Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. Persi circa 8 milioni di euro di Fondi PNRR. Progetti e competenze inadeguate

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Tante parole, fiumi di parole, discorsi, interventi e interviste, durante la campagna elettorale si sono spese e dette parole mai pensate, parole a cui la maggior parte degli afragolesi, così come in altri territori, hanno creduto.

Il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) è stato il leitmotiv di tutte le campagne elettorali a partire dal settembre 2020 ad oggi. Da dove prendiamo i soldi? Dal PNRR. Come facciamo a risanare il Bilancio? Col PNRR. Come facciamo a riqualificare la città, con quali soldi? Quelli del PNRR e così via.

I politici nostrani avevano e hanno capito solo l’opportunità pubblicitaria che il PNRR offriva ma in realtà, non ci è voluto tanto a dimostrare ciò che su queste pagine scrivevo da tempo, ossia, che non sarebbe arrivato neanche un euro dei fondi PNRR perché allo stato attuale nessun ente locale che si rispetti ha in dotazione forze lavoro competenti atte ad individuare fondi e progettare per accaparrarseli.

Una dimostrazione su tutti l’ha data il Comune di Afragola che insieme ad altri comuni campani si è visto bocciare due progetti per riqualificazione e/o nuova costruzione di strutture sportive comunali al margine del “Potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione: dagli asili nido alle università – Investimento 1.3: Piano per le infrastrutture per lo sport nelle scuole – finanziato dall’Unione europea – Next Generation EU”.

Il Comune di Afragola aveva presentato due progetti uno da € 4.360.00,00 e l’altro da € 3.625.000,00, in totale l’Amministrazione Pannone ha perso circa 8 milioni di euro per riqualificare o costruire nuove strutture sportive e tutto questo non può non essere attribuibile all’incapacità politica, amministrativa e gestionale di questa Amministrazione.

Non volendo entrare nel merito della graduatoria e dando un’occhiata ai punteggi non si può non considerare una cosa. Comuni come Campagna, in provincia di Salerno, Agerola, in provincia di Napoli, Casagiove e Sant’Angelo d’Alife, in provincia di Caserta, solo per citare quelli che hanno azzeccato i progetti più costosi, sono stati in grado di presentare una pianificazione adeguata che potesse raccogliere più di 55 punti in graduatoria al confronto di una città popolosa come Afragola, sicuramente ricca di forti competenze, che ne ha collezionati solo 45 su un progetto e 20 su un altro.

Allora la riflessione politica e amministrativa nasce spontanea. Come mai il Sindaco Pannone o chi per esso non è stato in grado di intuire, sin da subito, così come spesso ho denunciato nei miei editoriali, la forte carenza competitiva del personale interno? Come mai non si è mai pensato di servirsi di forze esterne, magari in ambiente accademico, anche per risparmiare soldi e ottenere quel quid di entusiasmo e competenza in più che potesse permettere all’Amministrazione di presentare dei progetti adeguati atti all’approvazione e quindi all’erogazione di fondi? Come mai si è scelto di mortificare quelle poche forze politiche che in questo senso potevano dare una seria mano visto che all’interno del proprio programma elettorale presentavano temi e competenze in merito a questo tema? Ma soprattutto come mai, avendo in seno, quest’Amministrazione, una vicesindaco deputata in Parlamento e membro dell’esecutivo nazionale della Lega, ricordiamolo, partito che insieme a tutti gli altri tranne Fratelli d’Italia, governa il Paese, non è riuscita a creare una filiera politica tale da poter intercedere meglio dal punto di vista delle progettazioni, visto che trattasi di fondi europei e quindi recepiti prima dal Governo e poi dalla Regione Campania? Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Afragola: Droga e armi nel trolley. 36enne arrestata dai Carabinieri

Pubblicato

il

Un bagaglio da non portare con sé in aereo, non avrebbe superato alcun controllo.
Un trolley pieno di armi e droga, nascosto in un vano ricavato ad arte sotto al balcone di casa.
I carabinieri della stazione di Afragola lo hanno sequestrato ad Anna Maiello*, 36enne del posto già nota alle forze dell’ordine. Per questo motivo è finita in manette per detenzione di droga a fini di spaccio, detenzione abusiva di armi clandestine ed è ora in carcere, nel penitenziario femminile di Pozzuoli.

Prima di varcare la soglia della cella, la donna ha ricevuto la visita dei carabinieri. Durante un’accurata perquisizione, i militari hanno trovato in una valigia 3 pistole e stupefacenti sufficienti a confezionare centinaia di dosi. Una Beretta 92FS cal. 9×21: la pistola aveva la matricola abrasa e completava un trio con 2 scacciacani con tappo rosso e relativo munizionamento. Poi 30 grammi di cocaina, 700 di hashish, 92 di marijuana e 4 bilancini per pesare le dosi. Infine in un marsupio ben 3570 euro che i militari hanno sequestrato perché ritenuti provento illecito. Maiello è in carcere, in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Si dimette l’Ass. alle Politiche Sociali Francesco Di Micco

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Altra gatta da pelare per il Sindaco Antonio Pannone. Stamattina al protocollo sono arrivate le dimissioni formali ed irrevocabili dell’Assessore Francesco Di Micco.

Dopo il bilancio, un altro settore molto delicato, soprattutto dopo la querelle legata alla nomina del Direttore dell’Azienda Speciale per le Politiche Sociali, resta senza delegato all’interno dell’esecutivo.

Personali o indotte, ufficiosa o ufficiale la motivazione non si sa. Fatto sta che anche nel settore più “redditizio”, dopo quello dell’urbanistica, opportunamente blindato dal Presidente del Consiglio Biagio Castaldo, ci sarà una corsa all’occupazione della poltrona. Vi terremo aggiornati.

Continua a leggere

Afragola

Napoli. Interruzione idrica su tutto il territorio comunale durante la notte

Pubblicato

il

Il presente messaggio e-mail, e gli allegati allo stesso, sono indirizzati esclusivamente ai soggetti indicati come destinatari, sia che si tratti di destinatari diretti, sia che si tratti di destinatari a cui il messaggio è inviato per conoscenza. Solo i soggetti destinatari, autorizzati alla ricezione, possono effettuare il trattamento del presente messaggio e degli allegati nonché il trattamento dei dati in esso contenuti.

Il contenuto del messaggio e degli allegati può avere natura confidenziale e/o privilegi legali. I dati personali contenuti nel messaggio e negli allegati devono essere trattati conformemente al Reg. n. 679/2016 UE (GDPR) del D.lgs. 196/2003, come modificato dal D.lgs.101/2018. È pertanto illecito il trattamento da parte di soggetti non autorizzati ed è illecita, in particolare, la comunicazione e la diffusione dei dati personali in violazione delle disposizioni del GDPR e della

Normativa interna di adeguamento. Il soggetto non destinatario che, per errore, riceva il presente messaggio è tenuto a non leggere, non copiare, non inoltrare e non archiviare il messaggio medesimo.

È tenuto altresì a darne immediata comunicazione al mittente, anche inviando un messaggio di ritorno all’indirizzo e-mail del mittente medesimo, nonché a eliminare integralmente il messaggio dal proprio sistema informatico, server e client.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante