Resta sintonizzato

Politica

Elezioni, parla la Meloni: “Se FdI prende più voti, il nome giusto è il mio”

Pubblicato

il

Torna a parlare Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che ai microfoni di Rtl 102.5, ha così dichiarato:

“Le regole si conoscono. A differenza di quello che piace molto alla stampa, non farò la campagna elettorale parlando di nomi, premier e ministri. Le regole si conoscono nel centro-destra. Il partito che prende più voti in una coalizione, propone al Presidente del Consiglio la figura che dovrebbe essere indicata, che vorrebbe fosse indicata come premier. Spetta al Presidente della Repubblica. Il nome sono io, perché non dovrebbe esserlo? La cosa che non capisco è: perché la Meloni no? Io penso che chi vota Fratelli d’Italia, voti in quest’ottica”.

Ecco invece le parole di Matteo Salvini, leader della Lega, che ha così risposto a chi gli chiedeva del disaccordo della Meloni, su un suo possibile ritorno al Viminale:

“Chi fa cosa, lo decidono gli italiani con il voto del 25 settembre. Non ci sono ministri adesso, premier, sottosegretari: aspettiamo il 25 settembre. Se gli italiani scelgono il centrodestra e nel centrodestra danno un consenso di più alla Lega, sono pronto a prendermi l’onore e l’onere di prendere per mano questo Paese e di scegliere il meglio per questo Paese”.

Infine, attraverso le sue pagine Facebook, il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, si è così espresso:

“Una pillola al giorno leva il medico di torno. Una pillola al giorno del nostro programma, dovrebbe levare di torno i signori della sinistra. La pillola di oggi, si chiama patrimoniale. Il segretario del Pd, Enrico Letta, ha già annunciato di voler introdurre una patrimoniale sui nostri risparmi e un’imposta sulle successioni. Noi, al contrario, non approveremo mai, in modo assoluto, un’imposta patrimoniale sulla casa, un’imposta patrimoniale sui risparmi, un’imposta sulle successioni e sulle donazioni. Se sei d’accordo, se pensi anche tu che il denaro, guadagnato onestamente e già pesantemente tassato, debba rimanere nostro per i nostri figli e i nostri nipoti, il 25 settembre devi andare a votare e devi votare Forza Italia”.

campania

Risultato delle elezioni eletti e sconfitti in Campania alla Camera e al Senato

Pubblicato

il

Si conosceranno entro la giornata di oggi tutti i nomi dei deputati ed i senatori eletti in Campania, 38 tra i primi e 18 tra i secondi, quando sarà possibile avere i dati definitivi a livello nazionale per la ripartizione dei seggi che vengono assegnati col sistema proporzionale. Prima di addentrarci in una prima carrellata (già possibile) di vincitori e sconfitti, ha senso analizzare alcuni significativi dati generali del voto a Napoli ed in Campania. 

Ancora più grave la situazione a Napoli, con soltanto il 49,74% degli aventi diritto che hanno votato: poco più che alle comunali del 2021 (47,17%), ma molto meno rispetto alla politiche del 2018 (60,52%).Per quanto riguarda i risultati dello spoglio, al Senato il primo partito in Campania è il Movimento 5 Stelle col 34,9%, poi la coalizione di centrodestra col 33,2% (FdI 18%, FI 10,7%, Lega 4,1%, Noi Moderati 0,6%), la coalizione di centrosinistra col 22,3% (Pd 15,7%, Verdi-Sinistra 2,7%, +Europa 2,1%, Impegno Civico 1,5%), poi Azione-Iv 5,3%, Unione Popolare 2%, Italexit 1,4%, Mastella 1,2%. Alla Camera invece i risultati sono questi: Movimento 5 Stelle col 34,6%, poi la coalizione di centrodestra col 32,2% (FdI 17,4%, FI 9,7%, Lega 4,4%, Noi Moderati 0,7%), la coalizione di centrosinistra col 22,1% (Pd 15,5%, Verdi-Sinistra 2,8%, +Europa 2%, Impegno Civico 1,8%), poi Azione-Iv 5,2%, Unione Popolare 2%, Mastella 1,4%, Italexit 1,1%, Italia Sovrana e Popolare 0,8%, Animalisti 0,2%, Partito Comunista Italiano 0,1%, Vita 0,1%.

Queste ultime percentuali derivano dalla somma dei voti delle due circoscrizioni in cui è divisa la regione, Campania 1, relativa all’area metropolitana di Napoli; e Campania 2, relativa al resto delle province. Interessante approfondire il dato napoletano. I risultati in città infatti sono particolarmente diversi rispetto al resto del paese: il Movimento 5 Stelle è addirittura al 41,41%, il centrodestra al 26,89%, il centrosinistra al 21,6%, Unione Popolare al 2,6%. A Napoli il M5S vince tutti i 7 collegi uninominali per la Camera. Risultano quindi eletti Sergio Costa a Napoli Fuorigrotta, Gaetano Amato a Torre del Greco, Carmela Auriemma ad Acerra, Dario Carotenuto nel collegio Napoli San Carlo all’Arena, Antonio Caso a Giugliano in Campania, Carmela Di Lauro nel collegio Somma Vesuviana e Pasqualino Penza nel collegio di Casoria.

Altri sicuri sconfitti “eccellenti” Sandro Ruotolo a Torre del Greco, Paolo Siani, l’ex ministro Vincenzo Spadafora (candidato con Di Maio), il vicepresidente della giunta regionale, il deluchiano Fulvio Bonavitacola. Al centrodestra vanno 5 uninominali della circoscrizione Campania 2: Gianfranco Rotondi ad Avellino, Gerolamo Cangiano ad Aversa, Carmen Letizia Giorgianni a Caserta, Giuseppe Bicchielli a Salerno, Attilio Pierro ad Eboli.

Continua a leggere

Politica

Elezioni, Letta lascia: “Guiderò il partito fino al Congresso, il Pd si avvia verso una fase delicata”

Pubblicato

il

Si respira un’aria pesante al Nazareno, dopo l’esito delle elezioni di ieri, che hanno visto la schiacciante vittoria di Fratelli d’Italia, con la conseguente sconfitta del Pd. A tal proposito, il segretario Democratico Enrico Letta, ha così commentato:

“All’esito del voto di oggi un risultato è stato raggiunto, tenere unito il Pd. Spero che il governo Meloni nasca nei tempi più rapidi possibili, c’è una legge di bilancio da fare”. 

Poi, Letta, si sofferma sulla mancata opportunità delle alleanze, con i numeri che dimostrano che l’unica via era il campo largo, “strada non perseguibile, ma non per nostra responsabilità”, in riferimento al leader di Azione Carlo Calenda, la cui candidatura nel collegio di Emma Bonino, “ha finito per aiutare l’elezione della candidata di destra”. 

Poi, aggiunge: “Se siamo arrivati al governo Meloni, è per via del fatto che Giuseppe Conte ha fatto cadere Draghi. Bisogna operare delle riflessioni su cosa è e cosa dev’essere il nuovo Partito Democratico. Assicurerò la guida del partito fino al Congresso, in quello che è un atto d’amore per l’Italia e l’Europa”.

Infine, ha così concluso: “Con questa destra, chi verrà dopo di me, dovrà lavorare per un lavoro che dia un’alternativa alla maggioranza degli italiani. Non sono mai stato per l’autosufficienza, non sono mai stato per l’isolamento, sono sempre stato per il dialogo. Adesso il Pd, si avvia verso una fase delicata”. 

Continua a leggere

Politica

Elezioni, Salvini commenta: “Il dato della Lega non mi soddisfa, ma in un governo di cdx saremo protagonisti”

Pubblicato

il

Tra gli sconfitti di queste elezioni, possiamo sicuramente annoverare il leader della Lega Matteo Salvini, che ha così commentato l’esito:

“Sono cento tondi, i parlamentari della Lega al lavoro da domani, il Carroccio è il secondo partito del centrodestra e ce la giochiamo con il Pd, come secondo in assoluto. Conto che per almeno cinque anni si tiri dritto senza cambiamenti, con una maggioranza chiara di centrodestra. Complimenti alla Meloni, è stata brava. Lavoreremo insieme a lungo”.

Poi, aggiunge: “Il dato politico è che è stata premiata l’opposizione. Fratelli d’Italia è stata brava a fare una forte opposizione e certo, aver governato quasi due anni non è stato semplice, ma considerando com’era la situazione, lo rifarei”.

Poi, Salvini torna sul risultato della Lega:

“Il dato della Lega non mi soddisfa, non è quello per cui ho lavorato, ma con il 9% siamo in un governo di centrodestra in cui saremo protagonisti. Entro la fine dell’anno, faremo i congressi in tutte le 1400 sedi. Poi, faremo l’anno prossimo i congressi provinciali e regionali. Sulla Lombardia ho letto analisi simpatiche. Ma il centrodestra, è sopra il 50% nella Regione. Quindi, anche in ottica Regionali, la squadra che vince non si cambia”.  

Infine, conclude: “Una fase di riorganizzazione del movimento, puntando su sindaci e amministratori, è fondamentale. Ringrazio i 20mila militanti del partito, che sono il terreno su cui costruire, e se qualcuno ha altri progetti… questa non è una caserma. Tutti sono utili e nessuno è fondamentale”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante