delle Nazioni Unite. Per consolidare il sistema multilaterale e renderlo più democratico, occorre fare riferimento all’uguaglianza fra gli Stati, rifuggendo da una polarizzazione a livello internazionale e da un’esasperazione di diversità, certo esistenti, che un dialogo efficace può contribuire a ridurre”.

Continua a leggere

campania

Il Governatore Vincenzo De Luca fa il punto della situazione sull’Autonomia Differenziata

Pubblicato

il

Stiamo difendendo tutte le ragioni della Campania e del Sud e questa battaglia dovrebbe essere sposata da tutti i parlamentari del Sud“. Vincenzo De Luca, presidente della regione, torna a parlare della vicenda autonomia differenziata, battaglia che lo vede in prima linea contro quanto vorrebbe fare il governo. Infine, dal governatore arriva una controproposta al presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, per la semplificazione amministrativa e la “sburocratizzazione totale” dell’Italia: “L’autonomia va declinata come burocrazia zero – ha detto – vediamoci e mettiamo già una piattaforma, decidiamo 10-15 punti, tra cui la sburocratizzazione radicale e il trasferimento di alcune competenze alle Regioni, ma intanto non perdiamo questa occasione per dinamizzare l’Italia“.

Dal Consiglio regionale anche la decisione di “manifestare in tutte le sedi istituzionali deputate l’assoluta urgenza di definire, preliminarmente a un’eventuale prosecuzione del percorso dell’autonomia differenziata, i Lep e gli altri strumenti perequativi e di riduzione delle attuali disuguaglianze”, nonché di procedere ad iniziative di carattere divulgativo e di sensibilizzazione presso i cittadini campani sui rischi derivanti dall’autonomia regionale differenziata attualmente delineata dal governo.

Continua a leggere

campania

Ischia. Il governo offre 10 mln, stop a tasse e cartelle esattoriali

Pubblicato

il

Due milioni già stanziati subito dopo l’alluvione, altri 10 in arrivo. Sono i fondi che il governo sta destinando a Ischia dopo i drammatici fatti dello scorso sabato, allo scopo di finanziare gli interventi della Protezione civile e mettere in sicurezza il territorio di Casamicciola. A fare il punto sulla situazione è stato ieri il prefetto di Napoli Claudio Palomba, al termine di un incontro del comitato operativo alla presenza del neo commissario Giovanni Legnini e del capo della protezione civile Fabrizio Curcio. Tutti, ha precisato il prefetto di Napoli, “Sono collocati o in strutture alberghiere o in abitazioni private presso familiari”. Gli edifici da sgomberare sono circa 600. Ci saranno pulmini a disposizione e si cercherà di sistemare tutti in alberghi, senza ricorrere – salvo estrema ratio – a palestre o palazzetti dello sport. “Il lavoro che si farà in queste ore – ha spiegato Palomba – è quello di indicare alla popolazione, in caso di allerta gialla o arancione, di allontanarsi temporaneamente dagli edifici nella fase di allerta“. 

Anche i cittadini che non ricadono nella zona rossa possono allontanarsi dalla propria abitazione – ha spiegato – nel caso ritengano che la zona in cui risiedono sia in pericolo, con accoglienza presso una nave ancorata al porto di Casamicciola”. Lo ha spiegato Italo Giulivo, responsabile della Protezione civile della Campania, al termine della riunione in Prefettura: “La zona si è ampliata semplicemente perché, facendo ulteriori sopralluoghi, si è visto che c’erano dei fabbricati che avevano necessità di essere compresi in azioni di cautela, perché comunque le condizioni di vivibilità di quell’area sono da ripristinare. Questo ha comportato la necessità di allargare le strade interessate perché, finché non saranno pulite con le caditoie e quant’altro, è utile avere la guardia un po’ più alta. Abbiamo provveduto con il nostro Genio civile di Napoli ad attivare un primo intervento di somma urgenza per liberare l’imbocco del tratto intubato del vallone Senigallia e del vallone Fasaniello che erano ostruiti da detrito, quindi la prossima pioggia troverà il suo recapito.

L’intento è riaprire le scuole in presenza, anche perché tra gli sfollati c’è un cospicuo numero di ragazzi. Il commissario Legnini si confronterà con i sindaci”, ha spiegato il prefetto Palomba. Si tratterebbe di Salvatore Impagliazzo, Gianluca Monti e Valentina Castagna. Manca ancora un’ultima persona dispersa. Le ricerche sull’isola vanno avanti senza soluzione di continuità. “Per quanto riguarda il 26 – ha spiegato Calcaterra – nel giorno era stato diramato un avviso alla cittadinanza con indicazioni per la messa in sicurezza. E’ una misura che normalmente nelle allerte meteo di un certo rilievo viene posta in essere e anche il 25 era stato diramato questo avviso, e consegnato alla stampa locale che con sistemi molto più veloci di informazione solitamente colloquia in maniera molto diretta con la cittadinanza. L’avviso era stato pubblicato anche sul sito del Comune di Casamicciola. Poiché l’evento alluvionale è avvenuto alle 5 del mattino quando purtroppo molti cittadini stavano ancora dormendo, probabilmente è stato preso in poca considerazione”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy